Come formare il pretèrito indefinido in spagnolo

di Silvia Monti tramite: O2O difficoltà: media

In spagnolo, quando si parla di forme verbali legate al passato, può scaturire un po’ di confusione. Lo scopo di questo tutorial consiste nello spiegarvi dettagliatamente come formare il Pretèrito indefinido, così da chiarire qualsiasi dubbio a riguardo.
Innanzitutto, tenete presente che, nella lingua spagnola, le forme del passato sono tre:
1) il Pretérito Imperfecto (es. Yo hablaba), che corrisponde all’Imperfetto dell’italiano. Si usa per descrivere un’azione che si ripete abitualmente nel passato.
2) il Pretérito Perfecto (es. Yo he hablado), tradotto in italiano con il Passato Prossimo. Indica avvenimenti iniziati nel passato e non ancora terminati nel presente.
3) il Pretèrito Indefinido (yo hablé), che traduce il nostro Passato Remoto. Esprime, quindi, una precisa azione, iniziata e terminata nel passato.
Una volta delineate le differenze tra le varie forme di Pretèrito, non vi resta che memorizzare le regole grammaticali del Pretèrito Indefinido.

Assicurati di avere a portata di mano: Un buon libro di grammatica spagnola

1 LA REGOLA PRINCIPALE.
Il Pretèrito Indefinido regular si forma con determinati suffissi, che cambiano a seconda della coniugazione dei verbi.
VERBI IN –AR (es. Amar).
Am-è
Am-aste
Am-ò
Am-amos
Am-asteis
Am-aron
VERBI IN –ER/-IR (es. Comer, Partir).
Com-ì
Com-iste
Com-iò
Com-imos
Com-isteis
Com-ieron
_________

Part-ì
Part-iste
Part-iò
Part-imos
Part-isteis
Part-ieron

2 LE IRREGOLARITA’.
Vi raccomandiamo di porre molta attenzione alle eccezioni del Pretèrito Indefinido.
Ricordate che Ir e Ser seguono la stessa coniugazione:
Fui
Fuiste
Fue
Fuimos
Fuisteis
Fueron.
I verbi terminanti in –gar/–car, cambiano in -gué/qué (Es.: llegar - llegué; explicar - expliqué).
Nei verbi in –zar, il suffisso diventa -cé (Es.: empezar - empecé).
Inoltre, esistono numerosi verbi irregolari, che hanno tutti la medesima terminazione, ma mutano la radice.
Tra i principali, abbiamo:
Decir – Dij – Dije
Estar – Estuv – Estive
Hacer – Hic – Hice
Poder – Pud – Pude
Saber – Sup – Supe
Poner – Pus – Puse
Tener – Tuv – Tuve
Querer – Quis – Quise
Venir – Vin – Vise.
Vi consigliamo di imparare a memoria le eccezioni. Così facendo, eviterete di imbattervi in sgradevoli errori grammaticali e di forma.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 MARCATORI TEMPORALI
Il Pretèrito Indefinido si accompagna spesso a particelle temporali, che aiutano ad incrementare il concetto di un’azione iniziata e terminata nel passato Approfondimento Tedesco: il Plusquamperfekt (clicca qui)
Tra le principali, abbiamo:
Ayer (ieri)
El mes pasado (il mese scorso)
La semana pasada (la scorsa settimana)
El otro dìa (l’altro giorno)
Aquel/ese dìa (quel giorno)
El lunes/ el martes… (il lunedì, il martedì…)
Hace mucho (da tanto)
Hace un rato (negli ultimi tempi).
Non vi resta che memorizzare scrupolosamente le regole principali del Pretèrito Indefinido.  Vedrete che, applicandovi regolarmente, sarete in grado di riconoscere ed esprimere in Spagnolo azioni e concetti legati al passato.

Non dimenticare mai: Applicatevi con regolarità e memorizzate le eccezioni del Pretèrito Indefinido. Con un esercizio costante e ricorrente, eliminerete dubbi ed incertezze. Alcuni link che potrebbero esserti utili: Lingua spagnola: i verbi

Spagnolo: discorso indiretto I verbi ausiliari in tedesco Spagnolo: la coniugazione dei verbi al presente Come ripassare i verbi

Il presente contributo è stato redatto dall'autore ivi menzionato a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e può essere modificato dallo stesso in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore dello stesso, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tale contributo e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altri articoli