Come formare e usare il Present Perfect Continuous

di Anna Krstic tramite: O2O difficoltà: facile

Nella lingua inglese il passato prossimo di un verbo spesso viene sostituito da una forma verbale particolare: il Present Perfect Continuous, solitamente tradotto con l'espressione passato prossimo progressivo.
Entrambi i due tempi verbali si adoperano per esprimere fatti che hanno una durata o un effetto rilevante nel presente. La differenza sostanziale è che il passato prossimo, o Present Perfect, si utilizza se si vuole sottolineare l'evento in sé, mentre il passato prossimo progressivo si adopera se si vuole evidenziare lo svolgimento dell'azione, che molto spesso non è stata ancora portata a termine.
Per chi nella propria lingua non utilizza questa sottile sfumatura, può avere difficoltà a comprenderla in inglese, come del resto per tutte le espressioni idiomatiche. Con lo studio costante e l'esercitazione adeguata, è tuttavia possibile imparare a usare e a formare il Present Perfect Continuous.

Assicurati di avere a portata di mano: Un buon testo di grammatica e un dizionario bilingue Esercizi strutturati in formato cartaceo e multimediale Matita, penna, evidenziatore e quaderno d'inglese

1 Il Present Perfect Continuous, equivale in italiano ad un passato prossimo progressivo, poiché definisce un evento iniziato nel passato e che continua a protrarsi nel presente, senza alcuna interruzione. Si forma in inglese col Present Perfect di "to be" seguito dal gerundio del verbo. Per esempio, coniugando "to work", in italiano "lavorare", si otterrà:
I have worked last night → (PP) Ho lavorato la scorsa notte.
I have been working hard for years (PPC) Lavoro duro da anni.

2 Per le forme negativa, interrogativa e interrogativa negativa, valgono le stesse regole del Present Perfect: si aggiunge "not" dopo l'ausiliare "to have":
I have not been reading → Non sto leggendo
La forma interrogativa si forma ponendo "to have" prima del soggetto, seguito poi dal participio passato di "to be" e dal gerundio:
Have I been speaking? → Sto parlando?
La frase interrogativa negativa si formula con la sola aggiunta di not, dopo il soggetto e prima del participio passato di "to be":
Have I not been listening? → Non sto ascoltando?

Continua la lettura

3 Strettamente legata al Present Perfect Continuous, come del resto al Present Perfect, è la "Duration Form".  Essa indica un'azione che è iniziata nel passato e che persiste nel presente.  Approfondimento Come utilizzare il past simple o il present perfect in inglese (clicca qui) In Italiano essa è resa col Presente Indicativo; in Inglese, se il verbo indica un modo di essere o uno stato, si usa il Present Perfect; se al contrario manifesta un fatto accaduto, si ricorrerà al Present Perfect Continuous.

4 Nella "duration form" si impiegano due preposizioni per il complemento di tempo: "since" e "for". Si usa "since" per designare l'inizio della durata:
I have been living in Bovalino since 1970 → Abito a Bovalino dal 1970.
Si adopera "for" per precisare la sola durata:
Mary has been studying for three hours → Mary sta studiando da tre ore.

Non dimenticare mai: Eseguire costantemente gli esercizi strutturati Alcuni link che potrebbero esserti utili: English Page, exercises and topics

Come Utilizzare Il Past Perfect Continuous Il past perfect continuous è un costrutto utilizzato dagli inglesi per ... continua » Inglese: present continuous and present simple Al giorno d'oggi, la conoscenza della lingua inglese è fondamentale ... continua » La forma interrogativa in inglese Al giorno d'oggi, conoscere e parlare correttamente altre lingue diverse ... continua » Come formare il Present continuous in inglese Nel XX secolo, l'inglese ha strappato la supremazia al francese ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Inglese: il futuro con to be going to

La grammatica inglese possiede delle norme sintattiche e morfologiche molto semplici rispetto alle altre lingue straniere.
Infatti per poterle apprendere basta tenere in considerazione alcuni ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.