Come costruire un Quadrato Di Punnet Con 2 Caratteri

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Questa guida vi aiuterà a costruire un quadrato di Punnett per l'analisi di 2 geni che si incrociano per comprendere quali saranno i caratteri dominanti e recessivi nel susseguirsi delle varie generazioni; ovvero permette di "predire" la generazione filiale (ovvero la prole) di due individui che hanno sui loro cromosomi questi geni. Esso fu inventato da Reginald Crundall Punnett, genetista britannico nato nel 1875 a Tonbridge. Egli morì nel 1967 alla veneranda età di novantadue anni. Durante tutto il corso della sua vita si dedicò alla genetica e nel 1905 scoprì, ideò e perfezionò il Quadrato di Punnett Spesso la difficoltà è proprio capire quali sono i genotipi da inserire nelle righe e nelle colonne. Insieme vedremo come fare.

27

Occorrente

  • pazienza, matita, libro di chimica
37

Capire il funzionamento

Gli alleli vengono rappresentati con una lettera. Per chi non lo ricordasse gli alleli sono le due copie di un gene. La lettera sarà maiuscola se il gene e dominante, sarà invece minuscola se il gene è recessivo. Per capire meglio il funzionamento del quadrato di Punnett prendiamo un esempio. L'allele per il seme liscio sia indicato con la lettera "A", mentre l'allele per il seme rugoso con "a". Prendiamo un altro carattere come il colore rosso, che indicheremo con B, e il colore bianco indicato con b. Noi già sappiamo che l'insieme degli alleli che determinano un carattere è detto genotipo, mentre è definito fenotipo la caratteristica che i genotipi determinano. Introduco una piccola parentesi per ravvivare la vostra memoria: se due alleli di uno stesso genotipo sono uguali, cioè AA, l'individuo è omozigote. Invece se i due alleli sono diversi, Aa, allora esso è eterozigote.

47

Individuare i gameti

La griglia che compone il quadro di Punnett riporta da un lato i genotipi di A, dall'altro i genotipi di B (come in figura). Incrociamo i genitori. Tenete a mente che AA è colore rosso, aa colore bianco. BB seme liscio, bb seme rugoso. Si incrociano ottenendo AA bb x aa BB. Non ci resta che individuare i gameti, ricordando che gli omozigoti danno un solo tipo di gameti. G: A; b; a; B; quindi la prole della prima generazione sarà: F1: AaBb; dove per f1 indico la generazione filiale 1 (figli prima generazione).

Continua la lettura
57

Incrociare i gameti

A questo punto andiamo a incrociare F1 x F1 in modo da capire quali sono i figli della generazione successiva. È necessario conoscere anche i caratteri della F2 per capire il rapporto genotipico.
Andiamo a vedere come costruire il quadrato:
Esso si costruisce ragionando sui gameti che vengono prodotti. Dal primo ottengo, per la segregazione di Mendel (cioè per la legge secondo la quale si dividono nei gameti): 1/2 A e 1/2 a. Dal secondo: 1/2 B e 1/2 b. Ora non ci resta che fare un diagramma ramificato, combinando il primo risultato con il secondo. 1/2 A per 1/2 B = 1/4 AB; 1/2 A per 1/2 b = 1/4 Ab; 1/2 a per 1/2 B = 1/4 aB; 1/2 a per 1/2 b =1/4 ab
Questi sono i nostri valori da inserire nelle righe e nelle colonne cosi come nella foto.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Stimare Le Frequenze Alleliche

La legge di Hardy-Weinberg è il fondamento della genetica di popolazioni. Essa infatti sancisce che le leggi di segregazione di Mendel possano estendersi anche a concetti di frequenze alleliche e genotipiche all'interno di una data popolazione. Un'importante...
Superiori

Appunti di scienze: le leggi di Mendel

La guida che vi proporremo nei passi che seguiranno, si concentrerà sulla materia delle scienze, in quanto andremo a darvi una serie di appunti relativi alle leggi di Mendel.Mendel è stato un naturalista, un matematico e un religioso di origine ceca,...
Università e Master

Come applicare il principio di Hardy-Weinberg

La matematica non è solamente lo studio noioso dei numeri, ma un vero e proprio processo nella comprensione di alcuni principi che riguardano svariate scienze e discipline. Capirla non è semplice, e non tutti sono portati, ma una volta fatti chiari...
Università e Master

Come analizzare un albero genealogico

Analizzare un albero genealogico è un'impresa tanto stimolante quanto impegnativa. Se pensate allo studio della genetica umana, salta subito all'occhio che gli incroci non sono né possibili né programmati. Le modalità di ereditarietà dei caratteri...
Superiori

Biologia: geni e alleli

La biologia è la scienza che per definizione si occupa degli argomenti riguardanti la vita. Una delle caratteristiche che contraddistinguono da millenni lo sviluppo della specie e che da sempre ha attratto l'uomo e interessato la scienza, riguarda la...
Università e Master

Appunti sulla genetica di Mendel

Gregor Johann Mendel è stato un grande naturalista, nonchè un esperto di matematica ed è proprio a lui che si deve la nascita della genetica moderna: fu proprio lui, infatti, il primo che si dedicò agli studi sui caratteri ereditari. La genetica è...
Superiori

La teoria dell'evoluzione

Animali e pianti sono organismi viventi, suddivisi in ordini e in famiglie. La loro classificazione è possibile perché esistono le specie che raggruppano gli essere viventi, in modo più o meno omogeneo. Tramite la teoria dell'evoluzione della specie,...
Università e Master

Appunti di genetica

La genetica può essere definita come una materia scientifica, strettamente connessa alla biologia molecolare. Attraverso gli studi di genetica e l'esame dei geni stessi, si comprende e si studia la variabilità degli esseri viventi determinata dai geni....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.