Come fare un tema sull'unità d'Italia

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per una buona stesura di un tema sull'Unità d'Italia è consigliabile seguire lo schema del testo argomentativo: un testo in cui si espone una tesi e la si argomenta con una serie di ragionamenti logici consequenziali e sostenuti da dati in modo da convincere che la propria tesi sia giusta. In questo caso, consiglio di focalizzare l'attenzione su un determinato personaggio storico e di cercare di convincere il lettore dell'importanza che questo personaggio abbia avuto all'interno di quel determinato periodo storico. Ecco come fare un tema sull'Unità d'Italia.

25

Focalizzare l'attenzione su un personaggio che ci abbia colpito

Naturalmente c'è bisogno che il periodo storico in questione sia stato ben studiato e appreso. Dopo di che, focalizziamo l'attenzione su un personaggio che ci abbia colpito, ad esempio Camillo Benso, conte di Cavour, e approfondiamo con ricerche tutti i dettagli della sua vita. In questo modo capiremo il motivo per il quale questo personaggio sia stato fondamentale in quel periodo storico e colleghiamo ad esso tutti gli altri personaggi del tempo. In questo modo capiremo i rapporti sociali, politici e privati che questo ha avuto con gli altri, dando così un taglio più leggero al nostro tema. Non devono mancare i riferimenti storici che devono essere ricchi di dettagli.

35

Sviscerare tutti gli argomenti

Con questo incipit possiamo sviscerare tutti gli argomenti e tutti gli episodi che si sono susseguiti in quel periodo. Dobbiamo sempre tenere conto che il nostro fulcro è il Conte di Cavour, quindi qualsiasi azione egli abbia fatto, dobbiamo argomentarla in maniera che essa sembri necessaria a far si che gli eventi successivi, risultino conseguenza di questa. Il tema sarà sicuramente di grande effetto.

Continua la lettura
45

Abbigliamento consono

Partendo proprio dalla storia potremmo scrivere: "Alcuni sono Piemontesi, alcuni sono Lombardi, qualcuno viene da Napoli, qualcuno viene anche da Palermo. Sono i deputati e i senatori del nuovo parlamento del Regno di Italia e la mattina del 17 Marzo 1861, esattamente 150 anni fa, entrano tutti a Palazzo Carignano, nel centro di Torino. L'occasione è la proclamazione dell'Unità di Italia. In Italia non ci sarà la fondazione di un nuovo stato bensì il prolungamento di quello vecchio, il regno piemontese, il regno di Savoia. Vittorio Emanuele II, ultimo re di Sardegna e primo re d'Italia, nonostante l'obiettivo comune, ebbe rapporti difficili con il suo primo Ministro per motivi politici e personali. Giuseppe Garibaldi, l'eroe più celebre e celebrato del Risorgimento, poco sensibile alle finezze della diplomazia, anche lui ebbe un rapporto tumultuoso con Cavour. Giuseppe Mazzini, il profeta dell'unità italiana, fu il grande avversario di Cavour e della sua politica denigrando monarchia e diplomazia ed esaltando i principi di repubblica e rivoluzione.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non dimentichiamo di curare sempre la sintassi e l'ortografia del nostro tema. l

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Il Risorgimento italiano: guida

Il Risorgimento italiano è un periodo storico molto importante per la nostra Nazione. Esso infatti ci ha portato alla formazione dello Stato unitario italiano per mezzo dei maggiori esponenti di quel periodo. Il RIsorgimento si concluse con l'occupazione...
Superiori

Breve biografia di Camillo Benso Conte di Cavour

Camillo Benso, conte di Cavour, è uno dei maggiori protagonisti del Risorgimento e dell’Unità d’Italia. Convinto sostenitore delle idee liberali, del progresso civile ed economico e dei movimenti nazionali. Diviene primo ministro del Regno di Sardegna...
Superiori

Giuseppe Garibaldi in breve

Giuseppe Garibaldi è una delle figure di spicco del Risorgimento italiano, noto soprattutto per il suo impegno nella lotta all'unità di Italia concretizzato con la spedizione dei Mille. È uno dei personaggi storici italiani più celebri al mondo, conosciuto...
Elementari e Medie

La Seconda Guerra d'Indipendenza in breve

In questa guida verranno date nozioni informative circa la Seconda Guerra d'Indipendenza. In breveessa iniziò tra l'Aprile e il Luglio del 1859, ovvero in pieno Risorgimento. Venne combattuta dalla fazione sarda e francese contro quella austriaca. Fu...
Superiori

Appunti di storia: la destra storica

Alla morte di Camillo Benso Conte di Cavour, il 6 Giugno 1861, la classe dirigente era costituita dalla destra storica, formatasi come schieramento politico già nel 1849. Si trattava dell'insieme degli eredi di Cavour, chiamati così perché sedevano...
Superiori

Storia: il Risorgimento

Con il termine Risorgimento in storia ci si riferisce a un periodo caratterizzato da una rivoluzione culturale, politica e sociale che, dopo diverse peripezie, portò all'Unità Italiana. Il Risorgimento rese l'Italia un Paese geograficamente unito e...
Superiori

Storia: la Signoria di Lorenzo il Magnifico

Lorenzo de' Medici aveva solo vent'anni quando suo padre morì e quando fece intendere che, a dispetto delle speranze di suo nonno Cosimo (che ne aveva curato personalmente l'educazione, affiancandolo ai migliori istruttori dell'epoca), non aveva alcuna...
Superiori

La Prima Guerra d'Indipendenza in breve

Capire meglio ciò che siamo diventati oggi, le scelte dei nostri avi,, questo è il motivo per cui studiamo la storia; dopotutto, proprio tali scelte hanno decretato il destino e il disegno politico e sociale del nostro paese, l'Italia. È una lunga...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.