Come Formare La Perifrastica Attiva E Passiva In Latino

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il latino è una lingua che veniva anticamente parlata in Europa, ma che oggi non viene più parlata in nessuna parte del mondo. Tuttavia, in alcune scuole, come ad esempio ai licei classici, viene ancora insegnata allo scopo di far comprendere meglio agli studenti le opere di antichi artisti. Nella seguente guida vedremo in particolare come formare la perifrastica attiva e passiva (o coniugazione perifrastica passiva), che è il modo con cui le grammatiche scolastiche chiamano un costrutto sintattico della lingua latina e del greco antico.

24

Definizione di perifrastica

Nella grammatica latina viene definita perifrastica attiva o (coniugazione perifrastica attiva) un costrutto costituito dal participio futuro accompagnato dal verbo esse coniugato nel modo e nel tempo richiesto. Tanto il participio futuro quanto il verbo essere concordano con il soggetto: il primo, in quanto aggettivo verbale, in genere, numero e caso; il secondo in persona e numero. La perifrastica attiva è una perifrasi che esprime l'imminenza di un'azione, l'intenzione di fare qualcosa e la predestinazione a compierla; vale a dire che tutte quelle sfumature che sussistono in italiano con le circonlocuzioni «sto per», «mi accingo a», «sono sul punto di», «ho intenzione di», «sono destinato a», «sono in procinto di». Possono formare la perifrastica attiva tutti i verbi attivi e deponenti, purché forniti di participio futuro (sempre attivo).

34

La costruzione impersonale

La costruzione impersonale si presenta quando il verbo latino è intransitivo, quando esso viene utilizzato intransitivamente, ovvero senza che ci sia un termine con cui il gerundivo possa concordare; in questo caso non può avere luogo una costruzione passiva. Il gerundivo prende la forma neutra in -dum e il verbo sum è alla terza persona singolare; ad esempio: Tibi non modo deliberandum est, verum etiam agendum. = Tu non devi solo deliberare, ma anche agire.

Continua la lettura
44

Il gerundio e il gerundivo

Il gerundio ed il gerundivo nella forma passiva presentano alcune differenze. L'infinito (non diversamente da un qualunque altro sostantivo), oltre alle funzioni di soggetto e di oggetto, può assumere anche quelle degli altri complementi; il gerundio ha il compito di fare le veci dei casi obliqui dell'infinito. Il gerundivo, invece, è un aggettivo verbale in -undus, -a, -um con valore passivo. Lo presentano quindi soltanto i verbi transitivi, compresi quelli deponenti. Il gerundivo concorda in genere, numero e caso con un nome, senza il quale non è possibile utilizzarlo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Perifrastica attiva in latino

Gli studenti del liceo sono tenuti a imparare diverse lingue, che al'inizio sembrano molto difficili. Una di queste è il latino, che spesso viene considerata lingua "morta" ed è caratterizzata dalla presenza di numerose regole da seguire. Se sei già...
Lingue

Latino: gerundio e gerundivo

Studiare le lingue è una bellissima cosa, permette, oltre che di comunicare con altre persone del resto del mondo, di conoscerne anche la cultura. Ma c'è una lingua, più antica e ancora oggi piuttosto studiata che è alla base della nostra attuale...
Superiori

Come coniugare i verbi deponenti in Latino

Mentre in italiano i verbi sono o di forma attiva (es. Io lodo) o di forma passiva (es. Io sono lodato), in latino esistono anche verbi di forma passiva, ma di significato attivo: i verbi deponenti. I grammatici li hanno chiamati così pensando erroneamente...
Superiori

Come fare l'analisi del periodo in latino

Eccoci qui pronti a proporre ai nostri lettori, che a scuola studiano il latino, un argomento che in questa lingua, mai passata di moda e di tempo, riscuote molto interesse ed anche importanza. Stiamo parlando del come poter fare l'analisi del periodo...
Superiori

Latino: le quattro coniugazioni

Lo studio della lingua latina oggi è particolarmente diffuso in molte scuole d'Italia, in quanto è stata riconosciuta come la lingua ufficiale delle antiche civiltà ed è la lingua base delle moderne lingue. In questa guida analizzeremo le quattro...
Superiori

Come affrontare una versione di latino

Tradurre una versione di latino non è sicuramente l'operazione più semplice da compiere: tuttavia, seguendo alcune tappe in modo rigoroso, potrete riuscire ad affrontare in modo sereno ed arrivare ad una traslitterazione molto fedele nella lingua. È...
Superiori

Latino: verbi anomali

Nella lingua latina possiamo trovare un certo numero di verbi che non appartengono alla cosiddetta coniugazione regolare a causa di alcune anomalie nella flessione. Le anomalie possono riguardare i temi per la formazione dei tempi fondamentali o i mutamenti...
Superiori

Come Costruire I Verba Dicendi, Existimandi, Iubendi E Impediendi

La lingua latina ha tante sfumature e forme particolari; in questa guida cercheremo di spiegare in modo semplice e chiaro come utilizzare in maniera corretta i verba dicendi (cioè del dire), existimandi (del credere), iubendi (del comandare) ed impediendi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.