Come calcolare la potenza di un cilindro idraulico

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

In determinati lavori o ambiti professionali è molto importante conoscere alcune specifiche del campo della fisica meccanica. In particolare in questo articolo vogliamo fare riferimento al celebre pistone idraulico, anche definito come cilindro idraulico.
Il nostro scopo è quello di spiegarvi, con l'uso di parole semplici e comprensibili ai più, come è possibile calcolare la potenza di un cilindro idraulico.
Dobbiamo preliminarmente sottolineare che in effetti il pistone, nonché una componente di un aggeggio idraulico, è composto da un fluido ma si divide in due parti: da un lato abbiamo il cilindro, dall'altro un pistone propriamente detto, che invece di essere rettificato verso l'interno, come nel caso del cilindro, è rettificato verso l'esterno. Questa distinzione era necessaria per poter comprendere tutta la guida e in generale la potenza del pistone. In linea di massima quando facciamo riferimento al pistone intendiamo entrambe le parti per comodità: ormai infatti nell'uso quotidiano e lavorativo di questo termine si suole intendere la fusione di tutte le parti fisiche del pistone stesso.
Esistono però due varianti di pistone: potremo trovare un pistone idraulico e un pistone pneumatico; il primo se contiene al suo interno un fluido allo stato liquido; il secondo se invece contiene un fluido allo stato gassoso, come ad esempio l'idrogeno, l'ossigeno o, più comunemente, entrambi o l'aria in generale.
Vediamo subito insieme qualche semplice principio fisico per calcolare la potenza di un cilindro idraulico.

27

Occorrente

  • Pistone idraulico
  • Calcolatrice
  • Buone conoscenze in fisica meccanica e matematica
  • Carta
  • Penna
  • Matita
37

Legge di Pascal

Innanzitutto la prima cosa da sapere è che la pressione di un cilindro idraulico è direttamente proporzionale alla sua portata. La legge di Pascal in tal senso è fondamentale: secondo questa importantissima spiegazione fisica, infatti, quando viene esercitata una qualsiasi pressione in un punto del fluido che si trova all'interno del pistone idraulico, la stessa pressione automaticamente verrà trasportata verso tutte le direzioni.

47

Forza

Per quanto riguarda invece la forza, si deve sapere che questa corrisponde invece ad una semplice moltiplicazione. Basterà infatti ottenere il prodotto della pressione, di cui abbiamo precedentemente parlato in abbondanza, per il punto dell'area in cui questa pressione viene esercitata. Online esistono moltissimi grafici e svariati esempi che possono far comprendere meglio quello che stiamo sostenendo.

Continua la lettura
57

Capacità

Infine non potevamo non fare menzione della capacità di un pistone idraulico. Anche in questo caso dobbiamo fare riferimento all'area in esame, perché questa sarà importantissima per determinarne la capacità, che altro non è che l'area del cilindro calcolata con la moltiplicazione della corsa del pistone.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come applicare la prima legge di Gay-Lussac

Lo stato di un gas è descritto da quattro grandezze: la massa, il volume, la temperatura e la pressione. Definiamo quindi trasformazione quando si passa da uno stato iniziale descritto da dei definiti valori delle grandezze sopra elencate ad uno stato...
Superiori

Guida ai motori termici

Lo scopo di un motore solitamente, la trasformazione o la produzione di l'energia tramite movimento. Nei motori termici l'energia che si produce è il calore, mentre il combustibile rappresenta l'energia presente all'interno del motore stesso. Questo...
Superiori

Fisica: la pressione

Nel sistema internazionale l'unità di misura della pressione si chiama pascal, generalmente rappresentata con il simbolo Pa, dal nome del grande scienziato francese, vissuto nel 1600, che diede importanti contributi allo studio della pressione nei liquidi....
Elementari e Medie

Come funziona il motore a scoppio

Il merito dell'invenzione del motore a scoppio è da attribuirsi a diversi "inventori" che, in varia misura, contribuirono al suo sviluppo fra il 1843 e il 1876: gli italiani Eugenio Barsanti e Felice Metteucci, il francese Beau de Rochas e l'ingegnere...
Superiori

Appunti di fisica: il Ciclo di Carnot

A volte alcuni argomenti scientifici possono sembrare davvero difficili, ad una prima lettura, quasi incomprensibili, specialmente per chi non mastica quotidianamente le scienze o sta tentando di dare una rispolverata ai concetti studiati a scuola dopo...
Università e Master

Appunti di sistemazioni idraulico-forestali

Le Sistemazioni Idraulico-Forestali (SIF) sono gli interventi necessari che generalmente vengono effettuati dalle Regioni interessate; questi possono essere amministrati direttamente oppure demandati a vari Enti, che in seguito se ne occupano nello specifico....
Superiori

Il principio di Pascal

Il principio di Pascal (detto anche legge di Pascal) venne enunciato dal fisico e matematico francese Blaise Pascal in seguito all'esperimento della botte del 1646 e descrive la fisica dei fluidi. Per fluido si intende l'insieme degli stati di aggregazione...
Università e Master

come calcolare il rendimento di una macchina a vapore

Una macchina termica è uno strumento che trasforma calore in lavoro. Il classico esempio di questo tipo di strumento è il motore a vapore che, in accordo col secondo principio della termodinamica (quando due corpi a temperature differenti vengono messi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.