Come calcolare il centro di un fascio di rette

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La geometria euclidea formula una duplice definizione di "fascio di rette": "l'insieme delle infinite rette passanti per un punto fisso" oppure "l'insieme delle infinite rette parallele ad una retta data". Nel primo caso il punto fisso prende il nome di "sostegno" o "centro del fascio" ed il fascio di rette viene chiamato "fascio proprio". Nel secondo caso invece viene detto "fascio improprio". In questa guida approfondiremo il caso delle fascio proprio di rette.  

27

Occorrente

  • Carta e penna
  • Nozioni di base di geometria euclidea
37

L'equazione del fascio di rette considera un parametro aggiuntivo "k"

Iniziamo precisando che il centro di un fascio di rette si identifica semplicemente a partire dall'intersezione di due rette all'interno di un piano. Queste due rette sono sufficienti a generare un fascio proprio di rette. L'intersezione viene rappresentata da un punto definito genericamente con la lettera "P". Il centro, quindi, avrà come coordinate (x; y). L'equazione che descrive un fascio proprio di rette nel piano cartesiano somiglia molto a quella che rappresenta una retta giacente sul medesimo piano. L'equazione del fascio proprio di rette, però considera un parametro aggiuntivo, chiamato "K". Al variare del valore di questo parametro corrisponde una delle rette che compongono il fascio. Ad ogni retta del fascio viene assegnato un parametro, ad eccezione di quella parallela all'asse delle y. Così dal parametro "K" si fanno dipendere il coefficiente angolare "m" ed il termine noto "q". L'equazione del fascio proprio di rette si riduce a: y = m (k) x + q (k).

47

Raccogliere prima la "m"

Entriamo nel dettaglio ed esaminiamo concretamente come si possono calcolare le coordinate del punto che identifica il centro di un fascio proprio di rette. Prendiamo ad esempio l'equazione mx + y - 2m + 1 = 0. Per calcolare il centro di questo fascio di rette occorre per prima cosa determinare le generatrici del fascio stesso. Quindi raccogliamo "m" prima dell'uguale: m (x - 2) = - y - 1. Ricaviamo così le due rette generatrici del fascio: x - 2 = 0 e y = - 1. Ne risulta che il centro del fascio avrà queste coordinate P = (2;-1).

Continua la lettura
57

Rendere positiva l'equzione

Proseguiamo con un secondo esempio, per chiarirci ulteriormente le idee. Consideriamo un fascio proprio di rette descritto da questa equazione: 5y - mx + 3 = 0. Come in precedenza riscriviamo l'equazione del fascio isolando "m" e portando il termine con l'incognita "y" dall'altra parte dell'uguale. La nuova equazione sarà: - mx = - 5y - 3. Rendiamo positiva l'equazione cambiandone tutti i segni: mx = 5y + 3. Il punto P di coordinate (0:-3/5) costituisce quindi il centro del fascio proprio di rette dato.
Siamo giunti ormai al termine di questa guida.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitarsi con diversi esempi per comprendere bene come calcolare il centro di un fascio proprio di rette
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare l'equazione di una retta perpendicolare ad una retta data

È risaputo che la geometria euclidea ci dice che una retta perpendicolare è un tipo particolare di retta che, incrociandosi con un'altra retta, forma un angolo di novanta gradi. Questo concetto porta il nome di "condizione di perpendicolarità" e grazie...
Superiori

Come trovare le rette tangenti a una parabola

In geometria, la parabola è una figura piana e la sua definizione è la seguente: È il luogo geometrico dei punti equidistanti da una retta che è detta "direttrice" e da un punto fisso, detto "fuoco". La parola "parabola" deriva dal greco ed è un'intersezione...
Superiori

Funzioni lineari: esempi di esercizi svolti

Prima di vedere degli esempi pratici di funzioni lineari diamone una definizione: una funzione è lo studio della corrispondenza tra due grandezze, analizza cioè, date due grandezze, come varia la seconda al variare della prima. Si definiscono lineari...
Superiori

Come calcolare il coefficiente angolare di una retta

Il coefficiente angolare di una retta esprime la pendenza di una retta rispetto all'asse delle ascisse, ovvero l'inclinazione rispetto all'asse delle x. In questa guida, attraverso pochi e semplici passaggi, ci occuperemo di spiegarvi come procedere per...
Superiori

Come trovare K in un fascio di circonferenze

Cominciamo spiegando cosa si intende per circonferenza. La circonferenza è il luogo geometrico dei punti del piano costituito da tutti i punti equidistanti da un punto fisso chiamato "centro". La distanza fra un qualsiasi punto della circonferenza e...
Superiori

Teorema di Talete: dimostrazione

Il Teorema di Talete è comunemente attribuito al filosofo e matematico greco Talete di Mileto (640 circa a. C. – 547 circa a. C.). Questo teorema è relativo alla proporzionalità che si viene a creare in un fascio di rette parallele (rette equidistanti...
Superiori

Come determinare i punti di intersezione tra due rette

C'è una branca della matematica, chiamata geometria analitica o geometria cartesiana, che tutti gli studenti delle Superiori conoscono. Essa studia le figure geometriche avvalendosi delle coordinate cartesiane. Queste ultime cosa sono? Sono le coordinate...
Superiori

Come trovare algebricamente l'intersezione di due rette

Non tutte le materie scolastiche sono facili, soprattutto durante i primi anni delle scuole superiori ad indirizzo scientifico. Tra le materie più difficili, vi è sicuramente la matematica, che solitamente non è molto semplice per chi a priori, non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.