Come costruire una parabola canonica

di Daniele Rinella tramite: O2O difficoltà: facile

Parlando di matematica, spesso ci si ritrova davanti ad un muro apparentemente invalicabile: è una delle discipline meno gradite ai ragazzi e sicuramente rappresenta una di quelle che richiedono uno studio concentrato e costante. Dopo tanto studio, infatti, diventa possibile padroneggiare la materia e cimentarsi in calcoli sempre più complicati. Come costruire una parabola canonica è una delle richieste più comuni negli esercizi di matematica e, grazie a questa guida, potrete rinfrescarvi la memoria o imparare a risolvere questo tipo di quesito. Iniziamo!

Assicurati di avere a portata di mano: Foglio bianco Righello e matita Gomma, curvilineo e penna a china

1 Per prima cosa, la parabola è una figura piana che consiste in una sezione conica, come nel caso dell'ellisse o dell'iperbole. È definita "il luogo geometrico" dei punti equidistanti da una retta (chiamata tecnicamente direttrice) e da un punto fisso chiamato "fuoco". La parabola è un elemento fondamentale ed è frequentemente presente in matematica come nell'ingegneria. Inoltre, fa parte delle cosiddette coniche e costruirla non è particolarmente complicato, ma è sufficiente seguire alcuni semplici passaggi. Vediamo ora in modo semplice e pratico quali passi seguire nel disegnare la parabola canonica, ovvero quella il cui il vertice coincide con gli assi cartesiani.

2 Prima di tutto bisogna tracciare l'asse, ovvero la retta verticale, ed individuare su essa il punto "V", ovvero il vertice. Adesso bisogna tracciare la retta "r" perpendicolare all'asse passante per il punto "V". A questo scopo, centrare il compasso in "V" con apertura a piacere e descrivere un arco che intersechi l'asse in un punto. Da questo, con la stessa apertura, tracciare due curve sull'arco stesso, e puntando dapprima nell'uno e poi nell'altro, descrivere gli archi che vanno ad individuare il punto attraverso cui passa la perpendicolare. Unire questo punto con "V".

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Arrivati a questo punto, c'è bisogno di individuare a piacere il cosiddetto punto "A" della parabola e tracciare, partendo da questo, la parallela all'asse che incontra la retta "r" nel punto "B".  Successivamente, dividere i segmenti "AB" e "VB" in 6 parti e fare lo stesso con il lato opposto a B.  Approfondimento Come disegnare una parabola (clicca qui) Adesso unire il vertice V con i punti 1, 2, 3, 4, 5, e procedere facendo la medesima cosa nella parte opposta, dopodiché innalzare le perpendicolari fino al punto in cui si incrocia quel segmento che unisce il vertice a quel punto.  I punti in cui le parallele incontreranno le linee sono quindi i punti che compongono la parabola.  È importante, per essere precisi, l'utilizzo del curvilineo.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Come disegnare una parabola.

Come disegnare il grafico di una parabola La parabola è una delle coniche che più spesso troviamo in ... continua » Come disegnare una parabola Quando si studia si possono incontrare delle materie e degli argomenti ... continua » Come rappresentare una parabola sul piano cartesiano La parabola è un luogo geometrico dei punti di un piano ... continua » Come calcolare l'area sottostante un arco parabolico La geometria analitica è una di quelle materie che crea sempre ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Appunti di geometria analitica

Questa guida fornisce le conoscenze base per affrontare i problemi di geometria analitica con un grado di approfondimento per le scuole superiori. Gli appunti descrivono ... continua »

Geometria analitica: l'iperbole

La geometria analitica studia le figure geometriche attraverso il piano cartesiano, in cui ogni punto è definito da due coordinate; con il termine ascisse indichiamo ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.