Come bilanciare una reazione chimica

di Carmen Daniela Lettieri tramite: O2O difficoltà: facile

Quando la materia subisce una trasformazione, senza che la sua massa presenti variazioni importanti, si parla di reazione chimica. Ciò vuol significare che, le specie chimiche si modificano da sole, per poter creare nuove specie chimiche, dove ognuna viene conosciuta come prodotto. Si può tuttavia, intervenire su tali processi. In questo articolo infatti, si spiegherà principalmente come bilanciare una reazione chimica, cosa che farà evitare errori sia nei compiti scolastici, che in ambito lavorativo. Dopo aver studiato e approfondito tutti i passaggi, tale operazione risulterà molto meno complessa e di immediata comprensione.

Assicurati di avere a portata di mano: basi minime di chimica generale

1 Il bilanciamento delle reazioni chimiche si regge sulla "Legge di Lavoisier", secondo la quale "la massa dei reagenti che partecipano ad una reazione chimica deve essere uguale alla massa dei prodotti". Questo sta a significare che il fine di un bilanciamento chimico, è ottenere il medesimo numero di atomi tra i reagenti e i prodotti, ossia i medesimi atomi a inizio reazione e alla fine di questa.

2 Per una migliore comprensione si parte da un esempio pratico. È consigliabile cominciare dai metalli e dai non metalli, mentre non è molto consigliabile cominciare bilanciando O e H. Nel seguente caso tuttavia, si partirà prendendo in considerazione H oppure O. Nei reagenti, ci sono due atomi di idrogeno e a destra due. Ci sono poi due atomi di ossigeno a sinistra e uno solo a destra. Ciò non va bene, per cui si deve bilanciare la reazione mettendo un due davanti ad H2O, in modo che la reazione diventi in tal maniera:
H2 O2 ---------- 2H2O.

Continua la lettura

3 Proseguendo con il contare gli atomi, ci si può subito accorgere che qualcosa non va perché a sinistra ci sono due atomi di idrogeno (H2) e a destra invece quattro (2H2, 2x2=4).  Per risolvere la questione, si aggiunge un due a sinistra davanti ad H2, per farli diventare quattro anche a sinistra, e la reazione prenderà una forma diversa, divenendo:
2H2 O2 --------- 2H2O

.

4 Passiamo ad un esempio un po' più complicato. Bilanciamo questa reazione: a sinistra ci sono un atomo di carbonio, 4 di idrogeno e due di ossigeno; a destra un atomo di carbonio, tre di ossigeno e due di idrogeno.
Partiamo dal carbonio che, risultando già bilanciato, non andremo a modificare; passiamo allora all'idrogeno, 4 atomi a sinistra, e due a destra, andiamo a mettere un 2 davanti alla molecola dell'acqua in modo che la reazione diventi la seguente:
CH4 O2 ------------ CO2 2H2O
Se torniamo a contare gli atomi si può notare che adesso l'ossigeno a sinistra è in difetto (due atomi di ossigeno a sinistra e quattro totali a destra). Andremo ad aggiungere un 2 davanti all'O2 di sinistra in modo che la reazione risulti bilanciata, sotto la forma "CH4 2O2 -------- CO2 2H2O".

Chimica organica: le reazioni degli alcani Come calcolare la massa atomica relativa Come calcolare il rapporto stechiometrico Come realizzare un semplice schema sulla glicolisi

Il presente contributo è stato redatto dall'autore ivi menzionato a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e può essere modificato dallo stesso in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore dello stesso, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tale contributo e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altri articoli