Come calcolare il massimo comun divisore

di Chiara Affinito tramite: O2O difficoltà: facile

La matematica è una disciplina basata su innumerevoli elenchi di regole e di formule, che sono davvero impossibili da ricordare tutte a memoria, soprattutto quelle che non vengono utilizzate frequentemente per lo svolgimento degli esercizi, oppure quelle che non sono state comprese completamente. Fra queste formule, nei passaggi seguenti nella presente guida, andremo a descrivere quelle relative al minimo comune multiplo (mcm) e quelle sul massimo comune divisore (MCD). Tuttavia, è bene sapere che la prima viene sfruttata più frequentemente nella risoluzione dei problemi rispetto alla seconda, che è, invece, alquanto più rara. Andiamo dunque a vedere come bisogna procedere per calcolare nella maniera corretta il massimo comun divisore.

Assicurati di avere a portata di mano: Carta Penna Calcolatrice

1 Il massimo comune divisore di due numeri (M. C. D.) è, a sua volta, il numero più grande per il quale due numeri interi possono essere entrambi divisi. Bisogna prendere in considerazione tutti i numeri comuni per una sola volta, con il minimo esponente, e devono essere moltiplicati tra loro. Vediamo ora qual è il procedimento che bisogna seguire. La prima cosa da fare consiste nella scomposizione.

2 Andiamo dunque a considerare i numeri dei quali bisogna trovare il massimo comun divisore. Proviamo, per esempio, con 12 e 14: il primo passaggio da compiere consiste nel riscriverli esattamente in questo modo: 12 sarà uguale a 2x2x3; 14 sarà scritto come 2x7. Ora bisogna prendere i numeri in comune con il minimo esponente. Questi due numeri hanno in comune solo il 2. Perciò il M. C. D. Tra questi numeri è 2. Attenzione, ricordatevi che non bisogna riscrivere il 12 come 4x3, bensì come 2 alla seconda o 2x2x3. Bene, abbiamo così considerato che 12 e 14 possono scriversi come la moltiplicazione di più fattori e, tra questi ultimi, uno solo era in comune. Tuttavia possiamo incontrare alcuni casi in cui avremo più fattori appartenenti a entrambi, quindi bisognerà considerarli tutti. I mcm e MCD vengono calcolati anche abbastanza frequentemente tra più di due numeri.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Anche se a prima lettura può apparire un procedimento piuttosto complicato, una volta che è stat capita la formula, trovare il numero richiesto sarà molto facile, molto più semplice rispetto al calcolare il minimo comune multiplo.  Attraverso questa breve spiegazione potrai risolvere gli esercizi assegnati dalla maestra, o dalla professoressa se frequenti le scuole medie, oppure aiutare facilmente il tuo bambino o un amico senza alcuna esitazione.  Approfondimento Come calcolare il massimo comune divisore tra monomi (clicca qui) Certamente, dopo aver compreso il procedimento, la cosa fondamentale da fare è esercitarsi parecchio in maniera tale da memorizzare e non dimenticarsela, in quanto la risoluzione del m.  C.  M e del M.  C.  D.  È alla base della maggior parte degli argomenti matematici.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Calcolo del massimo comun divisore Massimo comun divisore

Come calcolare il minimo comune multiplo Il calcolo del minimo comune multiplo tra diversi numeri è un ... continua » Come spiegare la divisione a due cifre ai bambini La divisione a due cifre senza l'uso di una calcolatrice ... continua » Come moltiplicare e dividere i decimali Qualunque sia la nostra idea sulla matematica: più o meno difficoltosa ... continua » Come risolvere le espressioni con i radicali La matematica è una scienza che spesso rappresenta la nostra bestia ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come eseguire calcoli a mente

La matematica costituisce una materia ostica per molti studenti delle medie e delle superiori. Alcune operazioni, tra cui quelle complesse come le radici, le derivate ... continua »

Come Semplificare Un Radicale

In matematica, il termine radicale si riferisce a quell'insieme composto dal radicando, dalla radice e dall'indice. Un classico esempio di formula matematica di ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.