Come calcolare il cosecante

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La matematica è una materia che contiene in se moltissimi argomenti, uno dei più famosi e studiati è certamente la trigonometria. Ed è forse la parte più odiata dagli studenti. Partire da delle buone basi è importante per poter apprendere argomenti via via sempre più complessi. Il calcolo della cosecante rappresenta una delle funzioni fondamentali della trigonometria. Quest'ultima è quel ramo della matematica che, proprio attraverso questo genere di funzioni, si propone di calcolare le misure che caratterizzano gli elementi di un triangolo, partendo da almeno tre dati noti. Dei dati che sono conosciuti, almeno uno deve essere la lunghezza di un lato. Prima di entrare nel dettaglio, in merito a come si calcola la funzione della cosecante, è necessario dare una rapida occhiata alla sua etimologia che, in maniera molto esplicativa, consente di comprendere pienamente il suo obiettivo. Il termine cosecante, infatti, deriva dal latino "complementi secans", che letteralmente significa "secante dell'angolo complementare". In questa guida andremo a spiegare, dettagliatamente, come calcolare il cosecante. Attraverso pochi e semplici passaggi vi daremo le giuste informazioni e spiegazioni per apprendere al meglio e più velocemente questo argomento.

25

Occorrente

  • Calcolatrice scientifica
35

La funzione cosecante

La funzione cosecante, che in notazione matematica si abbrevia con "csc" o con "cosec", è definita in un dominio che racchiude tutti quanti i numeri reali, tranne gli interi multipli di π. Inoltre, ha un codominio che è compreso fra (-∞, -1] U [1, +∞). Questa funzione non presenta radici, ed il suo periodo va da 0 a 2π. Invece, la sua funzione inversa è il cosiddetto arcocosecante. In trigonometria la funzione cosecante è algebricamente definita come il reciproco del seno. Quindi, per comprendere la relazione tra la cosecante ed il seno, si può scrivere: csc(x)=1/(sen (x)). Come vedete, per calcolare questa funzione è sufficiente disporre di una calcolatrice, in grado di eseguire questa operazione.

45

Angoli fondamentali

Per facilitare i calcoli può essere particolarmente utile imparare a memoria i valori degli angoli fondamentali per le operazioni trigonometriche più importanti. Per quanto concerne la funzione cosecante, a seguire riporteremo quelli più utilizzati. Diciamo subito che per sqrt (x) si intende l'operazione della radice quadrata. Ecco, dunque, alcune valori principali, che dovrebbero essere imparati a memoria: csc (0)=NON ESISTE; csc (π/6)=2; csc (π/4)=2/sqrt (2); csc (π/3)=2/sqrt (3); csc (π/2)=1; csc (2/(3π))=2/sqrt (3); csc (3/4π)=2/sqrt (2); csc (5/(6π))=2; csc (π)=NON ESISTE. Per quanto concerne gli angoli compresi tra π e 2π, i valori sono gli stessi ma negativi. La cosecante valutata in 0 e in π non esiste, dal momento che per questi angoli il seno corrispondente è 0. Pertanto, dal momento che questa funzione è definita come il reciproco del seno, ci si ritrova a dovere effettuare la divisione per 0, e questo non è possibile.

Continua la lettura
55

Significato della funzione cosecante

Se si va a dare uno sguardo al significato geometrico della funzione cosecante, come è possibile vedere nella figura che abbiamo allegato, questa si definisce come il rapporto fra l'ipotenusa ed il cateto ad essa opposto, in un triangolo rettangolo. Di conseguenza, quando tale cateto sarà unitario, la cosecante dell'angolo in questione corrisponderà precisamente alla dimensione dell'ipotenusa del triangolo in questione. Per concludere e per essere maggiormente completi, di seguito riportiamo la derivata della funzione cosecante, utile per calcolare i massimi ed i minimi: d/dx (csc (x))=-cos (x)/((sin (x))^2).
Certamente all'inizio capire e comprendere questa funzione non sarà facile, ma lo studio e l'impegno potranno portare molti risultati. I consigli di questa guida saranno un valido supporto per poter approfondire l'argomento e risolvere questo tipo di funzione in breve tempo. Ma se dovreste avere altri dubbi, allora sarà bene rivolgersi al proprio professore per poter fugare ogni dubbio. Vi auguro quindi buono studio.
A presto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Maturità

Domini e condizioni di esistenza

Spesso nell'analisi matematica ci si ritrova a dover determinare i domini delle funzioni, anche detti condizioni d'esistenza. Ma che cos'è il dominio di una funzione? Il dominio di una funzione è l'insieme su cui è definita la funzione, ovvero l'insieme...
Superiori

Come risolvere equazioni goniometriche

Le equazioni goniometriche, si possono riconoscere dall'incognita "X", che si manifesta all'interno delle funzioni trigonometriche, che come è noto, sono identificate come: Seno, Coseno, Tangente, Cotangente, Secante e Cosecante. Ecco dunque qui di seguito,...
Superiori

Come risolvere le espressioni goniometriche

Per molte generazioni di studenti, la matematica ha sempre rappresentato lo scoglio insormontabile dell'intero percorso formativo. Soltanto in pochi riescono ad andare bene in questa materia che richiede concentrazione e capacità logiche piuttoto spiccate....
Superiori

Appunti di trigonometria: funzioni goniometriche derivate da sin e cos

La trigonometria, il cui nome deriva dal greco e significa "risoluzione del triangolo", è quella branca della matematica destinata appunto allo studio dei triangoli, partendo dai loro angoli. Tramite delle particolari funzioni, dette goniometriche o...
Superiori

Trigonometria: grafici delle principali funzioni

In un primo momento, durante lo studio della trigonometria i rapporti trigonometrici riguardano solo i triangoli rettangoli. Poi si imparano a trovare i rapporti tra qualsiasi angolo, con tutti e quatto i quadranti. Successivamente si parla di cerchio...
Superiori

Come svolgere una identità in funzione di seno e coseno

Durante i nostri percorsi di studi ci siamo molto spesso imbattuti in materie piuttosto complicate e ostiche. La matematica è senza ombra di dubbio una di quelle materie che ci hanno procurato non pochi grattacapi. Tra gli argomenti più complessi della...
Superiori

Come disegnare il reciproco di una funzione

Prima di illustrare il metodo per disegnare il reciproco di una funzione, è bene spiegare che quest'ultima non deve essere confusa con una funzione inversa. Infatti possiamo anche dire che si definisce reciproco di f (x), una funzione che se è moltiplicata...
Superiori

Come svolgere un'equazione riconducibile ad omogenea

La matematica è una delle materia molto difficile da studiare e sopratutto se non siamo molto portati verso lo studio di questa disciplina, potremmo avere non poche difficoltà nell'apprendimento di tutti gli argomenti trattati. Tuttavia su internet...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.