Come comportarsi a scuola

di Giovanna Napolitano tramite: O2O difficoltà: media

La scuola è il luogo dove molti giovani passano buona parte della loro giornata. Un luogo di formazione, dove oltre ad imparare le nozioni delle varie discipline fanno tante nuove esperienze e creano legami con i con i loro compagni e insegnanti. Tutto ciò comporta che la scuola non sia solo un posto noioso o stressante, ma può essere anche interessante e divertente. Gli studenti guadagnano molto dall'esperienza scolastica che è un diritto inalienabile oltre che in percorso obbligatorio. Ma hanno quindi anche dei doveri, che riguardano non solo i voti e lo studio, ma anche il comportamento. La scuola è infatti un luogo pubblico soggetto alle proprie regole. Solo comprendendo come comportarsi a scuola è possibile garantire un percorso sereno e fruttuoso per tutti gli studenti.

1 Arrivare puntuali La prima regola per tenete un comportamento adeguato a scuola è quello di arrivare puntuali alle lezioni e a tutte le attività scolastiche. Arrivando in ritardo si rischia di perdere parte della spiegazione e di rimanere indietro. Inoltre è segno di mancanza di rispetto nei confronti degli insegnanti che tengono la lezione e verso i proprio compagni che invece sono arrivati entro l'orario previsto per le attività. Si rischia quindi di far perdere tempo prezioso sia ai professori che agli studenti, per colpa dell'interruzione, ma anche delle eventuali scuse e discussioni che seguono. Infine arrivare con un certo anticipo può essere utile per avere un confronto con i propri compagni sui compiti assegnati, oppure per ripetere la lezione prima di un'interrogazione o ancora, semplicemente, per socializzare e rilassarsi prima di concentrarsi sulla spiegazione.

2 Seguire la lezione ed essere educati Fate vedere che state ascoltando, annuite, intervenite; fate delle domande o delle considerazioni. Anche se non vi sembrano necessarie, ai docenti fa molto piacere la partecipazione. Prendete appunti: oltre che per non distrarvi, servirà anche per avere meno lavoro da svolgere a casa. Inoltre, se all'interrogazione tirerete fuori qualche "chicca" dell' insegnante, ne sarà di sicuro piacevolmente sorpreso e, oltre che aver appreso qualche nozione in più, avrete anche un voto in più. Altro consiglio: non rispondete male e non alzate la voce. È vero che i professori non hanno sempre ragione, ma in tal caso fate valere le vostre idee con l'educazione e con la gentilezza. Se non funziona rassegnatevi: di certo non essere maleducati non farà loro cambiare modo di pensare.

Continua la lettura

3 Rispettate gli altri Sempre tenendo presente il filo conduttore del rispetto, non disturbate la lezione.  Può capitare che l'argomento non vi interessi o non abbiate voglia di seguire una spiegazione.  Approfondimento Come sfuggire ad una interrogazione (clicca qui) Fermo restando che la cosa potrebbe andare a vostro svantaggio, almeno state in silenzio.  Vedrete che tenendo a mente delle sane regole di buona educazione, non vi sarà difficile comportarvi bene a scuola e ricordate che comportandovi bene i professori saranno anche più buoni al momento della pagella.

Come andare bene a scuola senza studiare Studiare non è mai una cosa piacevole per i bambini, che ... continua » 5 tipi di studenti durante un'interrogazione La maggior parte di noi ricorda i tempi della scuola con ... continua » Consigli per non annoiarsi a scuola L'istruzione fornisce le conoscenze e la cultura sfruttabili durante il ... continua » Come fare una buona impressione ai professori L'inizio di un nuovo anno scolastico, che sia il rientro ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come prepararsi alla scuola media

Già! Come prepararsi alla scuola media? Cosa dobbiamo raccomandare agli studenti che hanno terminato da poco la scuola elementare? Una nuova vita scolastica che magari ... continua »

Come non essere bocciato

La scuola nella maggior parte dei casi, è poco amata dagli studenti per diversi motivi, tra cui: mancanza di stimoli, pigrizia, un'errata organizzazione o ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.