Come calcolare la quantità di moto

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La quantità di moto, in meccanica, è una grandezza fisica che, in assenza dell'azione di forze esterne, si mantiene inalterata nel tempo ed è per questo definita una grandezza "conservata". Essa quantifica la forza necessaria a fermare un oggetto all'interno di un' unità di tempo ed è quindi importante da calcolare quando vengono trattati argomenti come gli urti e le reazioni .

24

Il vettore

La quantità di moto viene definita come il risultato della massa di un oggetto moltiplicato per la sua velocità. Pertanto, un punto di massa uguale a "m" che si muove ad una velocità pari a "v" possiede una quantità di moto data dal prodotto della sua massa per la sua velocità:
q = mv
Il vettore che ne risulta avrà un modulo pari al prodotto della massa moltiplicato per il modulo del vettore velocità e la direzione ed il verso del vettore velocità.

34

L'unità di misura

L'unità di misura, essendo il prodotto di una massa per una velocità, verrà ricavata dall'analisi dimensionale:
q = m [kg] * v [m/s], e quindi q = [kg*m /s].
Essendo una grandezza vettoriale può essere rappresentata graficamente da un vettore avente lunghezza corrispondente alla sua dimensione (velocità per massa) e con orientamento corrispondente alla direzione in relazione ad un sistema di riferimento. La quantità di moto trasmessa da una forza F che agisce per un determinato tempo su un corpo è definita impulso della forza. Nel caso di un sistema composto da più corpi, la quantità di moto totale sarà data dalla somma vettoriale delle quantità dei corpi che lo compongono. Se in un sistema non intervengono forze esterne, la quantità di moto totale del sistema si conserva inalterata.

Continua la lettura
44

La meccanica classica

La quantità di moto riveste un importante ruolo sia nella meccanica classica che in quella quantistica proprio poiché il suo valore in un sistema isolato rimane costante in base alla "legge di conservazione della quantità di moto", che può essere applicata quando si è in assenza di forze esterne o quando queste possono essere considerate trascurabili rispetto alle forze impulsive dell'urto. L'utilità della quantità di moto risiede infatti, in particolare, nella descrizione di urti e di decadimenti. Durante un urto sono quindi due i fattori che influiscono nel determinare, ad esempio, i danni causati da un corpo sull'oggetto colpito: la massa e la velocità. Pertanto una moto che finisca accidentalmente contro un muro, sebbene abbia una massa minore, potrebbe causare più danni rispetto ad una macchina che si muova ad una velocità minore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di fisica: gli urti

Appunti di fisica. L'urto è definito come un evento circoscritto, poiché non agisce sul sistema alcuna forza esterna, nel quale più corpi, ma in linea di massima due, si urtano, interagendo fra di loro toccandosi ed esercitando per un tempo rapidissimo...
Superiori

Appunti di fisica: la forza

All'interno di questa guida parleremo di fisica, in particolar modo del concetto di forza.Questa disciplina studia le cause dei movimenti e gli equilibri delle forze. Basti pensare che in ogni momento della nostra vita, tutti i nostri gesti avvengono...
Università e Master

Elementi di algebra vettoriale

La matematica è una materia piuttosto interessante ma allo stesso tempo molto complessa. Tra le diverse materie che la matematica tratta, l'algebra è una di queste. Nella seguente guida pertanto verranno spiegati, in pochi e semplici passaggi, alcuni...
Superiori

Fisica: il teorema di Varignon

Sono tantissimi gli studenti che ogni anno si trovano in difficoltà con i primi concetti, leggi e teoremi di fisica. Spesso questi argomenti non vengono vissuti dai ragazzi con lo spirito giusto, il che preclude le possibilità di apprendere le nozioni...
Superiori

Elementi di algebra lineare

L'algebra lineare è una branca della matematica che studia principalmente gli spazi vettoriali, i vettori, le trasformazioni lineari e i sistemi lineari. Vedremo, in questa guida, quindi, gli elementi base di ognuno di questi argomenti dell'algebra lineare...
Superiori

Come risolvere i problemi di fisica sui vettori

Ecco pronta una pratica ed interessante guida, mediante il cui aiuto poter essere capaci ed anche in grado d'imparare come e cosa fare per risolvere nel modo corretto e nella maniera più semplice possibile, i problemi di fisica sui vettori, in modo tale...
Superiori

Fisica: rotazione e momento di una forza

In questo articolo, passo dopo passo, verranno spiegati sia la rotazione che il momento di una forza nell'ambito della fisica. Tale argomento, viene affrontato nelle lezioni scolastiche per ciò che riguarda lo studio della dinamica. È opportuno prima...
Superiori

Fisica: la scomposizione di un vettore

In matematica un vettore è un elemento che si trova all'interno di uno spazio vettoriale. I vettori sono quindi degli oggetti che possono essere sommati fra loro e moltiplicati per dei numeri, che sono detti scalari. I vettori sono comunemente usati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.