Come costruire un triangolo equilatero

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La Geometria è una materia piuttosto interessante e studiata fin dagli antichi greci e grazie a loro conosciamo oggi moltissime regole e formule per poter realizzare le svariate figure geometriche. Spesso a scuola nelle lezioni di geometria vi è capitato di dover disegnare un triangolo equilatero e la figura che siete riusciti a tracciare non aveva neanche un lato uguale all'altro? Non occorre fasciarsi la testa per niente, per imparare a costruire un triangolo equilatero perfetto basta seguire qualche semplice regola e con questa guida imparerete un paio delle possibili soluzioni che esistono per disegnare perfettamente questa figura geometrica. Vediamo subito come fare!

25

Occorrente

  • foglio
  • goniometro/Compasso
  • righello
  • matita
  • gomma
35

Con il compasso

Per prima cosa tracciate con un righello un segmento "AB" della lunghezza del lato che vi è stato assegnato e puntante il compasso sul punto "A" aprendo quest'ultimo fino a toccare con la mina il punto "B" e tracciate dunque un cerchio. Ripetete nuovamente quest'operazione puntando il compasso sul punto "B" e tracciando un'altro cerchio della medesima dimensione. Avrete dunque 2 intersezioni fra le circonferenze tracciate, entrambe equidistanti dai punti "A" e "B" e uno dei due sarà dunque il terzo punto del vostro triangolo, a seconda dell orientamento dello stesso.

45

Con Il goniometro: Misura Gli Angoli

Nel caso non disponiate di un buon compasso ma potreste trovare tra i vostri strumenti un goniometro, potrete avvalervi di un'altra procedura un po' più laboriosa: Partiamo nuovamente dal segmento "AB" e puntate il centro del goniometro con la matita nel punto "A", ruotate dunque il goniometro finché il punto "B" del segmento sia esattamente sugli 0 gradi. Il triangolo equilatero ha angoli di 60° quindi tracciate un segno leggero dove sono indicati i 60°. Ripetete dunque l'operazione puntando il centro del goniometro su B e facendo coincidere il grado 0 con la retta di partenza e tracciando un piccolo segno leggero all'altezza dei 60°.

Continua la lettura
55

Con Il goniometro: Traccia i Segmenti

A questo punto basterà tracciare un segmento di lunghezza AB partendo dal punto A e passando attraverso il segno dei 60° che avete lasciato in precedenza. Chiameremo il secondo estremo di questo segmento "C" e ci sarà utile a provare la corretta esecuzione della procedura di costruzione geometrica del triangolo rettangolo: Se il segmento che unisce i punti "C" e "B" passa dal segnetto dei 60° rilevato col goniometro puntando su "B" ed ha la lunghezza assegnata AB allora la costruzione geometrica del triangolo è avvenuta correttamente e tracciando quest'ultimo avremo finalmente ultimato il nostro triangolo equilatero.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come Tracciare Un Poligono Regolare

Si sa che per il disegno tecnico di una figura geometrica occorre molta precisione. Spesso la risoluzione di un esercizio dipende infatti proprio dalla costruzione della figura geometrica di riferimento, che per tale ragione deve essere il più possibile...
Elementari e Medie

Come costruire un triangolo equilatero conoscendo l'altezza

In geometria, un triangolo equilatero è un triangolo in cui i tre lati sono uguali. Nella geometria euclidea tradizionale, i triangoli equilateri sono anche equiangolo; cioè presentano tutti i tre angoli interni congruenti tra loro e sono ognuno 60...
Università e Master

Come disegnare il triangolo di Sierpinski

Il triangolo di Sierpinski è considerato uno dei frattali più famosi al mondo, ovvero una figura non intera in cui è possibile notare, se ingrandita, l'elemento di partenza in scala. Prende il nome proprio dal matematico che per primo ne scoprì le...
Elementari e Medie

Come costruire un angolo di 120°

In geometria, l'angolo è una figura che è costituita dalla parte di piano che si trova tra due semirette. L'ampiezza di un angolo si misura in gradi che partono da 0° e possono arrivare ad un massimo di 360°. In questa guida pertanto verrà spiegato,...
Superiori

Come disegnare la bisettrice di un triangolo

Nella geometria alcune parole o definizioni sono talmente complesse che la loro realizzazione su disegno sembra impossibile. La precisione in geometria è fondamentale. Per essere sicuri di eseguire un buon lavoro è necessario avere gli strumenti idonei...
Superiori

Come disegnare il cerchio cromatico di Itten

Johannes Itten fu un pittore, scrittore e designer svizzero dell'inizio del Novecento. Egli studiò davvero tanto le colorazioni, al punto di creare un cerchio cromatico per rappresentare i colori puri o essenziali e i loro discendenti dalle mescolanze....
Superiori

Come disegnare un esagono regolare

La geometria, branca della scienza matematica, studia le forme collocate nello spazio e nel piano, tanto che il nome ha origine nel greco antico e significa "misura della terra". La guida di oggi ci condurrà alla scoperta di un particolare poligono:...
Elementari e Medie

Come calcolare la base di un triangolo equilatero

La geometria è la scienza matematica che si occupa delle forme nel piano e nello spazio; questa ci permette la misurazione di aree, di altezze, di lunghezze e di tutte le componenti non solo di un poligono ma anche di una 'semplice' linea retta. Con...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.