Come calcolare l'area di un rettangolo

di Unknown Unknown tramite: O2O difficoltà: facile

In questa guida vi spiegheremo le due principali tipologie di rettangolo, ed in seguito quale è la formula che dovrete andare ad applicare per calcolare l'area della figura geometrica, dandone anche due esempi. Con il termine "rettangolo", in geometria, si intende la figura geometrica indicata come quadrilatero. Essa è caratterizzata dalla presenza di quattro lati e di quattro angoli retti o congruenti tra loro, cioè di 90°. Tale figura geometrica è anche un parallelogramma, perché ha i lati opposti che sono paralleli. Il rettangolo ha perciò due coppie di lati uguali, di cui due lati corti e due lati lunghi. I lati che hanno una maggiore estensione hanno la base oppure la lunghezza del rettangolo. I due lati che restano, sono di dimensioni più piccole ed opposti tra loro, rappresentano l'altezza o larghezza della figura. Buona lettura e buon lavoro!

Assicurati di avere a portata di mano: Foglio di carta, penna o matita, righello (se i dati non vengono dati) e calcolatrice non scientifica

1 Vi diamo la definizione di rettangolo largo Vedremo quindi il rettangolo definito come "rettangolo largo". Dovrete usare tale definizione una volta che la lunghezza è maggiore della larghezza, perciò quando due lati, posizionati in modo orizzontale, nel piano cartesiano, sono più lunghi degli altri due notevolmente.

2 Vi spieghiamo il rettangolo aureo con relativo esempio Un altro tipo di rettangolo che potrete incontrare è chiamato con il nome di "rettangolo aureo". Esso lo si ottiene una volta che le proporzioni sono basate sulla proporzione aurea. In tal caso, il rapporto tra la base, che chiameremo con "a" e l'altezza "h", corrisponde ad "h" diviso la differenza tra la "a" e la "h", e cioè: "a: h = h: (a-h). Per meglio capire se avete davanti tale tipo di rettangolo, nel fare la divisione tra la lunghezza e la larghezza, sarà bene ottenere un valore pari a circa questo numero "1,618034": sostanzialmente, se avete una "a" uguale a "20 centimetri" (a = 20 cm), la misura della "h" dovrà essere di circa "12 centimetri" (h = 12 cm).

Continua la lettura

3 Vi spieghiamo come avviene il calcolo della superficie del rettangolo in esempi Dopo che vi abbiamo spiegato i due tipi di rettangolo precedenti, dovrete andare a tenere ben presente il procedimento per il calcolo dell'are di tale figura geometrica che è uguale per tutte le tipologie, viste in precedenza.  Una volta che vi trovate a far il calcolo della superficie del rettangolo, la prima cosa che dovrete fare è quella di stabilire la dimensione della lunghezza, che chiameremo con la lettera "a" e della larghezza "h", tenendo conto dell'aiuto di un righello, oppure di una squadra.  Approfondimento Come calcolare l'area di un parallelepipedo rettangolo (clicca qui) Vi dovrete ricordare che, nello sviluppo di un "problema" geometrico, tali due misure potranno già essere conosciute.  Quando avete le misure di altezza e base, per calcolare l'area, che viene espressa in centimetri quadrati, dovrete moltiplicare la base per l'altezza, dove la formula sarò quindi: "A = a x h".  Se avete una base "a" di 10 centimetri per esempio, e un'altezza "h" di 8 centimetri, applicate la formula area= base per altezza "10x8", dove l'area avrà un valore di 80 centimetri quadrati.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Come calcolare l'area di un rettangolo (esempio)

Come calcolare la diagonale di un rettangolo La matematica da sempre rappresenta lo spauracchio di tutti gli studenti ... continua » Come calcolare il volume di un cubo All'interno della presente guida, andremo a occuparci di geometria. Nello ... continua » Come calcolare l'altezza relativa all'ipotenusa in triangolo rettangolo Il calcolo dell'altezza relativa all'ipotenusa in un triangolo rettangolo ... continua » Come calcolare il lato del rombo La guida che andremo a sviluppare ora, si occuperò di geometria ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.