Come fare l'analisi grammaticale di un verbo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La grammatica italiana è abbastanza complessa rispetto alle altre lingue come l'inglese; infatti, sono presenti varie particelle che devono essere analizzate singolarmente, come ad esempio: i nomi, i verbi, gli aggettivi, gli avverbi o le preposizioni. Per analizzare un verbo nell'analisi grammaticale, è necessario conoscere a memoria i modi (indicativo, gerundio, participio ecc.), i tempi (presente, passato, imperfetto ecc.), le persone (io, tu, egli, noi, voi, essi) e le coniugazioni (are - ere - ire) dei singoli verbi. In questa guida sarà spiegato nello specifico come fare l'analisi grammaticale di un verbo.

24

I modi

La prima cosa da sapere se si vuole fare l'analisi grammaticale di un verbo, sono i cosiddetti modi e tempi del verbo. Nella lingua italiana esistono sette modi: indicativo, congiuntivo, condizionale, imperativo (modi finiti) participio, infinito e gerundio (modi indefiniti). Oggi prenderemo in considerazione l'indicativo, il quale è il primo modo da dover imparare e quello maggiormente adoperato soprattutto in ambito scolastico. Per il modo indicativo esistono otto tempi verbali, e sono: presente, imperfetto, passato prossimo, trapassato prossimo, passato remoto, trapassato remoto, futuro semplice, futuro anteriore. Le stesse considerazioni possono essere effettuate per gli altri modi, ricordando però che i tempi non saranno più gli stessi.

34

Le persone

Sicuramente del verbo analizzato va anche indicata la persona. Nella grammatica italiana, com'è noto, sono sei: io, tu, egli (prima, seconda e terza persona singolare) noi, voi, essi (prima, seconda e terza persona plurale). Cerchiamo quindi di analizzare la frase: "Marco piangeva". Il soggetto del verbo preso da noi in esempio è Marco. Quindi avremo: "piangeva" = voce del verbo piangere, seconda coniugazione, intransitivo, modo indicativo, tempo imperfetto, terza persona singolare.

Continua la lettura
44

Le coniugazioni

Il verbo è la parte flessibile del discorso. Può essere transitivo o intransitivo. Nel primo caso, l'azione passa dal soggetto all'oggetto (per esempio: Marco legge una rivista, oppure Gina scrive una lettera, nel secondo, invece, l'azione si ferma all'oggetto (esempio: Il sole brilla oppure il sole riscalda). Una volta individuato il significato, bisogna praticamente indicarne la voce, cioè l'infinito presente. Da non dimenticare che la coniugazione si stabilisce dalla desinenza, la parte variabile del verbo. Se ne distinguono tre: -are; -ere ed -ire. Per comprendere meglio, facciamo qualche pratico esempio. "Marco piangeva" = voce del verbo piangere, seconda coniugazione, intransitivo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come ripassare i verbi

La coniugazione dei verbi italiani non è di certo tra gli argomenti grammaticali più facili da affrontare. Questo perché la nostra lingua, come la maggior parte di quelle romanze (ovvero le lingue che hanno subìto una dominazione romana, latina),...
Elementari e Medie

Grammatica: l'uso dell'indicativo

L'indicativo è il modo grammaticale attraverso cui si presenta la realtà, sia quella percepita come reale dal soggetto che la esprime, sia inoltre quella che risulta essere oggettivamente una constatazione fattuale. L'uso dell'indicativo è estremamente...
Superiori

Come formare un paradigma latino

La grammatica latina, così come quella italiana è molto vasta e presenta determinate terminologie che vengono utilizzate per uno studio più approfondito della grammatica e della sintassi. Nell'analisi logica, il soggetto, il complemento oggetto e il...
Elementari e Medie

Come trasformare una frase attiva in passiva

L'italiano è una delle lingue più complicate al mondo, si tratta di una lingua ricca di parole, di grammatica, ecc. Per i bambini che studiano invece alle elementari, studiare la grammatica può essere più semplice. Tra le tante cose che si studiano,...
Lingue

Lingua spagnola: i verbi

Approcciarsi ad una lingua differente dalla propria non è mai semplice. Ci sono regole da imparare, termini da memorizzare, nuovi suoni da pronunciare e, inizialmente, tutto ciò potrebbe scoraggiare chi si accinge a studiare per la prima volta una nuova...
Lingue

Francese: i verbi modali

Come in ogni lingua che si rispetti anche nel francese troviamo i verbi modali (anche detti servili), ed in questa guida vi saranno presentati i principali. Nel caso non vi ricordiate bene quali siano i verbi modali questo link vi rinfrescherà la memoria....
Elementari e Medie

Come fare per non sbagliare la concordanza dei verbi

Spesso ci capita, anche involontariamente, di ascoltare i discorsi delle persone che incontriamo quando andiamo a fare la spesa, al pub e alla televisione. Non vi è mai capitato di pensare "ma come parla questa persona?". Personalmente l'ho pensato spesso...
Università e Master

Come Costruire Verbi Parasintetici

La lingua italiana presenta una grammatica abbastanza ricca, infatti sono molte le parti del discorso presenti nel linguaggio, come ad esempio: sostantivi, nomi, aggettivi, articoli, preposizioni, verbi, congiunzioni e avverbi e tutti devono essere analizzati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.