Come formare il gerundio in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La guida che state per leggere avrà il suo fulcro centrale nella spiegazione della formazione dei verbi in inglese, con la maggior attenzione che verrà concentrata nello spiegare come poter riuscire a formare il gerundio in inglese. Possiamo immediatamente incominciare la nostra serie di argomentazioni su questa tematica che, come scoprirete a breve, non è affatto difficile.
La lingua inglese è quella parlata in tutto il mondo, per cui se ci piace viaggiare, la conoscenza dell'inglese ci permetterà di comunicare facilmente in qualsiasi posto.
Per imparare l'inglese o altre lingue, potremo recarci presso agenzie che effetutano corsi appositi spendendo però cifre elevate. Se invece vogliamo provare a risparmiare qualcosa, potremo imparare la lingua di nostro interesse, semplicemente seguendo le moltissime guide presenti su internet.

27

Occorrente

  • studio della grammatica
37

Il gerundio in inglese

Rispetto alla lingua italiana, poter riuscire a imparare la coniugazione dei verbi in inglese non è così difficile e, inoltre, la grammatica della lingua inglese ha meno aspetti complessi in quanto a regole, che vanno a ripetersi più volte. Dovrete semplicemente prendere dimestichezza con una serie di aspetti che vi permetteranno, nel tempo, e con allenamento, di riuscire a parlare sempre con maggior fluidità la lingua inglese.
Innanzitutto bisogna sapere che il gerundio inglese traduce in italiano sia il gerundio stesso che il participio presente.
Esso si forma semplicemente dall'infinito del verbo senza il "to" e con l'aggiunta del suffisso "ing". Ad esempio: to work=lavorare, diventerà "working". Ci sono però alcune eccezioni che non possiamo trascurare.

47

La regola generale

I verbi che terminano in "e", formano la loro coniugazione nella forma del gerundio andando a far cadere la "e" finale, per poi aggiungerci il famoso suffisso "ing". Questa regola ha due eccezioni: il verbo essere "to be" e il verbo "to see", ovvero vedere.
Quindi: to love=amare diventerà "loving", to close=chiudere, diventerà "closing", to have=avere, diventerà "having".

Continua la lettura
57

I verbi terminanti in "L" e "ie".

I verbi che invece terminano in "L", se la "L" finale è preceduta da una sola vocale, formano il gerundio raddoppiando la "L" e aggiungendo il suffisso "ing".
Così: to travel=viaggiare, diventerà "travelling", mentre to conceal=nascondere, diventerà concealing. I verbi terminanti in "ie", formano invece il gerundio, trasformando "ie" in "y", e aggiungendo "ing". Ad esempio: to die=morire, diventerà "dying".

67

Altre eccezioni

Un'ulteriore eccezione è legata al numero delle sillabe. I verbi monosillabi e bisillabi accentati sull'ultima sillaba, quando la consonante finale è preceduta da una sola vocale, formano il gerundio raddoppiando la consonante e aggiungendo "ing", ad esempio: to stop=fermarsi, diventerà "stopping", to begin=cominciare, sarà "beginning".
In conclusione, eccovi un link che vi sarà di supporto per altri approfondimenti sul gerundio in inglese: http://www.ef-italia.it/risorse-inglese/grammatica-inglese/gerundio/.

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Grammatica: guida ai verbi servili e fraseologici

La grammatica italiana è sicuramente una di quelle più ricche di casi particolari ed eccezioni: tale ricchezza è data dal fatto che l'italiano, oltre ad essere una lingua neolatina, cioè derivata dal latino, si è arricchito nel corso dei secoli di...
Superiori

Latino: verbi anomali

Nella lingua latina possiamo trovare un certo numero di verbi che non appartengono alla cosiddetta coniugazione regolare a causa di alcune anomalie nella flessione. Le anomalie possono riguardare i temi per la formazione dei tempi fondamentali o i mutamenti...
Lingue

Lingua spagnola: i verbi

Approcciarsi ad una lingua differente dalla propria non è mai semplice. Ci sono regole da imparare, termini da memorizzare, nuovi suoni da pronunciare e, inizialmente, tutto ciò potrebbe scoraggiare chi si accinge a studiare per la prima volta una nuova...
Lingue

Come formare il participio presente e il gerundio in francese

Il francese è una delle lingue più diffuse sul globo terrestre. Parlata principalmente in Francia e nei territori che hanno subito la sua dominazione, ha avuto un notevole impulso anche grazie all'immagine romantica che ne viene fornita su media e testi...
Lingue

Come Utilizzare Il Past Perfect Continuous

Il past perfect continuous è un costrutto utilizzato dagli inglesi per indicare un'azione che si è verificata nel passato ma le cui conseguenze sono ancora visibili nel presente; questa costruzione è utilizzata meno frequentemente delle altre. Nei...
Elementari e Medie

Come fare l'analisi grammaticale di un verbo

La grammatica italiana è abbastanza complessa rispetto alle altre lingue come l'inglese; infatti, sono presenti varie particelle che devono essere analizzate singolarmente, come ad esempio: i nomi, i verbi, gli aggettivi, gli avverbi o le preposizioni....
Lingue

Inglese: past simple o past continuous

La lingua inglese richiede una conoscenza approfondita, in quanto rappresenta la lingua più parlata nel mondo. Per poter interagire facilmente durante i viaggi e ampliare la propria cultura personale è utile imparare bene le regole grammaticali. In...
Superiori

Come Formare La Perifrastica Attiva E Passiva In Latino

Il latino è una lingua che veniva anticamente parlata in Europa, ma che oggi non viene più parlata in nessuna parte del mondo. Tuttavia, in alcune scuole, come ad esempio ai licei classici, viene ancora insegnata allo scopo di far comprendere meglio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.