Come Attribuire La Configurazione Assoluta A Un Centro Chirale

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

Quando si parla di centro chirale, nella chimica organica, ci si riferisce ad una molecola che non può essere sovrapposta alla propria immagine speculare in tutte e tre le sue dimensioni. In caso contrario invece quando la molecola può essere sovrapposta è denominata achirale. Una molecola chirale può essere ad esempio quella che contiene un atomo di carbonio asimmetrico costituito da quattro differenti sostituenti. In questa guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passi, come attribuire la configurazione assoluta a un centro chirale.

24

Per riuscire a comprendere correttamente come attribuire la configurazione assoluta ad un centro chirale bisogna considerare la molecola di 2-butanolo. Le strutture spaziali possono essere complicate da adoperare e pertanto, per semplicità, verranno scritte le formule delle due forme chirali della molecola usando la proiezione di Fischer. Per differenziare le due molecole di 2-butanolo si adoperano le notazioni R o S, in riferimento appunto alla configurazione del centro chirale. Questa configurazione viene assegnata con il metodo di Cahn-Ingold-Prelog, che permette di definire un centro chirale R o S in base all'ordine in cui i differenti sostituenti sono messi attorno all'atomo asimmetrico.

34

Le regole che bisogna adoperare in questo caso sono due. La prima è quella di attribuire la priorità ai sostituenti, che vanno ordinati per numero atomico decrescente. La seconda afferma che se gli atomi direttamente legati sono uguali, bisogna continuare lungo le catene fino a quando non viene raggiunto un punto in cui le catene sono diverse e si assegna la priorità ordinandoli per numero atomico decrescente. In ultimo la terza regola sostiene che doppi e tripli legami devono essere considerati come se ad ogni atomo legato fosse raddoppiato o triplicato.

Continua la lettura
44

Successivamente è necessario disporre i quattro sostituenti sul piano per creare una croce: sul tratto orizzontale vanno i sostituenti che si avvicinano all'osservatore, mentre su quello verticale vanno quelli che si discostano dall'osservatore. Il sostituente a minore priorità (in questo caso l'idrogeno H) si deve trovare sul tratto verticale. Se percorrendo l'ordine decrescente di priorità e trascurando il sostituente a minore priorità (idrogeno H) viene effettuata una rotazione oraria, la configurazione assoluta è R. Nel caso in cui invece la rotazione è antioraria, la configurazione assoluta è S.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare il punto isoelettrico di un amminoacido

Come voi lettori e lettrici probabilmente saprete, la biochimica è una scienza branca della chimica, la quale si occupa dello studio della biologia e della chimica relazionate al funzionamento degli organismi viventi, tra cui ovviamente l'uomo. Più...
Università e Master

Appunti di chimica : enantioselettività

La chimica è per molti un vero problema. Infatti le sue formule e i suoi concetti risultano spesso indigesti a molti. In realtà la chimica non è una materia così difficile ma richiede applicazione. In questa guida proveremo ad illustrare in modo semplice...
Università e Master

Determinazione Della Prolina Nei Vini Mediante Il Metodo Spettrofotometrico Di Ought

La prolina è un amminoacido apolare, nonché una molecola chirale. Il gruppo laterale è costituito da un anello che non si adatta in una struttura secondaria ordinata, e questo le regala la capacità di formare delle "cerniere" all'interno di un polipeptide,...
Università e Master

Come Calcolare Il Grado Di Insaturazione Di Una Molecola

Calcolare il grado di insaturazione di una molecola o un composto chimico è una procedura essenziale e primaria per il primo approccio conoscitivo della sostanza con cui stiamo operando. Infatti questa operazione viene fatta subito dopo l'acquisizione...
Università e Master

Come dare il nome ai derivati polisostituiti del benzene

La chimica rappresenta una delle materie più ostiche da affrontare per uno studente: a prescindere dal percorso e dal grado di studi, questa materia richiede un'attenzione ed un approccio particolare. Ciò diventa più chiaro soprattutto quando lo studio...
Università e Master

Come Risolvere L'Esercizio Di Reazione Tra Propanale E Propil Magnesio Bromuro

Il Bromuro di magnesio è un composto chimico di tipo inorganico. Si tratta in effetti di un sale che esiste in diverse forme a seconda del relativo grado di idratazione. Le due forme principali più conosciute sono tuttavia quella anidra e quella esaidra....
Università e Master

Come Nominare Gli Alcani Ramificati

Gli alcani sono composti organici costituiti solamente da carbonio e idrogeno (per questo motivo appartengono alla più ampia classe degli idrocarburi), aventi formula bruta CnH(2n + 2). Gli alcani sono "saturi", cioè contengono solo legami singoli C-C...
Superiori

Come Dare La Nomenclatura Ai Derivati Disostituiti Del Benzene

Una vasta ed importante famiglia di composti chimici, è quella raggruppante i derivati disostituiti, vale a dire contenenti due sostituenti del benzene, i quali trovano largo impiego in laboratorio proprio per le loro pregevoli proprietà ed utilità....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.