Come funziona il brainstorming

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Spesso qualche problema può appesantire i pensieri senza riuscire a metterli in fila per poter giungere alla soluzione dello stesso. Sia esso un tema da svolgere in classe o in casa, sia un problema derivante da una disorganizzazione delle idee, di un progetto lavorativo o, semplicemente, dal dover portare a termine una creazione artistica, si ha la necessità di fermarsi e capire come fare per raccogliere le idee. Ecco in questa guida qualche consiglio che vi spiegherà come funziona il brainstorming e come metterlo in atto.
.

27

Occorrente

  • tema iniziale
  • carta e penna
  • fantasia e concentrazione
37

Prima di tutto chiariamo, per chi non lo sapesse, di cosa si tratta il branistorming: la parola è formata da due termini, brain, che vuol dire cervello e storming, che vuol dire tempesta e quindi il significato è "usare il cervello per prendere d'assalto un problema". Ecco perché si parla, come introdotto in precedenza, di una serie di problemi che di base riguardano la creazione, lo svolgimento di un progetto, di un tema, o, comunque, di un lavoro che va svolto solo ed esclusivamente con la mente. Il brainstorming è effettivamente, una metodica che aiuta a concentrare le idee, raccogliere i pensieri ed in pochi passi, sviluppare e stimolare la creazione di altre nuove progettazioni.

47

La prima tappa per iniziare il brainstorming è sicuramente quella di incentrare eventuali idee focalizzandole in una mappa: al centro di un foglio, quindi, scrivere la parola chiave della traccia (il tema di classe oppure lavorativo da progettare) per poi cerchiarla. A questo punto, dal centro della parola far partire una serie di freccette via via più lontane e quindi meno importanti o più marginali rispetto all'argomento in questione. Su di esse dovranno delinearsi le principali fonti collegabili alla parola chiave: per esempio un tema su Leopardi vedrà la prima fascia di freccette concentrarsi sulla biografia, il suo pessimismo ecc.

Continua la lettura
57

La seconda fascia delle freccette, invece, dovrà essere dedicata ad un esame più largo ma al tempo stesso dettagliato dell'argomento che si sta creando. La mappa infatti, così sviluppata, permetterà l'ampliarsi del tema da risolvere perché si creerà una sorta di concentrazione su di esso tale da incentivare il cervello a pensare ed entrare nei dettagli fino alla soluzione finale. Tale soluzione, verrà rappresentata sulla terza fascia di freccette dove si giungeranno facilmente alle considerazioni finali (eventuali pro e contro ad esempio) ed alle conclusioni sullo stesso lavoro svolto, per esempio, eventuali proposte d'indagine.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per sollecitare il cervello nella ricerca delle parole, si può tranquillamente fare uso del vocabolario.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Maturità

I migliori programmi per progettare mappe concettuali

Le mappe concettuali nell'apprendimento sono un metodo di studio davvero efficace. Ci aiutano a semplificare con delle parole chiave l'argomento. Viene creato uno schema, questo ci aiuta a ricordare meglio. Esistono molti programmi ormai che si occupano...
Superiori

Come sviluppare un tema

Qualsiasi indirizzo scolastico si voglia prendere, l'insegnamento della lingua italiana è una materia comune a tutte le scuole elementari, medie superiori del nostro Paese. Per la valutazione scritta della materia, di solito viene considerato lo sviluppo...
Superiori

Come svolgere un tema

Svolgere un tema è richiesto ai ragazzi sin dai primi anni di scuola elementare, ma spesso gli studenti non hanno ben chiaro cosa sia un tema ed il modo in cui deve essere scritto. Ecco così che il tema perde fluidità divenendo un insieme di parole...
Elementari e Medie

Come ricordare parole difficili

Tutti noi abbiamo avuto delle difficoltà nel ricordare parole particolarmente difficili. Quando si desidera allargare la propria cultura, ci si apre inevitabilmente a nuovi orizzonti linguistici ed all'apprendimento di nuovi termini da poter utilizzare...
Superiori

Come organizzare un'uscita didattica

Pianificare una gita è sempre un'attività molto stimolante per gli studenti poiché permette loro di imparare, osservare ed apprendere una grande quantità di nozioni nuove, così come di mettere in pratica ciò che si è studiato teoricamente. Questa...
Superiori

Come ottimizzare la sottolineatura durante lo studio

Ad ogni grado di studio, avere un metodo personale per la lettura e la memorizzazione delle informazioni è fondamentale. Solo in questo modo si può condurre un'analisi dei contenuti efficace. Fissare i concetti senza studiarli a memoria è indispensabile...
Superiori

10 trucchetti per ridurre il tempo di studio

Minimo impegno, massimo risultato. Tutti vorremmo che fosse così, soprattutto gli studenti. A qualsiasi livello di istruzione, infatti, occorrono diverse ore di studio per poter raggiungere degli obbiettivi. Tuttavia ci sono alcuni trucchetti che potrebbero...
Superiori

Come ottimizzare il metodo di studio

Avere un buon metodo di studio è fondamentale per memorizzare quanto si è studiato e riuscire a superare interrogazioni, esami universitari, concorsi pubblici e ogni altra situazione che richiede l'apprendimento di molte nozioni, spesso in un tempo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.