Come costruire un grafico

di Alex Pinturicchio tramite: O2O difficoltà: difficile

Costruire un grafico può essere abbastanza utile per presentare i dati di una determinata ricerca e per effettuare un confronto fra quest'ultima ed una eseguita precedentemente; nella seguente semplice e rapida guida che enuncerò nei passaggi successivi, vi aiuterò a realizzarlo partendo dalle informazioni di cui disponete: vedrete che con un po' di pratica diventerà una cosa molto intuitiva!!! Diamo inizio a questa guida su come costruire un grafico.

Assicurati di avere a portata di mano: Un foglio a quadretti o carta millimetrata Una matita Una gomma Un righello o una squadra

1 Innanzitutto, stabilite quale tipologia di grafico dovete costruire e questo dipende dal tipo di frequenza e di variabile che intendete rappresentare; precisamente, se quest'ultima è: qualitativa, bisognerà realizzare un grafico a barre; quantitativa, potete impiegare l'istogramma oppure il poligono di frequenza (preferibile se essa è continua).

2 Adesso, tracciate l'asse delle ordinate (X), tramite una linea orizzontale, e dei brevi segmenti verticali ugualmente distanziati, corrispondentemente a ciascuna categoria o ad ogni importo della variabile; dopodichè, riportate le relative etichette, ovvero le categorie di quest'ultima o i suoi valori, ed attribuite l'appropriato nome ad X.

Continua la lettura

3 Successivamente, disegnate l'asse delle ascisse (Y), tramite una linea verticale all'estrema sinistra della X, e dei brevi segmenti orizzontali ugualmente distanziati, in corrispondenza delle frequenze; dopodichè, riportate le relative targhette (come i valori 2, 5, 10 e multipli) ed etichettate Y con il tipo di frequenza utilizzata (specificate se essa è semplice, percentuale o di altra tipologia).

4 Se state costruendo un grafico a barre, dovete tracciare dei rettangoli (colorabili e tra cui occorrerà lasciare uno spazio, affinché si possano distinguere bene i dati rappresentate), che avranno un'altezza uguale alla frequenza ed una larghezza standard per tutte le categorie della variabile. Dopo questo quarto passo, procedete con il prossimo.

5 Se state facendo un istogramma, dovete disegnare dei rettangoli (che vanno delineati uno di seguito all'altro e possono essere anche colorati), che avranno un'altezza pari alla frequenza ed una larghezza standard uguale per tutti i valori della variabile.

6 Se state realizzando un poligono di frequenza, dovete: tracciare dei punti all'intersezione tra il valore della variabile e la frequenza corrispondente, e unirli attraverso delle linee: se quest'ultima è cumulata, per ottenere un'ogiva, delineerete una curva che parte dall'angolo in basso a sinistra del disegno e si muove verso quello opposto.

Come risolvere una variabile in una funzione trigonometrica Volete capire come risolvere una variabile in una funzione trigonometrica? Siete ... continua » Come disegnare il reciproco di una funzione Prima di illustrare il metodo per disegnare il reciproco di una ... continua » Come rappresentare un grafico di una funzione matematica Una funzione matematica o applicazione descrive una relazione fra due o ... continua » Come usare il funtool in Matlab Spesso, nella vita lavorativa oppure nel percorso di studio, ci si ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Matematica: il criterio di Nyquist

Determinare la stabilità asintotica nella realtà di un sistema dinamico in retroazione, è possibile grazie al criterio di Nyquist, attuabile nel campo della matematica per ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.