Come insegnare a un bambino a leggere

di Ralf Bloom tramite: O2O difficoltà: media

Diminuendo gli sforzi diminuiranno le fatiche e la scuola si rivelerà molto meno stressante. Un bambino piccolo che impara a leggere non solo rende fierissimi i suoi genitori ma accresce in modo esponenziale la sua autostima. Per aiutare i nostri bellissimi bambini, vediamo come bisogna insegnare a leggere.

Assicurati di avere a portata di mano: lettere di plastica

1 Alcuni studi dimostrano inoltre che i bambini che imparano a leggere prima di cominciare le scuole elementari hanno grandi possibilità di successo nella vita scolastica futura in quanto partono in qualche modo avvantaggiati. L'età giusta per cominciare ad avvicinare i bambini ai libri si aggira intorno ai 4 anni. A quell'età i bambini sono molto curiosi e pronti ad imparare cose nuove. La cosa più importante sarà avere pazienza, i bambini devono avvicinarsi alla lettura con leggerezza, non pretendete troppo subito e non innervositevi facilmente. I bambini vivranno questa nuova esperienza come un gioco per cui non bisognerà caricarli di pesanti aspettative.

2 Per rendere più semplice la lettura sarà meglio insegnare ai bambini anche i primi rudimenti di scrittura. Le due cose infatti procedono di pari passo, inoltre sarà molto più semplice associare dei suoni a dei caratteri scritti oltre che a disegni o oggetti reali. Cominciate sempre con parole semplici che rappresentano ciò con cui i bambini hanno a che fare.

Continua la lettura

3 Prima di cominciare a leggere però è bene che i bambini imparino l'alfabeto, provate ad insegnarglielo come una canzoncina o una filastrocca, ripeteteglielo più volte e fate in modo che vi imitino.  Provate poi ad insegnargli il suono delle lettere Approfondimento 5 giochi per imparare l'alfabeto (clicca qui) I suoni sono diversi dalle lettere dell'alfabeto e sono molto importanti per cominciare a leggere.  Prendiamo la lettera G il suo suono è diverso nelle parole "gatto" e "gioco", spiegatelo ai vostri bambini e fate fare anche a loro degli esempi.

4 Insegnate ai bambini che esistono parole che iniziano con la stessa lettera, sottolineate la prima lettera e provate a fargliele riconoscere all'interno di altre parole, non sgridateli quando sbagliano e incoraggiateli sempre, gratificandoli quando raggiungono l'obiettivo.

5 Quando il bambino avrà una minima padronanza di lettere e parole potrete complicare leggermente le attività, prendete delle parole delle parole e cambiando le lettere createne di nuove. Ad esempio partendo da "cosa", sostituendo la prima lettera avrete "posa", "rosa", sostituendo la seconda avrete "casa" e così via, proprio come un gioco.

Come scrivere in corsivo a scuola Leggere e scrivere sono due degli apprendimenti didattici che vengono insegnati ... continua » Come insegnare ai bambini l'alfabeto inglese La lingua inglese viene insegnata ai bambini sin dalla scuola materna ... continua » 10 idee per insegnare l'inglese a bambini Insegnare l'inglese ai bambini molto piccoli non è un compito ... continua » Come quantificare la differenza tra due parole Anche se nell'uso comune le utilizziamo tutte con apparente naturalezza ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Antologia: la poesia

"Non leggiamo o scriviamo poesie perché è carino. Noi leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana". Così dice ai suoi allievi il ... continua »

Appunti di arabo

In questo articolo/guida, viene affrontato un argomento particolare, cioè, la lingua araba; una lingua con una lunga storia alle spalle, la storia di un ... continua »

Appunti di spagnolo

Lo spagnolo è una delle lingue più parlate del mondo e, appartenendo alla famiglia delle lingue romanze di radice indoeropea, si avvicina moltissimo all'italiano ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.