Come disegnare il triangolo di Sierpinski

di Luca Banana tramite: O2O difficoltà: facile

Il triangolo di Sierpinski è considerato uno dei frattali più famosi al mondo, ovvero una figura non intera in cui è possibile notare, se ingrandita, l'elemento di partenza in scala. Prende il nome proprio dal matematico che per primo ne scoprì le proprietà. Ci sono tuttavia una serie di metodi per poter realizzare questo frattale. Il triangolo denominato di Sierpinski è uno dei primi frattali della storia della matematica. Nella guida che segue vi sarà spiegato proprio come disegnare il triangolo di Sierpinki in poche e semplici mosse. Per realizzare questo triangolo basta avere a portata di mano un foglio di carta, una matita, una squadretta e un compasso. Vediamo insieme il procedimento da seguire.

Assicurati di avere a portata di mano: Compasso Foglio di carta Matita Squadretta

1 Disegno di un triangolo Come prima cosa pendete un foglio di carta e cominciate a disegnate il triangolo. Nello specifico partite da un triangolo equilatero (detto assioma); avete la possibilità di costruirlo aiutandovi con il compasso. Al primo passo il triangolo di partenza viene suddiviso in quattro triangoli di dimensione minore, tra i quale viene rimosso l'elemento centrale, ovvero quello i cui lati siano i segmenti congiungenti i punti medi dei lati del triangolo precedente. La procedura viene in seguito ripetuta su ogni singolo triangolo, sino ad ottenere il risultato finale.

2 Il segmento e il vertice Disegnate prima un segmento e, successivamente, puntate l'ago prima sul vertice sinistro e poi su quello destro. In entrambi i casi, occupatevi di tracciare un piccolo arco al di sopra del segmento. Nel punto in cui i due archi si incontrano, procedete tracciando un punto. Questo punto sarà il vertice del vostro triangolo equilatero. A questo punto segnate i punti medi dei tre lati e congiungeteli. In questo modo, otterrete un triangolo equilatero centrale con la punta rivolta verso il basso. In totale avrete quattro triangoli equilateri: uno è quello appena descritto, gli altri tre sono costituiti dal vertice rivolto verso l'alto.

Continua la lettura

3 Il punto medio Ripetete quindi l'operazione precedente marcando il punto medio dei lati dei vari triangolini.  In ognuno dei tre triangolini disegnate un ulteriore triangolino equilatero con la punta rivolta verso il basso.  Approfondimento Come trovare il baricentro di un triangolo (clicca qui) Avrete in questo modo in totale tre triangolini con la punta verso l'alto e quattro triangolini con la punta rivolta verso il basso.  Ripetete questa operazione fino a quando la vista e gli strumenti utilizzati ve lo consentiranno.  Se procedete in questa maniera fino all'infinito otterrete il triangolo di Sierpinski.  Buon lavoro.

Non dimenticare mai: In totale avrete quattro triangoli equilateri: uno è quello appena descritto, gli altri tre sono costituiti dal vertice rivolto verso l'alto. Alcuni link che potrebbero esserti utili: Il triangolo di Sierpinski - Introduzione ai frattali

Come trovare il circocentro di un triangolo equilatero Il triangolo è una delle figure principali della geometria piana, ossia ... continua » Come disegnare la mediana di un triangolo Prima di comprendere come disegnare la mediana di un triangolo, conosciamo ... continua » Come costruire un triangolo equilatero conoscendo l'altezza In geometria, un triangolo equilatero è un triangolo in cui i ... continua » Come disegnare un triangolo rettangolo dati l'ipotenusa e un cateto Il triangolo rettangolo consiste in un triangolo nel quale l'angolo ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come costruire un icosaedro

L’icosaedro è un solido regolare, formato da venti triangoli equilateri. Euclide ne attribuisce la scoperta al matematico greco Teetéto, anche se oggi viene ritenuto ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.