Come calcolare il limite di una funzione composta

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Uno dei problemi più affrontati in analisi matematica è quello del calcolo dei limiti. Definita una funzione ci si chiede come poterla rappresentare su di un piano cartesiano e per farlo sono necessari alcuni strumenti matematici quali: le derivate, il dominio di funzione, i limiti, i punti di massimo e minimo più altri accorgimenti che rendono sempre più precisa la rappresentazione. Il calcolo del limite permette di definire quali sono i valori che una funzione non deve raggiungere, in caso contrario essa stessa non esisterebbe. Poiché una funzione in analisi, è generalmente una composizione di più funzioni, vedremo come calcolare il limite di una funzione composta.

27

Occorrente

  • carta e penna
37

Teorema sulle funzioni composte

Date due funzioni h (definita in un insieme A appartenente ai Reali) e g (definita in un insieme B appartenente ai Reali) e supposto che il dominio di h sia contenuto in B ed x0 sia un punto di accumulazione di A, allora il limite per x che tende ad x0 di h (x) vale yo. Ma se y0 appartiene all'intervallo che va da -inf a +inf, nei quali è contenuto anche l'insieme dei numeri Reali, significa che h (x) è diverso da y0. Facendo invece il limite per y che tende a yo di g (y) otteniamo un certo numero l appartenente all'intervallo -inf e +inf. Mettendo insieme le due funzioni g ed h allora ottengo che per il teorema ponte il limite per x che tende ad x0 di g (h (x))=l.

47

Spiegazione

Utilizzando il teorema ponte che collega i limiti di successioni ai limiti di funzioni è più facile rappresentare il teorema delle funzioni composte, usando esempi numerici. In pratica il valore ottenuto dal limite fatto per la funzione h ci fa ottenere un'ascissa Xn. L'ascissa Xn è però anche l'ordinata della funzione g, che viene composta con la funzione h. Questo significa che poiché la funzione g (y) da per ipotesi un certo numero l, ma abbiamo scoperto che y altri non è che h (Xn) allora riscrivendoli sotto forma di composizione otteniamo come unico risultato il valore l.

Continua la lettura
57

Esempio

Svolgiamo il limite per x->0 di arcsinx/(x) che sarà la nostra f (x). Applichiamo ora un cambio di variabile in modo da poter ottenere la seconda funzione. Per trovare la funzione interna consideriamo y=arcsinx come y=g (x). Invertendo le variabili otteniamo come risultato x=siny. Ora siny rappresenta la funzione k^(-1)(y) ossia la sottofunzione contenuta in f (x). Riscrivendo quindi la funzione di partenza come composizione di funzioni otteniamo che f*k^(-1)(y)=y/(siny) e facendone il limite per y->0 considerato il nuovo cambio di variabile, non ci resta che calcolare il risultato e scoprire che equivale ad 1.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il calcolo delle funzioni composte richiede la conoscenza dei limiti delle funzioni di base e molti esercizi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di esistenza e unicità per un problema di Cauchy: dimostrazione

La matematica è da sempre la materia più complicata sia ai bambini delle elementari, sia per gli studenti delle superiori e delle facoltà universitarie. Questa difficoltà sta soprattutto nel fatto che i concetti sono strettamente collegati fra di...
Università e Master

Teorema di Stokes: dimostrazione

Nella geometria differenziale, ossia lo studio di oggetti geometrici come curve e superfici, il Teorema di Stokes è un enunciato riguardante l'integrazione delle forme differenziali. In particolare è volto a generalizzare i teoremi di calcolo vettoriale...
Superiori

Come utilizzare il primo teorema del confronto

I teoremi per determinare i limiti di una funzione sono molteplici e molte volte risultano molto semplici, soprattutto grazie a una spiegazione esaustiva con l'illustrazione dello svolgimento di un esercizio. In questa guida spiegherò come  utilizzare...
Università e Master

Teorema di Darboux: dimostrazione

La matematica è una materia molto complessa e molto spesso può capitare di non riuscire a comprendere perfettamente un argomento. In questi casi potremo o chiedere aiuto a qualcuno in grado di spiegarci i vari passaggio oppure potremo cercare su internet...
Università e Master

Teorema di Caccioppoli: dimostrazione

Il Teorema di Caccioppoli è uno dei teoremi più importanti nell'ambito dei cosiddetti studi metrici. È noto anche come Teorema delle contrazioni o Teorema del punto fisso, anche se è ancora più giusto chiamarlo Teorema di Barnach-Caccioppoli, dai...
Superiori

Teorema di approssimazione di Weierstrass: dimostrazione

Per il teorema di limitatezza delle funzioni continue (che dice che presa una funzione continua su un intervallo chiuso, essa è limitata nell'intervallo, ovvero ammette un numero C>0 tale che la funzione è minore o uguale a C per ogni punto dell'intervallo),...
Università e Master

Teorema della farfalla: dimostrazione

Secondo Coxeter e Greitzer, una delle soluzioni per il teorema della farfalla è stato presentato nel 1815 da WG Horner. Più di recente, una dimostrazione risalente al 1805 di William Wallace è stata scoperta negli archivi della famiglia di Wallace....
Università e Master

Come dimostrare il teorema di unicità del limite

Il teorema di unicità del limite è senza alcuna ombra di dubbio uno dei teoremi fondamentali dell'analisi matematica, perché infatti su di esso si basa tutto il lavori dei calcolo dei limiti, che sono certamente indispensabili per questa tipologia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.