Come concordare soggetto e predicato in Latino

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il latino è una materia molto avversa a molti studenti e purtroppo studiata da pochissimi, che ne riescono ad apprezzare la bellezza e l'importanza, per comprendere soprattutto la lingua italiana e imparare come utilizzarla al meglio. Sicuramente la grammatica latina presenta molte difficoltà che pochi vogliono affrontare, non capendo che superati gli ostacoli con il latino la letteratura e la scrittura acquisteranno sicuramente una connotazione diversa. In questa guida si cercherà di descrivere solamente un piccolo aspetto di questa lingua antica e dimenticata. Per concordanza si intende l'accordo grammaticale tra gli elementi di una proposizione. In tale accordo grammaticale possono intervenire i seguenti elementi: la persona, il genere, il numero e il caso. Di seguito si potrà vedere come concordare correttamente il soggetto con il predicato.

28

Il soggetto e il predicato sono gli elementi fondamentali di una qualsiasi proposizione. Tutti gli altri complementi, l'apposizione e l'attributo servono solamente a completarne il corretto significato. Più precisamente, il soggetto rappresenta una qualsiasi parte del discorso su cui il predicato (ovvero il verbo della frase) predica un'azione, una condizione, una qualità oppure uno stato d'essere.

38

Enunciata tale premessa si può iniziare a procedere per analizzare dettagliatamente la concordanza. La prima cosa da sapere è che possono avere la funzione di soggetto: un sostantivo, un pronome, un aggettivo, un avverbio, un infinito oppure, addirittura, un'intera proposizione. Se il soggetto fosse costituito da una parola declinabile assumerebbe il caso nominativo (che è il caso del nomen, ovvero, appunto, del soggetto).

Continua la lettura
48

Per quanto riguarda, invece, il predicato è necessario sapere che ne esistono due tipi: il predicato verbale e il predicato nominale. Il predicato verbale è un verbo di senso compiuto (non ha bisogno, dunque, di altri elementi che ne completino il significato) e indica, generalmente, un'azione compiuta dal soggetto. Il predicato nominale, invece, è costituito dall'unione del verbo sum oppure di un altro verbo copulativo con un sostantivo o un aggettivo. Esso indica una qualità, una condizione oppure uno stato d'essere del soggetto.

58

CONCORDANZA DEL PREDICATO CON UN UNICO SOGGETTO: è il caso in cui il soggetto e il predicato verbale concordano nella persona e nel numero (se la voce verbale fosse composta, concorderebbero anche nel genere e nel caso). Per quanto riguarda il predicato nominale: se il nome del predicato fosse un aggettivo, esso concorderebbe col soggetto in genere, numero e caso; se fosse un sostantivo, esso concorderebbe col soggetto sempre nel caso (ma se fossero presenti i cosiddetti "nomi mobili" che al femminile differiscono dal maschile, come dominus / domina, concorderebbe anche nel genere e nel numero).

68

CONCORDANZA DEL PREDICATO CON PIù SOGGETTI: è il caso in cui, all'interno di una proposizione, sono presenti più soggetti, il predicato è sempre espresso al plurale. Le cose si complicano, però, quando i soggetti hanno genere diverso: in questo caso, se i due soggetti sono maschili, sia per gli esseri animati che per gli esseri inanimati, si deve usare il maschile plurale; se sono femminili, sia per gli esseri animati che per gli esseri inanimati si deve usare il femminile plurale; se uno è maschile e l'altro è femminile, per gli esseri animati si deve usare il maschile plurale, mentre per gli inanimati si deve usare il neutro plurale; se uno è maschile e l'altro è neutro per gli esseri animati si deve usare il maschile plurale, mentre per gli inanimati si deve usare il neutro plurale; se uno è femminile e l'altro è neutro, per gli esseri animati si deve usare il femminile plurale, mentre per gli inanimati si deve usare il neutro plurale.

78

COSTRUZIONE A SENSO: per quanto riguarda, invece, la costruzione a senso, in essa il predicato verbale e il predicato nominale coincidono (anziché con il vero e proprio soggetto della frase) con il cosiddetto soggetto logico. Questo particolare tipo di costruzione è possibile che si verifichi con i nomi collettivi, con i sostantivi neutri di senso collettivo, con i pronomi seguiti da genitivo plurale, con mille più genitivo partitivo, con il sostantivo partim, oppure con soggetto singolare seguito da complemento di compagnia.

88

CONCORDANZA PER ATTRAZIONE: per quanto riguarda, invece, la concordanza per attrazione, è possibile notare che il predicato concorda con l'apposizione (anziché con il soggetto) quando questa è un nome geografico. Il predicato può essere, inoltre, concordato con il predicativo del soggetto, quando questo risulta vicino al verbo più di quanto lo sia il soggetto. La copula, invece, concorda con il nome del predicato quando il soggetto è un infinito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Analisi logica: il predicato verbale

Analisi logica, nemico giurato di studenti e studentesse. Tuttavia non è difficile come può sembrare alla prima occhiata, e affrontata per gradi diventa semplice e comprensibile. L’analisi logica studia i diversi elementi di una frase, distinguendoli...
Elementari e Medie

Come individuare il predicato in un periodo

Studiare una lingua significa saper analizzare le frasi in senso logico e grammaticale al fine da riconoscerne tutte le sue parti. Le frasi solitamente sono costituite da un soggetto, un verbo e un complemento. Se svolgiamo l'analisi logica è di notevole...
Superiori

Latino: pluralia tantum

I Nomina Pluralia Tantum sono i nomi che hanno esclusivamente il plurale. In latino questi sostantivi hanno solo la forma plurale anche se si riferiscono ad un unico soggetto. In presenza dei Pluralia Tantum la copula, il predicato, il nome del predicato...
Superiori

Come Comporre Una Proposizione Infinitiva In Latino

Uno dei costrutti più importanti da studiare per imparare al meglio la sintassi latina è sicuramente la proposizione infinitiva. Nelle proposizioni infinitive il predicato è costituito dal modo infinito. Una proposizione infinitiva può essere soggettiva...
Superiori

Come riconoscere e tradurre l'ablativo assoluto latino

L'ablativo assoluto è, per tanti studenti, un costrutto latino di solito ostico. Non si riesce spesso a riconoscere e perciò anche la sua traduzione diventa difficile. La maggior parte delle volte, soggetto e predicato infatti non sono insieme, ma sono...
Superiori

Come formare un paradigma latino

La grammatica latina, così come quella italiana è molto vasta e presenta determinate terminologie che vengono utilizzate per uno studio più approfondito della grammatica e della sintassi. Nell'analisi logica, il soggetto, il complemento oggetto e il...
Superiori

Grammatica latina: aggettivi sostantivati

La lingua italiana è diretta discendente della lingua latina, oggi ormai quasi completamente estinta. Semplicemente perché, nonostante il latino sia rimasta la lingua ufficiale del Vaticano, essa non viene più parlata dagli italiani anche se, comunque,...
Superiori

Latino: usi dell'infinito semplice

Nella lingua latina, esistono tre forme diverse di infinito: presente o semplice (come, ad esempio, Laudare), perfetto (come Laudavisse) e futuro (tra cui Laudaturus e um esse).L’infinito potrebbe svolgere una funzione sia verbale che nominale, all'interno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.