Come costruire un triangolo equilatero

di Valerio Fioretti tramite: O2O difficoltà: facile

La Geometria è una materia piuttosto interessante e studiata fin dai tempi degli antichi greci. Esistono infatti moltissime regole e formule per poter realizzare le svariate figure geometriche, fin da piccoli ci insegnano come fare, ma alle volte ce ne scordiamo ed è bene ricordarcene, soprattutto se nel nostro mestiere ci avremo a che fare. Spesso a scuola nelle lezioni di geometria ti è capitato di dover disegnare un triangolo equilatero e la figura che sei riuscita a tracciare non aveva neanche un lato uguale all'altro? Non occorre fasciarsi la testa per niente, per imparare a costruire un triangolo equilatero perfetto basta seguire qualche semplice regola e con questa guida imparerai una delle possibili soluzioni che esistono per disegnare perfettamente questa figura geometrica. Mettiamoci all'opera quindi.

Assicurati di avere a portata di mano: foglio goniometro righello o squadra matita gomma

1 Innanzitutto quello che ti occorre è un foglio, un righello, un goniometro, una matita e una gomma. Ora che hai tutti gli strumenti necessari mettiti comodo e iniziamno a costruire la nostra figura. Adesso prendi come riferimento la misura della lunghezza di un lato che ti è stata data (es: 10 cm) e disegnala oppure traccia semplicemente una linea. Segna i punti di inizio e di fine con le lettere maiuscole A e B che terremo come riferimento.

2 Adesso prendi il goniometro e con la matita punta il centro in A e tienilo fermo, fai ruotare il goniometro finché la linea che hai creato sia esattamente sugli 0 gradi. Il triangolo equilatero ha angoli di 60° quindi traccia un segno leggero dove sono indicati i 60°. Ripeti l'operazione puntando il goniometro su B e tenendolo fermo ruotalo fichè il grado 0 non corrisponde alla retta di partenza. Fai un piccolo segno leggero all'altezza dei 60°. I due segni tracciati ti servono come guida di riferimento perciò alla fine del lavoro verranno cancellati.

Continua la lettura

3 Fato questo traccia una retta uguale a quella originale che parte dal punto A e passa attraverso il segno dei 60° che hai fatto prima (es: se la linea di partenza era di 10 cm, adesso la disegnerai della stessa lunghezza).  Ora ripeti l'operazione tracciando una retta uguale a quella originale che vada da B e passi attraverso il secondo trattino dei 60°.
Se hai fatto tutto correttamente dovresti ever fatto in modo che le 2 linee si incontrino in un terzo punto chiudendosi e formando così il tuo triangolo equilatero.  Approfondimento Classificazione dei triangoli (clicca qui) Poiché i lati hanno la stessa lunghezza ti incontrerai con le linee giusto al punto di fine.  Cancella infine i trattini guida che avevi tracciato in precedenza in modo leggero facendo attenzione a non eliminare i lati del tuo triangolo e correggi eventuali sbavature e grazie a questo semplice trucchetto la tua figura geometrica sarà pronta.
Spero che questa soluzione ti possa essere di aiuto per risolvere i tuoi problemi sulle figure geometriche.
Le figure geometriche sono molto affascinanti e sono state oggetto di studi particolari nell'antichità.  La sapienza trasmetta fino ai nostri giorni merita di essere appresa e trasmessa alle generazioni future.  Anche se il triangolo equilatero è una figura semplice disegnarla potrebbe richiede molta pazienza.  Con i consigli di questa guida avrete le linee guida su come procedere.
Alla prossima.

Come costruire un angolo di 120° In geometria, l'angolo è una figura che è costituita dalla ... continua » Caratteristiche del triangolo Il triangolo è un poligono con tre vertici, tre lati e ... continua » Le principali figure piane Per la maggior parte di bambini e ragazzini, la matematica e ... continua » Come si calcolano l'area ed il perimetro Quando si affronta la geometria piana, a partire dalle scuole elementari ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.