Come coniugare i congiuntivi in italiano

di Irene Romeo tramite: O2O difficoltà: media

La grammatica italiana si compone di diverse regole ed eccezioni. Lingua neolatina conta svariati tempi e modi verbali. Il primo approccio all'italiano sarà sicuramente traumatico, specie con il congiuntivo, difficile da coniugare anche per i madrelingua. L'errore è sempre dietro l'angolo. Anche ai migliori capita di sbagliare. Con facilità si usa il congiuntivo quando servirebbe invece il condizionale, o viceversa. Per non creare confusione, non fare parallelismi con le altre lingue. Non confrontare l'italiano con altri idiomi. Le regole non sono facilmente desumibili. Hanno infatti strutture differenti. Per chiarire un po' le idee, ecco come coniugare i congiuntivi in italiano.

Assicurati di avere a portata di mano: Un testo di grammatica italiana

1 I verbi regolari Coniugare i congiuntivi in italiano, richiede molta attenzione. Nel caso di un verbo regolare, estrapolane innanzitutto la radice. Si tratta della parte invariabile della parola, in tutte le sue forme. Per comprendere meglio il concetto, facciamo qualche esempio. Prendiamo in considerazione il verbo "parlare". La radice "parl", si ottiene togliendo la desinenza "are" dell'infinito presente. Alla radice "parl" aggiungi le desinenze del congiuntivo della prima coniugazione, ovvero -i, -i, -i, -iamo, -iate, -ino. Per la seconda coniugazione, le desinenze sono: -a, -a, -a, -iamo, -iate, -ano. Per la terza coniugazione: -a, -a, -a, -iamo, -iate, -ano.

2 I verbi irregolari Per coniugare, invece, i verbi irregolari, non sempre vale la regola precedente. Non tutti i congiuntivi in italiano si ricavano dalla radice del verbo all'infinito. Infatti, in certi casi si verificano delle eccezioni. Facciamo qualche esempio pratico. Il verbo dovere diventa al congiuntivo "che io debba". Alcune forme deviano dalla regola generale, come gli ausiliari oppure stare. Stesso discorso per sapere e dare. I verbi che terminano in "-care", "-ciare", "-cere" seguono la regola per la formazione del presente indicativo. Stesso discorso per coniugare al congiuntivo "-gare", "-giare" e "-gere".

Guarda il video:

Continua la lettura

3 I verbi ausiliari Come già accennato, fanno eccezione i verbi ausiliari, indispensabili per i composti.  Per coniugare al congiuntivo presente i due verbi, memorizza le formule.  Approfondimento Regole per l'uso del congiuntivo (clicca qui) La prima persona del verbo essere è "che io sia".  La seconda che tu sia, la terza che egli sia.  La prima plurale che noi siamo, la seconda plurale che voi siate ed infine, che essi siano.  Per il verbo avere che io abbia, che tu abbia, che egli abbia.  Al plurale che noi abbiamo, che voi abbiate, che essi abbiano.  Al passato, in entrambi i casi, aggiungi "stato".  L'imperfetto di essere si trasforma in che io fossi, che tu fossi, che egli fosse.  Al plurale che noi fossimo, che voi foste, che essi fossero.  Al trapassato si aggiunge "stato".  Per il verbo avere la prima persona è "che io ebbi".

Non dimenticare mai: Per qualsiasi dubbio, specialmente per i verbi irregolari, è bene consultare, di volta in volta, il dizionario della lingua italiana. Alcuni link che potrebbero esserti utili: Ripassiamo il congiuntivo Il congiuntivo | Guida all'uso corretto

Come formare l'indicativo presente dei verbi in ER in francese In francese le coniugazioni dei verbi sono 4 e si distinguono ... continua » Francese: il congiuntivo Se per le vostre vacanze estive o invernali avete deciso di ... continua » Regole per coniugere i congiuntivi indipendenti in latino Il latino non è una lingua facile, ma è molto studiata ... continua » Come formare i tempi verbali in greco La lingua greca antica è una bellissima lingua studiata ancora tutt ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Lingua spagnola: i verbi

Approcciarsi ad una lingua differente dalla propria non è mai semplice. Ci sono regole da imparare, termini da memorizzare, nuovi suoni da pronunciare e, inizialmente ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.