Come determinare il numero di formolo nelle bevande

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nella seguente guida proverò a spiegarti tramite una serie di passi guida come determinare il numero di formolo nelle bevande, cioè a dire il numero complessivo di amminoacidi riscontrabili in una bevanda o in un succo di frutta. Tale calcolo è stato introdotto dal chimico danese Sorensen e consente di limitare i danni nei casi di problemi di fermentazione di una bevanda.

26

Occorrente

  • pHmetro, beaker, buretta, pipette, agitatore magnetico, reagenti
36

Per cominciare, la primissima fase della nostra analisi consisterà nella corretta individuazione dei reagenti. Dunque procurati quelli necessari alla buona riuscita del procedimento ovvero una soluzione NaOH (0,25 N), una soluzione di formaldeide concentrata portata a pH 8,1, dell'acqua ossigenata e per finire ovviamente delle soluzioni tampone standard (pH 4 e pH 7) necessarie alla taratura del pHmetro.

46

Qualora il campione dovesse contenere anidride solforosa, aggiungi qualche goccia di acqua ossigenata. In tal modo otterrai l'eliminazione per ossidazione dell'anidride solforosa che potrebbe reagire con la formaldeide falsando i risultati. A questo punto immergi l'elettrodo del pHmetro nel campione e porta, sotto agitazione, il pH a 8,1 aggiungendo goccia a goccia la soluzione di NaOH 0,25 N. Operando sotto cappa, aggiungi 10 ml di formaldeide, agita e lascia raggiungere l'equilibrio. Il pH tornerà pian piano a diminuire. Infine, titola la soluzione, operando ancora sotto cappa, con idrossido di sodio (0,25 N) fino a pH 8,1.

Continua la lettura
56

Per quel che concerne l'analisi di succhi di frutta puri, preleva 25 ml di campione con l'apposita pipetta, oppure, conoscendo l'esatta densità, pesane 25 grammi e mettili nel beaker. Per quanto riguarda invece le bevande analcoliche, come ad esempio la cola, preleva 200 ml di campione dopo aver opportunamente allontanato la CO2, ovvero l'anidride carbonica presente, collegando il campione al vuoto per pochi minuti o utilizzando un bagnetto ad ultrasuoni.

66

Concludiamo con un po' di storia per capire chi era Soren Sorensen e perché sono così importanti per noi le sue scoperte. Si tratta di un chimico danese a cui è stato riconosciuto il merito di aver coniato il termine pH (ovvero letteralmente pondus hidrogenii dal latino che significa potenziale dell'idrogeno) all'inizio del secolo scorso ed avere stilato la relativa scala di misura con cui possiamo oggi definire numericamente il grado di acidità di un prodotto o una bevanda. Le sue ricerche furono particolarmente utili nell'analisi delle proteine e dei loro aspetti termodinamici.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Fare Un'Immunofluorescenza Indiretta

L'immunofluorescenza indiretta è una tecnica scientifica molto diffusa poiché permette di visualizzare perfettamente ed in maniera veloce una determinata proteina da ricercare in un campione di orgine biologica. L'immunofluorescenza indiretta si basa...
Università e Master

Come effettuare un'analisi di Northern Blot

In questa guida vogliamo spiegare come poter effettuare un'analisi di Northern Blot: iniziamo subito con il dire che le analisi di Northern Blot sono estremamente utili negli studi dell'espressione genica, in quanto servono a determinare se un particolare...
Università e Master

Come determinare l'analisi dei protidi grezzi con il metodo Kjeldhal

Il metodo Kjeldahl è un metodo analitico messo a punto dal chimico danese Johan Kjeldahl che permette di determinare il contenuto in azoto di sostanze organiche e inorganiche. Il campione (0,5-5 g) viene riscaldato tramite piastra riscaldante ad alta...
Università e Master

Come dare la Nomenclatura Tradizionale Agli Ossidi

Nella seguente semplice e rapida guida che vi andrò ad enunciare immediatamente nei passaggi successivi, vi spiegherò molto brevemente, ma comunque dettagliatamente, come bisogna dare oppure applicare la nomenclatura tradizionale agli ossidi. Specificatamente,...
Università e Master

Come calcolare il PH di una soluzione chimica

Ogni soluzione acquosa presenta una sua acidità o basicità. Il calcolo del pH serve appunto a definire se una soluzione è acida o basica. Questa scala fu introdotta nel 1909 da Sorensen, un chimico danese. Potete osservare che su tutte le tipologie...
Università e Master

Come Affettare Al Microtomo Un Campione Di Tessuto Incluso In Paraffina

Perché un tessuto possa essere osservato al microscopio ottico deve essere sufficientemente sottile da permettere alla luce di attraversarlo. Per questo motivo, prima dell'esame microscopico, i tessuti vengono sempre suddivisi in sezioni sottilissime,...
Superiori

Come calcolare l'errore di campionamento

I fattori responsabili della generazione di un errore di campionamento possono essere numerosi, ma quasi nella totalità dei casi si devono alla selezione viziata oppure alla variazione casuale. L'errore di campionamento di solito è condizionato...
Università e Master

Come calcolare l'errore quadratico medio di un campione di misure

Il calcolo dell'errore quadratico medio di un campione, insieme al calcolo di scarto, deviazione standard, covarianza e correlazione, è uno dei pilastri fondamentali del calcolo degli errori. Che stiate affrontando questo argomento perché necessario...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.