Come calcolare il numero dei nodi indipendenti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Vi è mai capitato tra le mani un circuito elettrico? Vi siete mai chiesti come si può calcolare il numero di nodi indipendenti? In questa guida vedrete un modo semplice di come effettuare il calcolo in circuiti elettrici semplici. Una volta acquisito il metodo potrete poi applicarlo a qualsiasi circuito vi capiti tra le mani.

25

Il primo passo da effettuare per il calcolo del numero di nodi è quello di individuare i rami. Un ramo è un qualunque elemento avente due terminali. Ad esempio appartengono a questa categoria i generatori indipendenti di tensione, i generatori indipendenti di corrente, i resistori, i condensatori, gli induttori e i generatori pilotati. Dalla figura si può notare che il numero di rami presenti nel circuito è tre: il generatore ideale di tensione individua il primo ramo, il resistore individua il secondo e il condensatore individua il terzo.

35

Il secondo passo è quello di individuare il numero di maglie indipendenti nel circuito in esame.
Una maglia è un percorso chiuso ottenuto partendo da un nodo e attraversando una sola volta una serie di nodi intermedi per poi tornare al nodo iniziale. Ad esempio una maglia si ottiene partendo dal punto A, passando una sola volta per B-E-F, e tornando ad A. Le altre maglie sono B-C-D-E, A-B-C-D-E-F. Il consiglio è sempre quello di individuare i nodi con dei numeri o delle lettere per semplificare l'analisi del circuito.

Continua la lettura
45

Il passo successivo consiste nell' individuare le maglie indipendenti all'interno del circuito in esame. Una maglia è indipendente se contiene un ramo che non fa parte di altre maglia. Ad esempio A-F è un ramo che non fa parte di altre maglie quindi si può usare per costruire una maglia indipendente, in questo caso la A-B-E-F. Al contrario la maglia A-B-C-D-E-F, contenente il ramo B-E conteso tra due maglie diverse, non è indipendente. Esistono vari metodi per il calcolo delle maglie fondamentali accompagnati dai relativi teoremi consultabili sui libri relativi all'elettrotecnica.

55

Una volta individuati il numero di rami e le maglie fondamentali, nel nostro caso rispettivamente 3 e 2, esiste una formula molto semplice per effettuare il calcolo. Il numero di nodi indipendenti è uguale infatti alla differenza del numero di rami con quello delle maglie fondamentali sommando al risultato finale l'unità (3-2+1). Il risultato come potete vedere è 2. Infatti i nodi A B C sono rappresentabili come un unico nodo indipendente. Invece l'altro nodo fondamentale è individuato dai nodi F E D.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come risolvere un circuito col metodo potenziali nodali

Per risolvere un circuito col metodo potenziali nodali, è necessario utilizzare la legge di Ohm, in moda da rilevare le correnti sconosciute dai potenziali nodi e dalle fonti di tensioni quando è necessario. Per tutte le correnti sconosciute, bisogna...
Università e Master

Come applicare il teorema di Norton

Il teorema di Norton afferma che è possibile semplificare qualsiasi circuito lineare, a prescindere da quanto esso sia complesso, ricavando un circuito equivalente con un solo generatore di corrente e resistenza collegati in parallelo ad un carico. Come...
Superiori

Regole per coniugere i congiuntivi indipendenti in latino

Il latino non è una lingua facile, ma è molto studiata in tutte le scuole, per tantissimi e giusti motivi. Fra gli argomenti più difficili da trattare ci sono i congiuntivi, che imparando alcune regole, possono risultare molto semplici. Il congiuntivo,...
Università e Master

Come risolvere un circuito con le leggi di kirchhoff

Le leggi di Kirchhoff delle correnti e delle tensioni, o differenze di potenziale, sono usate in ambito elettrotecnico e vengono applicate nella risoluzione dei cosiddetti circuiti a parametri concentrati, ossia i circuiti di base che non prevedono irradiazione...
Università e Master

Teorema di Lindemann-Weierstrass: dimostrazione

Il Teorema di Lindemann-Weierstrass (e la relativa dimostrazione) è molto utile per stabilire la trascendenza dei numeri. Esso afferma che, se α1, ..., αn sono numeri algebrici, linearmente indipendenti su Q, ed e^α1, ..., e^αn sono algebricamente...
Università e Master

Come calcolare una somma di corrente ai nodi

La somma di corrente a nodi viene analizzata completamente dalle leggi di Kirchoff. In questa guida vedremo insieme come si può calcolare e vedremo quali sono i collegamenti nei quali una corrente viene ripartita affinché si eviti che tutti i rami di...
Università e Master

Come risolvere un circuito magnetico

Un circuito magnetico è un nucleo ferromagnetico nel quale si induce un campo magnetico per mezzo di avvolgimenti percorsi da corrente elettrica alternata o per mezzo di magneti permanenti. Tali circuiti vengono impiegati per trasferire potenza attiva...
Università e Master

Elettronica: leggi di Kirchhoff

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri cari lettori, interessati a questi argomenti, a capire cosa siano le leggi di Kirchhoff, in campo di elettronica, in maniera tale da poterle utilizzare quando ne sarà necessario. Nell'ambito dell'elettronica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.