Come Calcolare La Covarianza

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

La matematica è una materia piuttosto vasta e alquanto complicata, che non tutti sono in grado di capire e comprendere immediatamente. È necessario infatti molto studio e pazienza prima di poter padroneggiare questa materia a fondo. Esistono molti argomento inoltre che necessitano di approfondimenti specifici, la covarianza è uno di questi argomenti. Vediamo di capire meglio di cosa si tratta.
La covarianza è un indicatore statistico molto utilizzato che esprime la dipendenza e il comportamento tra due variabili casuali, che rappresentano una distribuzione unitaria. In matematica, in particolare in teoria della probabilità, la covarianza di due variabili aleatorie è un numero Cov (X, Y) che fornisce una misura di quanto le due varino assieme, ovvero della loro dipendenza. Mentre in In matematica e fisica, in particolare in algebra multilineare e nel calcolo tensoriale, le nozioni di covarianza e controvarianza si riferiscono al modo in cui la descrizione di una data entità geometrica o fisica varia quando si effettua un cambiamento di coordinate, come una rotazione o una dilatazione dello spazio. Nel caso di una rotazione di una base ortogonale la differenza tra vettori e covettori non si percepisce. Ricordiamo che Affinché un vettore sia indipendente dalla base (sistema di riferimento) in cui viene ambientato è necessario che le sue componenti subiscano una trasfrmazione "contraria" a quella che subiscono i vettori di base quando si cambia la base. Un vettore è per questo motivo detto vettore controvariante, e le sue componenticontravariano al fine di mantenerne l'invarianza rispetto al sistema di riferimento: la trasformazione delle coordinate avviene in maniera opposta rispetto al cambio di base, il quale rappresenta la rispettiva trasformazione inversa. Esempi di vettori contravarianti sono la posizione di un oggetto relativamente ad un osservatore e le sue derivate rispetto al tempo, come la velocità e l'accelerazione. La notazione di Einstein indica i vettori come: Affinché un vettore duale, ovvero appartenente allo spazio duale dello spazio di partenza, sia indipendente dalla base in cui viene scritto è necessario che le sue componenti subiscano la stessa trasformazione dei vettori (funzioni lineari) di base quando si cambia la base. Un vettore duale è percò detto vettore covariante, e le sue componenti covariano al fine di mantenerne l'invarianza rispetto al sistema di riferimento: la trasformazione delle coordinate è la stessa del cambio di base. Esempi di vettori covarianti si ottengono solitamente applicando il gradiente ad una funzione. La notazione di Einstein indica i vettori come: Dopo questo breve ripasso ora vi spiegherò brevemente come calcolare la covarianza attraverso una formula semplificata. La varianza non è altro che il valore atteso, in statistica indicato con E, del prodotto delle distanze delle due variabili dalla rispettiva media.
Ma vediamo di capire meglio questo concetto attraverso i passi di questa guida, vi daremo utili e semplici consigli che vi permetteranno di capire meglio come procedere.

24

Dimostrazione della covarianza

Si dimostra che:
Cov (X; Y) =E (XY)-E (X) E (Y)
Supponiamo di aver osservato il numero di figli (X) e il numero di auto (Y),
X ha assunto valori 0,1,0,1,1,2,2,2,3,1

Y ha assunto valori 1,0,1,1,2,1,1,2,2,1

abbiamo che la media di X = E (X) = 1.3

abbiamo che la media di Y = E (Y) = 1.2

la media di XY = E (XY) = 1.8

quindi la covarianza è:

C (X, Y) = E (XY) -E (X) E (Y) =1.8 - 1.2 * 1.3 = 0.24

34

Calcolo alternativo

in alternativa possiamo calcolare la covarianza nel modo seguente:
C (X, Y) =(0-1.3)*(1-1.2)*0.2+ (1 - 1.3)*(0 -1.2)*0.1+ (1 - 1.3)*(1 -1.2)*0.2+ (1- 1.3)*(2 -1.2)*0.1+
+ (2 - 1.3)*(1 -1.2)*0.2+ (2 - 1.3)*(2 -1.2)*0.1+(3 - 1.3)*(2 -1.2)*0.1 = 0.24
Il calcolo sembra lungo e complesso, ma per essere eseguito velocemente e senza sforza sarà necessario un po' di esercizio.

Continua la lettura
44

Indice assoluto

La covarianza è inoltre un indice assoluto quindi possiamo interpretarne solo il segno e non il valore; in particolare una covarianza positiva indica concordanza, e una negativa indica discordanza. Se il valore è nullo vuol dire che abbiamo indipendenza correlativa.
Calcolare la covarianza è un'operazione piuttosto veloce, che richiede davvero poco tempo per essere eseguito. Vi basterà infatti seguire le indicazioni e i passaggi spiegati in questa guida per iniziare a studiare questo argomento e muovere i primi passi, ma se proprio doveste avere altri dubbi, allora vi consiglio di chiedere informazioni al vostro insegnante che potrà risolverli meglio. Vi auguro quindi buono studio e buona fortuna.
Alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare il coefficiente di correlazione

In statistica, uno dei comportamenti più studiati è quello delle variabili casuali. Queste dipendono da diversi fattori che spesso influenzano contemporaneamente il loro andamento. Se due o più variabili sono correlate fra loro, potremo determinare...
Superiori

Come determinare se due variabili sono correlate

Quando vogliamo determinare se e come due variabili statistiche sono correlate possiamo esaminare il tipo e l'intensità dei rapporti che c'è tra di loro. La correlazione è un termine utilizzato principalmente in statistica, indica una relazione funzionale...
Università e Master

Come calcolare l'errore quadratico medio di un campione di misure

Il calcolo dell'errore quadratico medio di un campione, insieme al calcolo di scarto, deviazione standard, covarianza e correlazione, è uno dei pilastri fondamentali del calcolo degli errori. Che stiate affrontando questo argomento perché necessario...
Università e Master

Come calcolare la sfericità statistica

Quando si vuole calcolare la sfericità statistica occorre prima di tutto effettuare alcuni test preliminari per verificare che sia presente la condizione di sfericità, oltre a prendere un campione per testare se ci sono scostamenti molto evidenti dall'ipotesi...
Superiori

Come rappresentare i vettori del piano su Geogebra

Rispetto a tanti anni fa la didattica è cambiata, quello che poteva prima essere studiato solamente sui libri adesso è stato rielaborato, riadattato e reso più semplice e pratico. Questa filosofia si è estesa ormai su tutti i più elementari corsi...
Superiori

Come mettere una matrice in fForma di Jordan

La forma canonica di Jordan è un caso generalizzato della diagonalizzazione di una matrice, processo che ricordiamo è possibile effettuare solo se esiste una base dello spazio rispetto alla quale la matrice di trasformazione è diagonale. Mettere una...
Superiori

Come trovare il modulo del vettore

All'interno di questa guida andremo a occuparci di vettori. Più specificatamente, l'argomento principale che toccheremo sarà il modulo del vettore. Come avrete già compreso leggendo il titolo di questa guida, andremo a spiegarvi come trovare il modulo...
Superiori

Appunti di fisica : i vettori

Quando ci troviamo a studiare matematica e fisica, uno degli argomenti più importanti è indubbiamente quello che riguarda i vettori. Si tratta sostanzialmente di oggetti matematici che ci permettono di definire una serie di operazioni. Anche in fisica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.