Come farsi rispettare dagli alunni

di Chiara De Matteo tramite: O2O difficoltà: media

La scuola ha fatto segnare qualche punto a suo sfavore in merito all'educazione dei ragazzi rispetto a qualche anno fa, quando ancora sia gli insegnanti che il personale non docente rivestivano un ruolo molto importante nella vita dei ragazzi. Il vecchio maestro, un tempo era considerato una figura di spicco, un'autorità il cui parere aveva un peso. Oggi purtroppo i tempi sono completamente cambiati, gli insegnati non svolgono più un ruolo importante nell'educazione. Vediamo, dunque, come "tornare" a farsi rispettare dagli alunni.

Assicurati di avere a portata di mano: pazienza

1 I ruoli Una volta il concetto era opposto, ovvero gli alunni temevano le sfuriate degli insegnanti, il fatto stesso di essere minacciati di una punizione era sufficiente per mettere a tacere qualsiasi problematica. Oggi, come abbiamo già detto, questo non succede più, i ruoli sono completamente cambiati e purtroppo sono gli insegnanti a trovarsi nella posizione di maggior svantaggio rispetto agli alunni. Questo però non toglie che si debba comunque cercare di ottenere dai ragazzi il massimo rispetto. Deve forse essere specificato il fatto che la gioventù moderna è molto più colta e disinibita rispetto a quella di una volta, oggi i ragazzi sanno che svolgono un ruolo importante per il futuro, quindi esigono di essere trattati come adulti responsabili.

2 Coinvolgere gli studenti Una cosa molto importante è coinvolgere i vostri studenti, facendoli interagire alle lezioni, ascoltando le loro opinioni, mettendo in pratica le idee che hanno da raccontare. Facendoli sentire alla nostra altezza e non come perfetti subordinati ai quali sottoporre solo il nostro volere, otterremo la loro stima e rispetto. Essere severi quando occorre ma anche molto comprensivi può sicuramente essere il giusto passo verso l'armonia più totale. Altro metodo potrebbe essere quello di fare lezione direttamente in mezzo ai banchi, camminando fra loro, interagendo, ponendo domande, attirando in tutti i modi la loro curiosità, facendoli sentire al nostro pari. Rimanere sempre sedute alla cattedra potrebbe dare l'impressione di voler imporre la nostra presenza e le nostre idee.

Continua la lettura

3 Il giusto equilibrio Per un insegnante ottenere il massimo del rispetto dai propri alunni, a volte potrebbe richiedere davvero un notevole sforzo, ma se fin dall'inizio viene stabilito il giusto equilibrio forse le cose possono anche diventare molto semplici.  Il primo approccio è quello che conta, la prima volta che insegnanti e alunni si incontrano sui banchi di scuola è in quel preciso momento che si svolge la partita che durerà per tutto l'anno scolastico.  Approfondimento 10 consigli utili per gestire una classe (clicca qui) Per farsi rispettare dai ragazzi la cosa basilare è quella di rispettare noi stessi in prima persona, con più il nostro grado di autostima è alto, e più daremo l'idea di essere persone ben equilibrate, dal polso fermo e le idee ben chiare.

Non dimenticare mai: Farsi rispettare dai propri alunni è sicuramente una grande impresa ma con un pochino di pazienza e tanta psicologia i risultati non tarderanno ad arrivare.

10 regole da adottare in classe Come ben sappiamo, gran parte delle ore quotidiane di ogni bambino ... continua » 5 idee per mantenere viva l'attenzione in classe Il mestiere dell'insegnante non è mai stato facile: seguire il ... continua » Come gestire situazioni critiche in classe Gestire una classe richiede una stretta collaborazione studenti-insegnanti. Pertanto, è importante ... continua » Come gestire una classe indisciplinata Diventare insegnanti è prima che un lavoro, un sogno e/o ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.