Come formare e usare il Present Perfect Continuous

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Nella grammatica inglese il passato prossimo di un verbo spesso viene sostituito da una forma verbale particolare: il Present Perfect Continuous, solitamente tradotto con l'espressione passato prossimo progressivo. Tuttavia, i due tempi verbali si adoperano generalmente per esprimere fatti che hanno una durata o un effetto rilevante nel presente. Aggiungiamo che, il passato prossimo, o Present Perfect, si utilizza se si vuole sottolineare l'evento in sé, mentre il passato prossimo progressivo si usa se si vuole evidenziare lo svolgimento dell'azione, che molto spesso non è stata ancora espletata. Come formare e usare il Present Perfect Continuous ve lo spiegheranno in maniera chiara i passi di questa esauriente guida.

27

Occorrente

  • Un buon testo di grammatica e un dizionario bilingue
  • Esercizi strutturati in formato cartaceo e multimediale
37

Come già accennato prima il Present Perfect Continuous, equivale in italiano ad un passato prossimo progressivo, poiché definisce un evento iniziato nel passato che continua a protrarsi e ad espletarsi nel presente, senza alcuna interruzione. Si forma in inglese col Present Perfect di "to be" seguito dal gerundio del verbo. Per esempio, coniugando "to work", in italiano "lavorare", si otterrà:
I have worked last night → (PP) Ho lavorato la scorsa notte.
I have been working hard for years (PPC) Lavoro duro da anni.

47

C'è da dire che, per le forme: negativa, interrogativa e interrogativa negativa, valgono le stesse regole del Present Perfect: solo se si aggiunge "not" dopo l'ausiliare "to have":
I have not been reading → Non sto leggendo
La forma interrogativa si forma ponendo "to have" prima del soggetto, seguito poi dal participio passato di "to be" e dal gerundio:
Have I been speaking? → Sto parlando?
La frase interrogativa negativa si formula con la sola aggiunta di not, dopo il soggetto e, subito prima del participio passato di "to be":
Have I not been listening? → Non sto ascoltando?

Continua la lettura
57

Strettamente legata al Present Perfect Continuous, come del resto al Present Perfect, è la "Duration Form". Essa indica un'azione che è iniziata nel passato e che persiste nel presente. In Italiano essa si evidenzia col Presente Indicativo; in Inglese, se il verbo indica un modo di essere o uno stato, si usa il Present Perfect; se al contrario manifesta un fatto accaduto, si ricorrerà al Present Perfect Continuous.

67

Aggiungiamo che, nella "duration form" si impiegano due preposizioni per il complemento di tempo: "since" e "for". Si usa "since" per designare l'inizio della durata:
I have been living in Bovalino since 1970 → Abito a Bovalino dal 1970.
Si adopera "for" per precisare la sola durata:
Mary has been studying for three hours → Mary sta studiando da tre ore.

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come utilizzare il past simple o il present perfect in inglese

Per poter viaggiare in tutto il mondo e conoscere nuove culture è bene prima imparare a parlare in inglese, ormai diventata la lingua più famosa e diffusa al mondo, partendo comunque dalle basi, necessarie per poter apprendere via via argomenti sempre...
Lingue

Inglese: il periodo ipotetico

Il periodo ipotetico rappresenta quella struttura sintattica che indica, appunto, un'ipotesi oppure una congettura, nonché la conseguenza che essa comporta. In buona sostanza esso è formato da una proposizione principale, detta anche reggente, e da...
Lingue

Come formare il Present Perfect in inglese

In inglese, così come nelle altre lingue, si nota la presenza di numerose regole grammaticali. Esse riguardano la coniugazione dei verbi, la concordanza degli aggettivi e tutto ciò che ci consente di acquisire una certa padronanza in termini di lingua...
Lingue

La forma interrogativa in inglese

Negli ultimi anni, conoscere e parlare bene lingue straniere è davvero molto importante. Soltanto in questo modo è possibile viaggiare tranquillamente all'estero e cercare lavoro quasi dovunque. Tra le numerose lingue esistenti, quella da conoscere...
Lingue

Inglese: come usare il present perfect

Il present perfect è un tempo verbale inglese che viene utilizzato per parlare di un'azione che, pur essendosi svolta nel passato, ha ancora qualche tipo di rapporto con il presente. Tale rapporto con il presente può avere a che fare o con il tempo...
Lingue

Inglese: present continuous and present simple

Al giorno d'oggi, la conoscenza della lingua inglese è fondamentale e costituisce un requisito indispensabile per presentarsi al mondo del lavoro e non solo. Per essere in grado di affrontare dei dialoghi in inglese è importante disporre di una solida...
Lingue

Inglese: discorso diretto e indiretto

Il discorso diretto e il discorso indiretto sono i due modi in cui può essere riportata una conversazione. Il discorso diretto, usato di solito nelle narrazioni, riporta le parole tra virgolette così come vengono esposte dall'interlocutore. Quello indiretto,...
Lingue

Come formare il Present continuous in inglese

È ormai risaputo che l'inglese è diventata la lingua più diffusa al mondo e mantiene tuttora questo primato. Oltre ad essere largamente diffuso nel settore turistico e commerciale, l'inglese è usato sempre più spesso nelle comunicazioni scientifiche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.