Come funzionano le forze parallele discordi

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La fisica è una di quelle materie che per gli studenti, sia all'università che a scuola, può provocare davvero tanti grattacapi. Purtroppo le nozioni teoriche non sempre vengono comprese in maniera chiara e netta. Questo può determinare delle problematiche non indifferenti ai fini di una corretta comprensione generale della materia. In questa guida avremo l'opportunità di eseguire un piccolo esperimento per dimostrare il funzionamento di particolari tipi di forze. Infatti vedremo, attraverso una serie di semplicissimi e chiarissimi passaggi, come funzionano le forze parallele discordi. Questo esperimento può aiutarci ad apprendere meglio la teoria di queste forze. Chiaramente potreste eseguire l'esperimento con l'ausilio dei vostri compagni di studio. In modo da creare un vero e proprio gruppo di lavoro e avere un maggiore aiuto per quanto riguarda la parte relativa ai calcoli. Inoltre in questo modo si avrà l'opportunità di scambiare idee e commenti sull'esperimento.

25

Innanzitutto, dovrete effettuare le seguenti operazioni: posizionare le tre carrucole sugli altrettanti sostegni ed applicare, su una di esse, il filo più il gancetto sulla sbarra; collocare le altre due soltanto dopo aver scelto un punto P sulla asta forata ed i valori delle forze paralleli.
Si dovrà calcolare la risultante di queste ultime e se è pari a zero, l'asta rimarrà in equilibrio: se cosi non dovesse essere, si dovrà trovare la forza equilibrante e la sua rispettiva distanza rispetto al P prescelto precedentemente.

35

Dopo aver eseguito tutti i calcoli, si proverà a farlo sperimentalmente, agganciando alle altre due carrucole: il filo, il gancetto ed i pesetti.
Se la forza va verso il basso, è negativa per convenzione e lo spago con i piccoli pesi dovrà stare davanti alla sbarra; se, invece, essa punta verso l'alto, sarà positiva ed i rispettivi carichi saranno posizionanti dietro l'asta.

Continua la lettura
45

Come nella prova delle forze parallele, si dovranno utilizzare le condizioni di equilibrio: se la loro sommatoria è zero, la barra rimane bilanciata ed, in questo caso, la risultante sarà diversa da zero, per cui bisognerà mettere una forza equilibrante e si dovrà trovare la sua rispettiva distanza dal punto P, che si prende arbitrariamente.

55

Il momento è dato dalla forza parallela moltiplicata per la distanza da P; terminati i calcoli, si proverà a posizionare sperimentalmente le lontananze calcolate, per vedere se l'asta rimane in equilibrio: se cosi fosse, vorrà dire che l'esperimento è stato eseguito correttamente, altrimenti bisognerà ripetere i conteggi. La sommatoria dei momenti deve essere necessariamente nulla. Non resta altro da fare che rimboccarsi le maniche e mettersi sotto nella realizzazione di questo esperimento. A questo punto vi auguro buon lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il momento di una coppia di forze

Una delle materie scolastiche che la maggior parte dei ragazzi delle scuole superiori teme è la fisica. Le svariate formule matematiche e la rigorosità di tale materia potrebbero essere le principali cause per le quali rappresenta da sempre una materie...
Superiori

Come verificare sperimentalmente la legge di Hooke

È possibile dimostrare che un corpo elastico soggetto ad una forza F subisce una deformazione che è direttamente proporzionale all'intensità della forza applicata. Consideriamo una molla elastica del tipo elicoidale e diciamo L0 la sua lunghezza a...
Superiori

Regole fondamentali dei numeri relativi

La matematica è una materia vasta e complessa che richiede molti anni di studio per essere appresa e capita. Ma con le giuste basi e l'esercizio costante, sara' possibile imparare la materia, o perlomeno alcune parti di essa in maniera veloce e in tempi...
Superiori

Fisica: l'esperimento di Young

Thomas Young, nato nel giugno del 1773, è stato un importante scienziato inglese, divenuto celebre per i suoi studi in fisica. Egli si concentrò sui temi della meccanica dei solidi e sulla luce ed è inoltre ricordato anche per i suoi studi in ottica....
Università e Master

Come Calcolare Il Momento Flettente

Quando consideriamo un corpo, come ad esempio una trave soggetta a forze esterne e reazioni ai vincoli che le vengono imposti, a noi può risultare immobile, perché tali azioni generano un sistema di forze in equilibrio; in realtà, caricando la struttura,...
Superiori

Come risolvere i prodotti notevoli dei binomi

In questa guida andremo a capire insieme come risolvere i prodotti notevoli dei binomi. Per prima cosa però bisogna capire di cosa si tratta, cosa si intende per prodotto notevole dei binomi. Analizzando la frase parola per parola, capiamo che si tratta...
Università e Master

Come risolvere un problema di fisica con carrucole

È ormai risaputo che matematica e fisica sono materie fondamentali, su cui si basano quasi tutti i problemi di vita quotidiana. Un tipico problema di fisica è quello legato alla tensione dei fili e alla presenza di una o più carrucole. Per capire meglio...
Superiori

Appunti di fisica: la forza

All'interno di questa guida parleremo di fisica, in particolar modo del concetto di forza.Questa disciplina studia le cause dei movimenti e gli equilibri delle forze. Basti pensare che in ogni momento della nostra vita, tutti i nostri gesti avvengono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.