Come calcolare l'intervallo di confidenza di una media

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In ambito statistico, al fine di stimare un parametro, non basta solo individuare un singolo valore, ma risulta necessario accompagnare la stima di un parametro con un intervallo di valori per quel determinato parametro. Tale considerazione, prende i nome di intervallo di confidenza. La valutazione della stima puntuale, consente di ricavare valori per i parametri di una funzione ma non sempre risulta bastevole. Infatti, in alcuni casi, è importante rivelare la stima puntuale associata ad un intervallo centrato sulla stima stessa che riveli il possibile errore. Gli intervalli di confidenza riescono a fornire un campo di variazione, all'interno del quale possiamo ricercare il parametro incognito. Ad ogni intervallo di confidenza viene associato un livello di confidenza. La guida che segue, ha come compito quello di chiarire come agire al fine di calcolare l'intervallo di confidenza di una media.

25

Per chiarire al meglio il concetto, possiamo affermare che per intervallo di confidenza, si intende quell'intervallo di valori in cui la media della popolazione è contenuta con una probabilità del 95%. Al fine di ricavare l'intervallo di confidenza di una media sarà necessario calcolare l'errore standard della media. Cioè quel possibile errore commesso da colui il quale ha effettuato la misurazione.

35

Altro valore di fondamentale importanza per calcolare l'intervallo di confidenza della media è il valore t-critico, cioè quel valore oltre il quale troviamo solo il 5% dei nostri dati. Una volta che siamo in possesso di tutti gli elementi necessari per raggiungere lo scopo prefissato, possiamo procedere a calcolare l'intervallo di confidenza. Per ottenere il risultato interessato, dobbiamo avvalerci dell'utilizzo di una formula: MEDIA/-t-critico*S. E. M.

Continua la lettura
45

Una volta indicata la formula, basterà sostituire i valori a nostra disposizione ed effettuare il calcolo. Con il risultato ricavato, avremo la certezza che la media della popolazione presa in esame sarà compresa tra i valori dell'intervallo, di cui la media del campione è il punto centrale, con una probabilità del 95% o 99%. Dove quella piccolissima percentuale di scarto riguarderà la possibilità di errore!

55

Come avete potuto dedurre dalla lettura di questa breve guida, riuscire ad ottenere il risultato del l'intervallo di confidenza di una media, non è un impresa estremamente complessa, basterà ricavare i dati necessari da inserire nella formula indicata!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come studiare la convergenza di un integrale improprio

La guida che presentiamo di seguito è rivolta ai ragazzi delle scuole superiori ma anche a chi frequenta il primo anno di università in quanto l'argomento che si andrà a trattare sono gli integrali impropri. Le conoscenze richieste sono minime dal...
Superiori

Come dimostrare che una funzione è derivabile in un intervallo

Assai di frequente capita che uno studente di scuola superiore ma anche universitario sia chiamato a dimostrare la derivabilità di una funzione data in un determinato intervallo. Per riuscire nella prova è necessario padroneggiare con abilità concetti...
Superiori

Algoritmi per l'approssimazione degli zeri di una funzione

Calcolare uno zero in una funzione a variabile reale, nella forma f (x) o in una forma equivalente, è un problema matematico che si presenta spesso nei laboratori di informatica. In un’equazione nella forma f (x)=0 trovare una radice reale, significa...
Superiori

Integrali secondo Riemann: definizione e calcolo

Ecco una guida sugli integra secondo Riemann. Nel ramo dell'analisi matematica il primo contributo rigoroso rispetto alla definizione di integrale di una funzione su un intervallo fu dato da Bernard Riemann, studioso fisico e matematico tedesco, vissuto...
Superiori

Teorema di Fermat: dimostrazione

Il "Teorema di Fermat" appartiene alla categoria dei teoremi fondamentali del calcolo differenziale. Tale teorema non va confuso con "l'ultimo teorema di Fermat", il "piccolo teorema" o il "teorema sulle somme di due quadrati". Esso fa parte dell'analisi...
Superiori

Teorema di approssimazione di Weierstrass: dimostrazione

Per il teorema di limitatezza delle funzioni continue (che dice che presa una funzione continua su un intervallo chiuso, essa è limitata nell'intervallo, ovvero ammette un numero C>0 tale che la funzione è minore o uguale a C per ogni punto dell'intervallo),...
Superiori

Fisica: il moto rettilineo uniforme

Il moto rettilineo uniforme risulta essere uno dei concetti fondamentali della fisica. Inizalmente l'argomento potrebbe sembrarvi piuttosto complicato, ma con un po' di attenzione ed impegno potrete comprenderlo senza problemi. Dunque, se desiderate risparmiare...
Superiori

Come risolvere un integrale curvilineo

Nell'analisi matematica, uno degli argomenti forse più ostici agli studenti è quello del calcolo integrale. Sugli integrali esistono molteplici trattazioni e di essi ne esistono di diverse tipologie. Molti sono i teoremi che facilitano e permettono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.