Come convocare il consiglio di istituto

di Girolama Adelfio tramite: O2O difficoltà: media

Il Consiglio d'Istituto è l'organo collegiale della scuola e si occupa della gestione e dell'indirizzo generale dell'istituto scolastico, in particolare per quel che concerne gli aspetti economici e organizzativi. È definito "collegiale" perché è formato da più componenti ovvero rappresentanti dei genitori, degli insegnanti, degli studenti, del personale ATA e, di diritto, dal Dirigente scolastico. I rappresentanti vengono eletti con delle vere e proprie elezioni interne e durano in carica tre anni. Il Consiglio ha potere decisionale riguardo il programma annuale e il conto consuntivo, l'adozione del POF, l'acquisto del materiale scolastico e di ogni altro aspetto che riguarda la funzionalità della scuola. È diretto da un Presidente scelto fra i genitori a scrutinio segreto nella sua prima riunione alla presenza del Dirigente scolastico. Vediamo a tal proposito come è possibile convocare correttamente il Consiglio di Istituto.
.

1 Il Presidente riceve la domanda dalla maggioranza dei componenti del consiglio Il Consiglio viene convocato nella sua prima riunione dal Dirigente scolastico. In questa prima seduta si eleggono sia i componenti che il Presidente. Il Consiglio può essere convocato in qualsiasi momento e, in ogni caso, una volta al mese ad eccezione del periodo luglio-agosto. Va tenuto presente che la Circolare Ministeriale, numero 105/75, stabilisce che il Presidente deve organizzare la convocazione su domanda della maggioranza dei componenti del consiglio. I genitori, che non risultano consiglieri, hanno la facoltà di esporre le proprie richieste al Presidente con la finalità di fargliele valutare. Le ulteriori riunioni, invece, sono convocate dal Presidente su richiesta del Presidente della Giunta, della maggioranza dei componenti del Consiglio, del Collegio dei docenti, dell'Assemblea dei genitori, del Consiglio di classe, del Personale ATA, del Provveditore agli studi.

2 La convocazione dei membri avviene tramite avviso indicante data, ora, sede e ordine del giorno Dalla richiesta il Presidente ha la possibilità di convocare l'organo entro 10 giorni; passato questo tempo sarà riunito dal Presidente della Giunta esecutiva. La convocazione dei membri avviene tramite avviso indicante data, ora, sede e ordine del giorno, non meno di cinque giorni prima del giorno previsto per la seduta. In casi straordinari Il Consiglio può essere convocato d'urgenza con qualsiasi mezzo. Inoltre, la copia della Convocazione deve essere esposta all'Albo dell'Istituto scolastico. È il vero e proprio Parlamento della scuola ed è per questo che i suoi componenti devono essere a conoscenza dell'importante ruolo che rivestono per il buon andamento dell'istituzione scolastica.

Continua la lettura

3 Il Presidente e il segretario redigono il verbale Durante la seduta di convocazione, il Presidente nominerà un segretario che avrà il compito di redigere il verbale indicando la data, il luogo della riunione, i nominativi degli assenti giustificati e non, l'argomento della discussione, l'esito della votazione ed ogni deliberazione.  I presenti avranno il diritto di richiedere la registrazione sul verbale di ogni loro dichiarazione, richiesta od opposizione al tema in discussione.  Approfondimento Come convocare il consiglio di classe (clicca qui) A conclusione della convocazione, il verbale dovrà essere sottoscritto sia dal Presidente che dal segretario, letto ed approvato dai presenti.  Le delibere dovranno essere appese all'Albo, non oltre 10 giorni dalla data della convocazione, e rimanerci fino alla prossima riunione del Consiglio.

Non dimenticare mai: Va tenuto presente che la Circolare Ministeriale, numero 105/75, stabilisce che il Presidente deve organizzare la convocazione su domanda della maggioranza dei componenti del consiglio. Alcuni link che potrebbero esserti utili: Regolamento di funzionamento del Consiglio d'Istituto Consiglio di istituto Ruolo del Presidente del Consiglio di Istituto

Come convocare il consiglio di classe Il consiglio di classe è un organo istituzionale che ha le ... continua » Come cambiare scuola ad anno scolastico iniziato A volte succede che durante l'anno scolastico uno studente ha ... continua » 10 regole per essere un buon rappresentante di classe Fare il rappresentante di classe implica delle responsabilità e una discreta ... continua » I principali compiti del Presidente della Repubblica Il Presidente della Repubblica è il capo dello stato italiano. È ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Il Parlamento in seduta comune

Il Parlamento della Repubblica Italiana è l'organo che costituisce la funzione legislativa. Il Parlamento è composto da due camere, che possiedono le stesse funzioni ... continua »

Come Scrivere Un Verbale

Il verbale è un documento, scritto in modo oggettivo, che serve a registrare per iscritto qualcosa che è stato dichiarato oralmente in una riunione o ... continua »

Come convocare i supplenti

Al giorno d'oggi molti insegnanti precari, aspettano che le loro collaborazioni si trasformino in contratti a tempo indeterminato. Questa è la condizione che i ... continua »

Come convocare i supplenti

In tempo di precarietà ed aspettando che le collaborazioni si trasformino in contratti veri e propri, si resta in uno stato di perenne attesa. Questa ... continua »

Come cambiare scuola

Generalmente quando si conclude il ciclo della scuola secondaria di primo grado e necessariamente si deve cambiare scuola, ci si trova di fronte a una ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.