Come costruire il discorso indiretto in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Imparare una lingua differente dalla nostra, al giorno d'oggi, è fondamentale, sia perché ci da maggiori possibilità di trovare un lavoro ma anche per riuscire a viaggiare in altre nazioni senza alcun problema.
Una delle lingue che dovremo assolutamente conoscere è sicuramente l'inglese, poiché questa è parlata in tutto il mondo e ci permetterà di parlare anche con persone di nazionalità differente.
Per imparare questa lingua potremo o frequentare costosissimi corsi dove insegnanti madrelingua potranno aiutarci passo dopo passo ad imparare tutte le varie regole, o in alternativa potremo studiare da soli magari seguendo alcune guide presenti su internet.
Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a costruire il discorso indiretto in inglese.

27

Occorrente

  • Pazienza e un buon libro di grammatica
37

Le interrogative indirette sono quelle frasi che non richiedono l'uso di un punto interrogativo, in quanto sono appunto dette indirette. Esse sono introdotte solitamente da verbi come:- to ask (chiedere) - to wonder (domandarsi) - to want to know (voler sapere)- to inquire (informarsi) Oppure da frasi del tipo: - Can you tell me.. (Puoi dirmi..) - Do you know.. (Sai...)

47

Quando l'interrogativa indiretta è introdotta da un verbo al presente, il tempo verbale rimane invariato rispetto all'interrogativa diretta. In altri casi il tempo verbale cambia. Vediamo alcuni esempi concreti:-What did he buy? (Cosa ha comprato?)- interrogativa diretta. - I want to know what he has bought.

Continua la lettura
57

In base al verbo della interrogativa diretta, l'interrogativa indiretta assume un'altra forma che è diversa da quella del verbo dell'interrogativa diretta. Un altro modo per costruire le interrogative indirette è attraverso l'ausilio di "If" e di "wether". Questi introducono l'interrogativa indiretta rendendo meglio il senso della frase.

67

Il discorso indiretto è il modo in cui vengono riportate, in una preposizione subordinata, le parole dette in precedenza. Da un lato, c'è la possibilità di riportare quanto è stato detto usando il discorso diretto, cioè ripetendo l'enunciato in forma invariata e usando per esempio le virgolette: Luigi XIV disse: "Lo Stato sono io". Con il discorso indiretto, al contrario, l'enunciato viene integralmente incorporato in quello di chi lo sta citando: Luigi XIV disse che lo Stato era lui. Dato che il contesto in cui l'enunciato viene prodotto non è più lo stesso, nasce la necessità di adattare ogni forma di deissi, cioè tutte le indicazioni di tempo, persona e di luogo.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitarsi molto

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Inglese: discorso diretto e indiretto

Il discorso diretto e il discorso indiretto sono i due modi in cui può essere riportata una conversazione. Il discorso diretto, usato di solito nelle narrazioni, riporta le parole tra virgolette così come vengono esposte dall'interlocutore. Quello indiretto,...
Superiori

Come Formare Le Proposizioni Interrogative Indirette In Latino

Le proposizioni interrogative indirette sono subordinate di natura completiva, che formulano una domanda in forma indiretta, cioè in dipendenza da un verbo come "chiedere, domandare, interrogare, sapere". Se invece la domanda è formulata in modo diretto...
Elementari e Medie

Grammatica: proposizioni interrogative indirette

Sappiamo come la grammatica non sia una materia amatissima, ma se studiata con il giusto approccio, anche questa può essere apprezzata e compresa con facilità. Andiamo adesso ad analizzare proprio un argomento importantissimo della grammatica italiana...
Superiori

Proposizione interrogativa in latino

La proposizione interrogativa può terminare anche in lingua latina con il segno di punteggiatura? (punto di domanda). La proposizione interrogativa latina può essere diretta, se svolge il ruolo di proposizione principale, o indiretta, se invece occupa...
Lingue

La forma interrogativa in francese

Prendendo come riferimento il francese e l'italiano, sono presenti delle differenze anche nella realizzazione della forma interrogativa. Per questo motivo, bisogna avere un po' più di attenzione nel cercare di esprimersi in modo corretto.Nella presente...
Superiori

Grammatica latina: interrogative dirette e indirette

Nel presente tutorial di appunti di grammatica latina tratteremo le proposizioni interrogative dirette ed indirette. Inizieremo col dire che entrambe possono essere semplici ovvero disgiuntive (o doppie). Nell'ultimo caso, sono presenti più “opzioni”...
Lingue

La forma interrogativa in greco

Come l'italiano, anche il greco, vanta di una grammatica che va studiata attentamente. In greco, infatti, sono tante le forme da conoscere per far sì che, tra le tante cose, possiate essere in grado di tradurre versioni greche. A scuola, soprattutto...
Lingue

La forma interrogativa in arabo

La scelta di studiare in modo approfondito una lingua straniera, oggi è più che mai un'esigenza. Le lingue orientali affascinano sempre di più, ed impazzano sul web numerosi tutorial e suggerimenti su come formulare frasi specifiche. Se state iniziando...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.