Come applicare il secondo teorema di De l'Hopital

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Nel caso in cui si voglia effettuare il calcolo di un limite, la giusta procedura da compiere consiste nell'applicare il secondo teorema di De l'Hopital. Questa regola, può anche essere applicata per il calcolo di funzioni appartenenti ad altre forme indeterminate. Vediamo allora qui di seguito alcuni consigli su come utilizzare questa procedura.

27

Occorrente

  • conoscenze base di analisi
  • conoscenza calcolo dei limiti
  • conoscenza regole di derivazione
37

Come prima cosa, questo teorema ha preso il nome dal marchese Guillaume de l'Hopital, un matematico di nazionalità francese. La prima apparizione del teorema fu nel lontano 1696, quando il matematico la scrisse per la prima volta sul suo libro. Dopo ricerche approfondite, però, si scoprì che il merito di tale scoperta non era esattamente del marchese, ma bensì del suo stesso insegnante. Supponiamo di avere un limite che dia come risultato la forma indeterminata zero su zero: per poter applicare il teorema di Guillaume de l'Hopital, la prima cosa da dover verificare è che le due funzioni, quella al numeratore e quella al denominatore, siano continue. Possono risultare non continue nel punto a cui tendono.

47

Un altro passaggio da effettuare, è quello di controllare se le funzioni sono derivabili in un intorno del punto a cui tendono, tranne eventualmente nel punto stesso. Il teorema di de l'Hopital afferma che se esiste ed è finito il limite del rapporto delle due derivate, tale limite sarà uguale al limite della funzione di partenza. Altra prerogativa di questo teorema, è quella di valutare alcune forme indeterminate che coinvolgano potenze. Per questo procedimento, è necessario utilizzare i logaritmi. Per facilitare la comprensione del teorema, provvediamo a fare un esempio. Supponiamo di avere il limite che tende a zero di sinx/x. Per risolvere tale situazione, non vogliamo farlo come limite notevole ma, viceversa utilizzando il teorema di de l'Hopital.

Continua la lettura
57

Verificate allora che sia al numeratore sia al denominatore, vi siano funzioni continue e derivabili in un intervallo di zero. La derivata del seno è coseno, mentre la derivata di x è 1. Oltre a ciò, dovremo calcolare il limite che tende a zero del rapporto cosx/1 ed ottenere 1; il limite di partenza tenderà anch'esso ad 1. In conclusione, potremo affermare che: "ogni forma di indeterminazione del tipo zero su zero, oppure infinito su infinito, sono riconducibili le une alle altre, di conseguenza ciò che bisogna fare, in questo caso, è dimostrarne una delle due per ottenere in maniera del tutto automatica anche l'altra".

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il limite di una funzione

Con la seguente guida vi illustrerò come calcolare i limiti di funzioni usando limiti notevoli e teorema di De Hopital. Se vale che: f (x) e g (x) sono derivabili in un intorno di x0 (escluso il punto x0); g'(x) ≠0 nell'intorno in x0; limite di x tendente...
Università e Master

Limiti e forme indeterminate

La matematica è sempre stata la materia più difficile per gli studenti di qualsiasi grado scolastico; questo perché i concetti sono strettamente legati fra loro. In questa guida andremo ad approfondire un argomento in particolare, ovvero i limiti e...
Superiori

Teorema di Fermat: dimostrazione

Il "Teorema di Fermat" appartiene alla categoria dei teoremi fondamentali del calcolo differenziale. Tale teorema non va confuso con "l'ultimo teorema di Fermat", il "piccolo teorema" o il "teorema sulle somme di due quadrati". Esso fa parte dell'analisi...
Superiori

Come Applicare il Teorema di Rolle ad una Funzione

All'interno di questa guida ci soffermeremo sul procedimento che ti porterà ad applicare il teorema di Rolle ad una funzione. Il teorema di Rolle è sostanzialmente uno degli argomenti che più compaiono nei quesiti dell'esame di maturità, ovviamente...
Superiori

Come applicare il Teorema di Cauchy ad una funzione

Se stiamo per affrontare l'esame di maturità, bisognerà conoscere gli argomenti più importanti che sicuramente saranno trattati. Una delle materie che ci preoccuperà di più sarà la matematica, soprattutto se frequentiamo il liceo scientifico. Generalmente...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Lagrange

Il Teorema di Lagrange è un teorema che si incontra durante lo studio delle derivate. Esso trae origine dal nome del matematico che lo ha enunciato e afferma che, data una Funzione qualsiasi f (x), "continua e derivabile" in un intervallo chiuso da "a"...
Università e Master

Teorema di Green: dimostrazione

Il Teorema di Green fa parte di quel corollario di tematiche inerenti all'analisi matematica. Quando si studia questo teorema, è opportuno conoscere in maniera piuttosto approfondita l'ambiente degli integrali e le varie metodologie relative al calcolo...
Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.