Come bilanciare una reazione chimica di ossido-riduzione

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

La chimica è una scienza molto vasta che studia come si trasforma la materia. I diversi tipi di reazioni chimiche si possono ricondurre a due categorie fondamentali: reazioni che avvengono con trasferimenti di protoni da una specie chimica ad un'altra, e quelle che avvengono con trasferimento di elettroni da un atomo ad un altro. Le prime sono reazioni acido-base, le seconde sono reazioni di ossido-riduzioni. Con questa guida vedremo come bilanciare una reazione chimica di ossido-riduzione.

24

Nel linguaggio comune, con il termine "ossidazione" si intende indicare le trasformazioni che subiscono i metalli quando sono esposti all'aria, a contatto con l'ossigeno, come il ferro che diventa ruggine. Mentre si usa il termine "riduzione" quando si sottrae ossigeno da una sostanza. Per es. I metalli si ottengono dai loro minerali che sostanzialmente sono degli ossidi. In queste reazioni la sottrazione di ossigeno avviene utilizzando il carbone o l'idrogeno, che si ossidano a loro volta. Quindi in una reazione di ossido-riduzione, si ha sempre una sostanza che si ossida ed una che si riduce (più brevemente dette reazioni redox).

34

In una reazione redox, alla luce delle conoscenze sulla struttura della materia, vi è sempre una sostanza in cui un suo elemento perde uno o più elettroni, mentre contemporaneamente c'è un'altra sostanza con un elemento chimico che acquista elettroni. La prima sostanza è detta "agente riducente" (o semplicemente riducente), mentre la seconda viene detta "agente ossidante" (o semplicemente ossidante). I termini ossidante e riducente si applicano, quindi a tutta la sostanza e non al singolo elemento che acquista o perde elettroni.

Continua la lettura
44

In una reazione redox a tutti gli elementi viene attribuito un numero, detto numero di ossidazione (n. O.). Tale numero è preceduto da un segno + o - ed indica il numero di elettroni che un atomo ha acquistato o ceduto. La somma algebrica di tutti i numeri di ossidazione deve essere sempre pari a zero. Il bilanciamento di una reazione chimica redox, può essere effettuata con semplici ragionamenti sul numero di elettroni che si trasferiscono da un atomo all'altro. Operazione che può essere semplice in alcuni casi, o molto complessa. Una volta stabiliti il numero di elettroni che si trasferiscono da un atomo all'altro, utilizziamo dei coefficienti da mettere in corrispondenza delle varia sostanze, per indicare il numero di atomi, presenti nella sostanza riducente o ossidante, utilizzati.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come bilanciare una redox

La chimica è una materia piuttosto vasta e complessa che richiede molto studio e pratica per essere appresa al meglio. Con delle buone basi e sufficiente studio, è possibile apprenderla in tempi ragionevoli. In questa guida composta da quattro semplici...
Superiori

Appunti di chimica: le pile

La chimica è una materia complessa e allo stesso tempo interessante. Solo chi decide di intraprendere questa strada ne approfondisce le dinamiche, sviluppando poi studi specifici. Non possono mancare delle buone basi, che permettono di affrontare in...
Superiori

Chimica: come risolvere le titolazioni

La scuola al momento sta lasciando respirare molti studenti, che si godono il meritato riposo in vacanza. Purtroppo, però, la mente deve restare allenata anche in estate. Per questo i professori assegnano dei compiti per le vacanze. Soprattutto coloro...
Superiori

Appunti: chimica inorganica

Appunti: Chimica Inorganica, è quella branca, che si divide dalla chimica organica, e si occupa dello studio degli elementi, della sintesi e della caratterizzazione delle sostanze inorganiche. Rimangono quindi esclusi da questo studio (ad eccezione di...
Superiori

Come bilanciare una reazione chimica

Quando la materia subisce una trasformazione, senza che la sua massa presenti variazioni importanti, si parla di reazione chimica. Ciò vuol significare che, le specie chimiche si modificano da sole, per poter creare nuove specie chimiche, dove ognuna...
Università e Master

Come Effettuare Una Addizione Nucleofila Alchilica

L'addizione coniugata di un gruppo alchilico rappresenta precisamente una reazione della chimica organica: essa risulta essere piuttosto simile all'addizione nucleofila di Grignard. Infatti, anche la Grignard utilizza particolari reagenti e allunga la...
Superiori

Appunti di chimica: il saggio di Tollens

Il saggio di Tollens è un test appartenente alla favolosa chimica organica e all'analisi dei medicinali, il quale viene condotto in presenza di un reattivo detto appunto "reattivo di Tollens", dal quale prende il nome. Tollens, il suo inventore, era...
Università e Master

Chimica: idroborazione di un alchene

Nella chimica organica, moltissime sono le reazioni che coinvolgono gli alcheni. Tra di esse sono particolarmente importanti le reazioni di idratazione che li portano a reagire con diverse sostanze per formare degli alcol. L'idroborazione seguita da ossidazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.