Come creare un cristallo

di Giuseppe D'Ambrosio tramite: O2O difficoltà: media

Volete fare un regalo alla vostra ragazza o ad una persona a voi cara, ma con la crisi in atto i soldi in questo periodo scarseggiano?
Bene, in questa guida vi insegnerò come creare un cristallo fai da te.
Allora fate molta attenzione perché dovrete utilizzare materiali tossici dunque è estremamente consigliato l'utilizzo di apparecchiature di sicurezza, in questo caso, guanti in plastica rinforzati.
Il procedimento è molto semplice e grazie a questa guida vi aiuteremo a realizzarli.
Innanzitutto ci procureremo del solfato di rame, che in questo caso colorerà i cristalli di blu, per ottenerli di colore diverso, dovreste naturalmente utilizzare altri materiali.

Assicurati di avere a portata di mano: Solfato di Rame un recipiente di metallo Acqua demineralizzata Una fonte di calore

1 Per realizzare il vostro cristallo fatto in casa ci occorrono 100 g di Solfato di Rame, e 300 ml di acqua, oppure aumentare le dosi per ottenere cristalli di dimensioni maggiori, mantenendo sempre le proporzioni di 1 a 3.
Se avete problemi con la reperibilità del solfato di rame, è possibile trovarlo in qualsiasi negozio che fornisca prodotti per l'agricoltura.
Dunque iniziamo col mettere la quantità d'acqua in una bacinella di ferro dopodichè versiamo il solfato di rame al suo interno e infine mettiamo la bacinella a cuocere su una fiamma o fornetto.

2 Lasciate la bacinella a fuoco lento per circa 30 minuti continuando a mescolare per bene con un cucchiaino o un mestolo da cucina in legno ricordando sempre di utilizzare i guanti.
Continuate a girare scrupolosamente affinché tutte le particelle del solfato non si saranno completamente sciolte e quindi che il livello dell'acqua nella bacinella scenda.
Trascorsi i minuti necessari spegniamo la fiamma e lasciamo la bacinella da parte per qualche giorno in un posto caldo e possibilmente umido; il consiglio è di coprire la bacinella con un foglio di carta per evitare che la polvere possa mescolarsi con la sostanza ricavata, si consiglia, quindi, di usare soltanto un semplice foglio di carta in modo che l'aria possa filtrare comunque.

Continua la lettura

3 Trascorso qualche giorno, infine, riprendete di nuovo la bacinella e, facendo molta attenzione, scolate l'acqua in un recipiente che poi provvederete a smaltire. 
Una volta scolata tutta l'acqua rimasta, ci accorgeremo del miracolo avvenuto, ecco infatti comparire sul fondo del contenitore dei pezzi solidificati di cristallo!
Non ci rimane altro che tirarli fuori e ammirarli in tutto il loro splendore e magari confezionarli per un semplice ma originale regalo!. 

Non dimenticare mai: Per dimensioni maggiore aumentare le dosi con la stessa proporzione

Come calcolare la solubilità di un sale Comunemente le sostanze si classificano in solubili o insolubili in acqua ... continua » Come determinare l'analisi dei protidi grezzi con il metodo Kjeldhal Il metodo Kjeldahl è un metodo analitico messo a punto dal ... continua » Come calcolare il calore specifico di una soluzione In questa guida andremo a capire come calcolare il calore specifico ... continua » Appunti di fisica: conduzione del calore Una parte importante della Fisica è la Termodinamica, cioè lo studio ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come Eseguire Una Estrazione Lle

Nella seguente semplice e rapida guida che vi enuncerò nei passaggi successivi, vi spiegherò molto brevemente, ma comunque dettagliatamente, come bisogna procedere per eseguire correttamente ... continua »

Fisica: la legge di Bragg

Ecco una semplice ed utilissima guida, mediante cui poter capire qualcosa di più sulla fisica ed in particolar modo sulla legge di Bragg, in modo ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.