Come attirare l'attenzione degli studenti

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Avvolte può capitare che un insegnante, pur essendo molto preparato e con un bagaglio di studio, conoscenze e competenze di grande rilievo, non riesce a trasmettere e a comunicare allo studente. Il problema quindi non è la preparazione del professore, ma il suo modo di insegnare, che non riesce ad attirare l'attenzione degli studenti. In questo modo l'alunno non è invogliato a stare attento e ad apprendere in aula, ma tende a distrarsi complicando quindi lo studio autonomo a casa. Se sei un insegnante, puoi leggere qui di seguito alcuni semplici consigli che ti permetteranno, nei momenti delle tue spiegazioni, di focalizzare l'attenzione su di te e di trasmettere il giusto entusiasmo all'alunno per invogliarlo allo studio. Ecco come
Come attirare l'attenzione degli studenti.

24

Inizia a parlare introducendo sempre l'argomento che hai intenzione di spiegare attraverso un resoconto chiaro, puntuale e conciso che abbracci trasversalmente tutti i concetti chiave che andrai ad approfondire, non ti dilungare troppo nei vari punti perché rischi di perdere la "continuità" dell'elenco che stai facendo. In questo modo focalizzerai l'attenzione dell'alunno il quale diventerà più recettivo. A livello inconscio, lo studente comincerà ad assimilare in modo organico i primi "tasselli" di conoscenza.

34

Assumi una postura eretta e una impostazione della voce rassicurante ma, al tempo stesso, autorevole. È importante inculcare nell'alunno che l'insegnante ha sicurezza e padronanza di ciò che sta per spiegare, ma anche autostima delle proprie capacità, conoscenze e competenze. Al tempo stesso non deve far sentire all'alunno il "peso" delle proprie conoscenze e non deve assolutamente inculcare nell'alunno la convinzione o la sensazione che il "divario culturale" sia incolmabile. Quindi cerca di spiegare i concetti con parole semplici e con un filo logico, cercando di non inceppare in cambi di discorsi.

Continua la lettura
44

Disegna sulla lavagna delle mappe concettuali in cui, a partire da uno snodo fondamentale, cioè un concetto chiave centrale si procede per ramificazioni con i concetti chiave correlati da un rapporto di causa-effetto a quello centrale. Spiegare la lezione con l'ausilio di mappe concettuali, il più innovativo strumento per la memorizzazione e l'apprendimento di un testo, che supera tutte le tecniche classiche. Se hai la possibilità di utilizzare colori diversi, riuscirai a far apprendere di più agli alunni che memorizzeranno l'argomento anche dal punto di vista visivo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

10 regole da adottare in classe

Come ben sappiamo, gran parte delle ore quotidiane di ogni bambino o ragazzo vengono passate in classe a contatto di compagni e dei vari insegnanti. A tal proposito diventa necessario conoscere alcune regole fondamentali di comportamento da adottare in...
Elementari e Medie

Come Ottenere L'insegnante Di Sostegno

In ambito scolastico, un bambino disabile, ha il bisogno di avere una figura di riferimento che possa andare verso le sue necessità specifiche, e che lo possa costantemente accompagnare, nel suo percorso di apprendimento, con delle personalizzate metodologie....
Elementari e Medie

Come favorire l'inserimento di un nuovo alunno in una scuola

Non è facile per gli educatori favorire l'inserimento di un nuovo alunno in una scuola, al di là che lo studente (o la studentessa) sia italiano o straniero. Molto spesso la lingua risulta un problema, ma d'altra parte la curiosità per il "nuovo" aiuta...
Superiori

Pedagogia steineriana: caratteristiche

Sono vari e diversi i metodi pedagogici utilizzati nelle scuole ma uno dei metodi classici, nato dalla scuola di Rudolf Steiner, è ancora oggi utilizzato. Nonostante la teoria di Steiner risalga ai primi del '900, ancora oggi le sue tecniche sono molto...
Elementari e Medie

Come rinunciare all'insegnante di sostegno

Ormai da molti anni per gli studenti con problemi di qualsiasi genere è possibile usufruire dell'insegnante di sostegno. Infatti agli studenti che presentano handicap di qualsiasi genere o problemi di apprendimento gli viene messo a disposizione un professore...
Elementari e Medie

Come far migliorare i propri figli in matematica

Dal primo anno della scuola primaria, i bambini si trovano a dover imparare i fondamenti della matematica. L'apprendimento di questa materia può rivelarsi ostico e impegnativo, influendo sulla motivazione e sul rendimento scolastico dell'alunno. I genitori,...
Elementari e Medie

5 regole da rispettare in classe

Se siete alle prime armi con l'insegnamento e non sapete bene come gestire una classe di alunni scatenati, mantenete la calma e fate attenzione a non lasciarli troppo liberi di fare.Le regole in una classe, sono importanti per mantenere una certa calma...
Elementari e Medie

Insegnanti: come prepararsi per una riunione scolastica

Gli insegnanti organizzano periodicamente le cosiddette "riunioni scuola-famiglia" per poter informare i genitori dell'andamento scolastico dei loro figli. È importante inoltre che i genitori affrontino le riunioni evitando di fare sfoggio di inutili...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.