Come Coniugare I Verbi Essere E Avere Al Presente In Inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

In questa breve guida vi spiegherò come coniugare i verbi essere e avere al presente in inglese, in modo semplice e facile da capire; con esempi di frasi più comuni. Così vedrete che non avrete più dubbi e non lo dimenticherete più. Inoltre bisogna fare attenzione perché non sempre qusti due verbi si traducono in Italiano con il loro significato originale. Seguitemi attentamente.

24

Iniziamo ad esaminare il verbo essere. Esso si traduce in inglese con: TO BE. Occorre fare attenzione però ad alcuni 'trabocchetti' di questa lingua, infattiesistono casi in cui le frasi con il verbo To Be corrispondono ad espressioni italiane con "Avere"; o peggio ancora il verbo "Avere" non viene utilizzato per indicare possesso bensì uno stato o una condizione. Vi mostro alcuni esempi per capire meglio queste frasi ambigue, e perché che non vi sbagliate:
Ho 37 anni. = I am 37 (years old)
Ho fame = I am hungry
Ho freddo = I am coldHo ragione = I am rightHo sonno= I am sleepyHo paura = I am scaredHo fretta = I am in a hurryCome potete notare, in inglese si usa il verbo essere al presente (I am); ma in italiano viene tradotto con il verbo avere. Quindi fate molta attenzione a non confondervi! Vediamo come si costruisce una frase con il verbo TO BE.
AFFERMATIVA:Soggetto + TO BE + complemento
Esempio: Mark is American. (Marco è americano)
NTERROGATIVA: TO BE + soggetto + complemento

Esempio: Is Mark American? (Marco è americano?)
INTERROGATIVA-NEGATIVA: Forma contratta di BE/ NOT + soggetto + complementoEsempio: Isn’t Mark American? (Marco non è americano?)

34

Per quanto riguarda il verbo avere, si traduce con TO HAVE; e in alcuni casi può essere usato il rafforzativo GOT. Fate attenzione però che nella forma interrogativa, negativa e interrogativa-negativa del Presente Semplice GOT è sempre richiesto. Non dimenticatelo! Inoltre quando TO HAVE (GOT) è seguito dalla preposizione TO significa DOVERE
Esempio: I've (got) to go = Devo andare
Esaminiamo ora come si forma il verbo avere:
AFFERMATIVA: Soggetto + TO HAVE (GOT) + complemento
Esempio: Mark has (got) a car. (Marco ha una macchina) o (Marco possiede una macchina)
NEGATIVA: Soggetto + TO HAVE + NOT + GOT + complementoEsempio: Mark hasn't got a car. (Marco non ha una macchina) o (Marco non possiede una macchina)
INTERROGATIVA: TO HAVE + soggetto + GOT + complemento
Esempio: Has Mark got a car? (Marco ha una macchina?) o (Marco possiede una macchina?)
INTERROGATIVA-NEGATIVA: Forma contratta di TO HAVE e NOT+ soggetto + GOT + complementoEsempio: Hasn’t Mark got a car? (Marco non ha una macchina?) o (Marco non possiede una macchina?)

Continua la lettura
44

Attenzione: anche il verbo TO HAVE non sempre è usato con il significato di avere. Vi riporto alcuni esempi:
to have breakfast/lunch/dinner = fare colazione/pranzare/cenareto have a shower = fare una docciato have a swim = fare una nuotata/un bagnoto have a coffee/a drink = prendere un caffè/una bibitato have fun/a good time = divertirsito have a look (at) = dare un'occhiata (a) to have a nice day = passare una buona giornata
Spero di esservi stata di aiuto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come formare e usare il Present Perfect Continuous

Nella grammatica inglese il passato prossimo di un verbo spesso viene sostituito da una forma verbale particolare: il Present Perfect Continuous, solitamente tradotto con l'espressione passato prossimo progressivo. Tuttavia, i due tempi verbali si adoperano...
Lingue

La forma interrogativa in inglese

Negli ultimi anni, conoscere e parlare bene lingue straniere è davvero molto importante. Soltanto in questo modo è possibile viaggiare tranquillamente all'estero e cercare lavoro quasi dovunque. Tra le numerose lingue esistenti, quella da conoscere...
Lingue

Inglese: present continuous and present simple

Al giorno d'oggi, la conoscenza della lingua inglese è fondamentale e costituisce un requisito indispensabile per presentarsi al mondo del lavoro e non solo. Per essere in grado di affrontare dei dialoghi in inglese è importante disporre di una solida...
Lingue

La struttura della frase inglese

Ormai l'inglese è la lingua più parlata al mondo, e conoscerla è importante, soprattutto per chi decide di viaggiare, sia per lavoro che per piacere, e conoscere nuovi posti e ha bisogno di comunicare con la popolazione del posto. Ma per imparare bene...
Lingue

I 10 errori più comuni che gli italiani commettono in inglese

L'inglese è una lingua ricca di storia e di facile apprendimento. La sua grammatica presenta certo delle particolarità, ma in misura minore rispetto alla lingua italiana. Questa semplicità, se da un lato è apprezzata dagli studenti, a volte può trarli...
Lingue

Come coniugare i verbi irregolari in inglese

La guida che andremo a sviluppare nei passi che seguiranno, si occuperà di lingue straniere. Per essere più specifici nelle argomentazioni, tratteremo la lingua inglese. Come abbiamo indicato anche nel titolo della guida stessa, andremo a spiegarvi...
Lingue

Come usare il condizionale in inglese

Una delle regole sicuramente più complicate e difficili da utilizzare in inglese è quella che riguarda l'utilizzo del tempo condizionale. I questa guida cercheremo di spiegare le linee essenziali per un corretto utilizzo del tempo. Vediamo come usare...
Lingue

Francese: i verbi riflessivi

Con pochi e semplici passaggi vi sarà spiegato come utilizzare i verbi verbi riflessivi nel linguaggio parlato in Francia. Il francese, facente parte delle lingue discendenti dal latino, appartiene anche al gruppo delle lingue indoeuropee; essa può...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.