Come determinare la derivabilità di una funzione

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

In questa guida vediamo come determinare la derivabilità di una funzione. Si tratta di capire se una funzione in un punto è derivabile devono esistere e coincidere il limite destro e sinistro del rapporto incrementale calcolati nel punto. Individuata quindi la condizione necessaria e sufficiente che garantisce l'esistenza della derivata nel punto del suo dominio e soddisfatta in pieno è verificata la derivabilità nel punto. Quando è necessario verificare la derivabilità lo diventa in alcuni punti laddove possono sorgere dubbi sulla continuità della funzione. Questi punti non sono molti, come potrebbe sembrare, ma alcuni e poi ai limiti degli intervalli di analisi. Di solito vengono individuati a partire da una prima analisi qualitativa della funzione. Conoscere la derivabilità permette di tracciare in dettaglio la funzione nei punti di interesse.

24

Il limite del rapporto incrementale

Una derivata esiste se nel punto in questione se il limite del rapporto incrementale esiste, ovvero se i relativi limiti destro e sinistro nel punto hanno lo stesso valore e nel dominio dei numeri reali. È necessario quindi che la funzione sia derivabile sia da destra che da sinistra e che il risultato di entrambe coincida. Questo concetto è fondamentale in quanto permette di capire in quali intervalli di punti nel dominio reale sia possibile derivare la funzione.

34

Individuare la derivabilità

La derivabilità è sicuramente molto facile da individuare nella pratica. Viene calcolato il valore della funzione f (X) e viene immesso nel limite del rapporto incrementale X0 e f (X0 + h). Si ottiene una funzione di variabile h e si calcola il limite per i valori di 0+ e 0-. Se questi coincidono allora il punto è derivabile. I valori della funzione che sono pertanto derivabili indicano che la funzione ha soluzione di continuità ed il punto con gli estremi non presentano alcuna interruzione. Questo è un aspetto molto importante nello studio delle funzioni e conviene farlo laddove si individuano possibili punti di discontinuità.

Continua la lettura
44

Consigli e considerazioni

A volte un errore comune è calcolare il limite del rapporto a partire dalla derivata prima. In realtà bisogna partire sempre e solo dalla funzione. Ci sono poi alcuni teoremi che sono utili nel calcolare i limiti del rapporto incrementale. La somma, o differenza, di due funzioni e derivabile. Analogo discorso vale per il prodotto e il quoziente di due funzioni rispettivamente. Infine la composizione di due funzioni derivabili è a sua volta derivabile. Questi teoremi sono utili per affrontare funzioni complicate e risolverle a partire da blocchi più semplici.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come dimostrare il teorema di Rolle

Il teorema di Rolle afferma che se, in un intervallo chiuso e limitato, una funzione è continua e contemporaneamente derivabile all'interno dello stesso intervallo e se ancora, agli estremi dell'intervallo, la suddetta funzione presenta valori identici,...
Superiori

Come trovare i punti di non derivabilità

I punti di non derivabilità sono punti dove la non funzione non potrà essere derivata, cioè punti dove la funzione, pur essendo continua varia andamento in modo brusco. Per trovare tali punti, dovrete fare un vero e proprio studio di funzione facendo...
Superiori

Dimostrazione della derivata del prodotto di due funzioni

Il Teorema della derivata del prodotto di due funzioni permette di riconoscere la derivabilità di funzioni che si costruiscono con le operazioni algebriche elementari: in realtà, oltre a garantire la derivabilità delle funzioni "costruite", esso fornisce...
Superiori

Teorema di Rolle: dimostrazione

Il matematico francese href="https://it. Wikiped">Michel Rolle formulò uno dei più rilevanti teoremi della matematica e, per riuscirlo a comprendere bene, sarà necessario supporre anche la conoscenza del Teorema di Weierstrass e del Teorema di Fermat....
Superiori

Come dimostrare che una funzione è derivabile in un intervallo

Assai di frequente capita che uno studente di scuola superiore ma anche universitario sia chiamato a dimostrare la derivabilità di una funzione data in un determinato intervallo. Per riuscire nella prova è necessario padroneggiare con abilità concetti...
Superiori

Come risolvere un limite con forma indeterminata infinito/infinito

Al fine di risolvere una funzione matematica a volte è necessario risolvere uno o più limiti.In generale i limiti possono essere di: una successione, una funzione (il caso che andremo a considerare in questa trattazione), un ultrafiltro e insiemistico.Nello...
Superiori

Teorema di Fermat: dimostrazione

Il "Teorema di Fermat" appartiene alla categoria dei teoremi fondamentali del calcolo differenziale. Tale teorema non va confuso con "l'ultimo teorema di Fermat", il "piccolo teorema" o il "teorema sulle somme di due quadrati". Esso fa parte dell'analisi...
Università e Master

Le derivate parziali

Dobbiamo prima di tutto comprendere il significato del termine di derivata:sia f (x) definita in un intervallo aperto (a, b) e sia x un punto di (a, b) si dice che la funzione f è derivabile nel punto x se esiste in finito il limite del rapporto incrementa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.