Come attribuire il nome ad un sale terziario

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Quando a scuola si studia una disciplina quale la chimica e come compito in classe viene assegnato quello di ricavare una formula attribuendogli un nome, può sembrare un'operazione abbastanza difficile da mettere in atto. Tuttavia, se si riesce a comprendere per bene il procedimento, utilizzando anche delle specifiche tabelle e facendo alcuni esercizi, la nomenclatura risulterà essere molto più agevole per qualsiasi formula. In questa guida semplificata, spiegheremo in modo semplice ma dettagliato come attribuire il nome ad un sale terziario.

24

L'attribuzione del nome ad un sale terziario (o ternario) può avvenire conoscendone già la formula di partenza (ad esempio, NaClO2). In alternativa, è possibile farlo dal nome specifico. Nel primo caso, l'operazione richiede una moltiplicazione degli atomi dell'ossigeno (2) per -2 (ossia il numero di ossidazione), per cui si avrà: 2 * (-2) = -4.

34

Successivamente, è possibile calcolare l’ossido-acido corrispondente da ClO2, quindi HClO2. In questa maniera si riesce a calcolare la formula chimica precisa, con il corrispettivo numero dell'ossidazione. A seguire, equiparandolo alla tavola periodica degli elementi, e nello specifico del cloro, si trovano i seguenti numeri : +1, +3, +5, +7. Il numero 3, che si trova in seconda posizione, è definito con la nomenclatura “oso”, e nel caso dei sali, il termine viene sostituito dal suffisso “ito”. Pertanto, in questo caso, il nome finale risulta essere: "clorito di sodio". Nel secondo esempio, ossia quando la formula chimica si intende ricavarla conoscendone già il suo nome di partenza, è necessario procedere nel modo che andremo ora a descrivere. Per prima cosa, avendo visto che il nome tradizionale lo descrive come “clorito di sodio”, in base a tutto questo, si può comprendere che dal suffisso "ito” che l’ossoacido corrispondente deve presentare un numero specifico di ossidazione. Quindi, andando nella suddetta tavola periodica, si scopre che corrisponde a “+3”. Il prossimo passo è quello di ricavare l’ossoacido che deriva dal sale, dal quale è necessario trovare la relativa formula chimica. È quindi necessario cercare il numero di ossidazione del cloro, che corrisponde a +3.

Continua la lettura
44

Per concludere, a seconda dei suddetti appunti basati sul metodo di attribuzione del nome ai sali ternari, ed a margine di questa piccola guida, è possibile affermare che con gli opportuni approfondimenti, con una buona conoscenza della chimica e con un buona dose di esercitazione, attribuire un nome ad un sale terziario risulterà essere un qualcosa di abbastanza piacevole e di divertente. Una volta acquisita la pratica necessaria, a qualsiasi formula chimica, indipendentemente dal sale in questione, dall'acido o dall'ossido che si esaminano, gli si può attribuire il nome specifico, utilizzando uno dei metodi che abbiamo elencato in questa guida. La chimica è sicuramente una disciplina che a molti studenti risulterà essere particolarmente ostica, ma osservando i principi basilari, tra quelli che abbiamo esposto in precedenza, si avrà ottenuto un buon punto di partenza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Attribuire Il Nome Agli Acidi Carbossilici

Gli acidi carbossilici sono composti organici caratterizzati dal gruppo carbossilico -COOH, formato dall'unione del carbonile CO e dell'ossidrile -OH. Come tutti i composti organici la loro nomenclatura segue delle regole rigide, sebbene siano in uso...
Università e Master

Come risolvere l'esercizio di sintesi del terz butanolo

La chimica organica è una materia complessa quindi spesso si ha bisogno di un aiuto oppure di qualche suggerimento utile. Se vi serve un aiuto in chimica organica, questa guida fa al caso vostro, in quanto parleremo di una reazione di sintesi di chimica...
Superiori

Come Attribuire Il Nome Iupac Agli Alcani

La chimica è una materia che se studiata in maniera giusta non è poi così complicata come sembra; basta seguire pochissime e semplicissime regole per risolvere parecchi quesiti che vengono posti. Naturalmente è basilare dover conoscere gli elementi,...
Università e Master

Come Attribuire La Configurazione Assoluta A Un Centro Chirale

Quando si parla di centro chirale, nella chimica organica, ci si riferisce ad una molecola che non può essere sovrapposta alla propria immagine speculare in tutte e tre le sue dimensioni. In caso contrario invece quando la molecola può essere sovrapposta...
Università e Master

Come dare la Nomenclatura Tradizionale Agli Ossidi

Nella seguente semplice e rapida guida che vi andrò ad enunciare immediatamente nei passaggi successivi, vi spiegherò molto brevemente, ma comunque dettagliatamente, come bisogna dare oppure applicare la nomenclatura tradizionale agli ossidi. Specificatamente,...
Elementari e Medie

Come funziona la scuola in Svizzera

La Svizzera rappresenta sicuramente uno dei paesi maggiormente sviluppati dal punto di vista civico. Così come altri sistemi infatti, anche quello scolastico è strutturato in maniera estremamente efficiente. Esso si divide principalmente in tre livelli...
Superiori

Appunti di chimica: l'ossidoriduzione

Si definisce ossidoriduzione una reazione chimica in cui si ha uno scambio di elettroni, da una specie chimica ad una altra, ed entrambe le specie coinvolte cambiano il loro numero di ossidazione. Il numero di ossidazione rappresenta la differenza tra...
Università e Master

Come bilanciare una reazione chimica di ossido-riduzione

La chimica è una scienza molto vasta che studia come si trasforma la materia. I diversi tipi di reazioni chimiche si possono ricondurre a due categorie fondamentali: reazioni che avvengono con trasferimenti di protoni da una specie chimica ad un'altra,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.