Come Misurare Il Coefficiente D'Attrito Statico

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il coefficiente d'attrito statico è una costante comune a coppie di corpi che posti a contatto fra di loro generano una forza d'attrito. Nel caso nel quale i due corpi (generalmente un vincolo e un oggetto) rimangano immobili l'attrito viene chiamato statico. Con la guida di oggi andiamo a vedere come misurare in maniera sperimentale questo coefficiente.

26

Occorrente

  • banco da lavoro
  • parallelepipedo
  • dinamometro
  • filo instensibile
  • quaderno
36

La prova ha come finalità il calcolo del coefficiente d'attrito radente statico tra il banco da lavoro (ripiano orizzontale) e un parallelepipedo. L'attrito radente è il particolar tipo di attrito dovuto allo strisciamento di due superfici fra di loro. L'ulteriore obiettivo della prova è quello di verificare se il coefficiente d'attrito radente statico varia quando varia il peso del parallelepipedo che viene impiegato.

46

Per prima cosa determina con l'ausilio del dinamometro il modulo della forza peso F del parallelepipedo che hai scelto di usare nell'esecuzione della prova annotando il peso su un quadernetto. Successivamente appoggia sul ripiano orizzontale (banco da lavoro) il parallelepipedo. Ora lega quest'ultimo lateralmente con il filo. A questo punto devi posizionare orizzontalmente il dinamometro: non dimenticare di azzerarlo! Lega infine al filo inestensibile il suo gancio.

Continua la lettura
56

Ora inizia gradualmente a tirare avendo cura di tenere il dinamometro per mezzo dell'anello. Mi raccomando fai in modo che esso rimanga parallelo al banco di lavoro. Noterai che il parallelepipedo rimarrà immobile finché non applichi una forza tale da determinarne lo spostamento. Non appena si verifica uno spostamento vai a controllare il valore che indica il dinamometro e riporta il risultato sempre sul quadernetto, questa forza corrisponde all'attrito statico Fa.

66

Per finire puoi calcolare il coefficiente d'attrito statico K ricorrendo alla seguente formula: K = Fa/F. Per ottenere un valore il più possibile attendibile di K, ti consiglio di ripetere più volte la prova. La prova va ripetuta, inoltre, usando parallelepipedi di peso differente (ma sempre di uguale materiale) in maniera tale da verificare se cambia il valore del coefficiente d'attrito statico quando varia il peso del parallelepipedo. Traendo le conclusioni possiamo affermare che il coefficiente di attrito statico rimane invariato se le masse dei due corpi variano ma che se cambiamo la tipologia di materiali a contatto fra di loro dovremo andare a effettuare nuovamente la misura di questa costante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare la forza frenante

Per chi ama i settori scientifici e desidera proseguire gli studi con dei percorsi universitari ad indirizzo fisico o matematico, sicuramente inizialmente potranno esserci delle difficoltà a capire per esempio degli argomenti specifici come quello delle...
Università e Master

Come calcolare la forza di attrito

Attorno a noi ci sono molti oggetti fermi. Questi, infatti, restano immobili fino a quando una qualsiasi forza esterna non interviene, muovendole. Così quando vogliamo muovere un corpo si spinge con una mano. Oppure se lo tiriamo per mezzo di una fune....
Superiori

Come calcolare l'angolo di un piano inclinato

In fisica, per piano inclinato si intende una particolare macchina semplice costituita da una superficie piana disposta in modo tale da formare un angolo maggiore di 0° e minore di 90° rispetto alla verticale, che viene rappresentata dalla direzione...
Superiori

Come calcolare l'attrito volvente

Alcune materie scolastiche sono purtroppo un vero e proprio incubo per gli studenti; lo scoglio maggiore da superare sono senza dubbio sicuramente le materie scientifiche dall'algebra alla fisica, dalla chimica alla matematica. Specialmente negli ultimi...
Superiori

Come calcolare la forza di attrito minima

La forza di attrito è una forza che si oppone al movimento di due corpi ed è uno degli argomenti cardine della fisica. Oggi si possono osservare degli esempi pratici di questo argomento nel mondo reale e per questo potrebbe risultare molto utile sapere...
Università e Master

Come valutare il coefficiente d'attrito di Darcy

La meccanica dei fluidi è una branca della meccanica che si occupa di valutare i fluidi, ovvero i liquidi o gli aeriformi e viene denominata dagli addetti ai lavori fluidodinamica. I fluidi nel loro scorrere subiscono dei rallentamenti dovuti alle superfici...
Superiori

Come trovare il coefficiente d'attrito dinamico

Attraverso i passaggi successivi questa guida ci occuperemo di spiegarvi come è possibile trovare, in maniera semplice e precisa, il coefficiente d'attrito dinamico, che viene perfettamente contraddistinto dal simbolo u (k). Si tratta di un parametro...
Superiori

Come determinare la viscosità di un liquido

Nello studio della dinamica una grandezza assume particolare importanza. Essa è la viscosità di un fluido. Questa grandezza fisica misura la resistenza con la quale gli strati di un qualsiasi liquido si oppongono allo scorrimento. Questa grandezza è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.