Come affrontare la dislessia in classe

di Stefania Lettieri tramite: O2O difficoltà: media

La dislessia costituisce al giorno d'oggi un problema piuttosto serio per tantissime persone. Queste ultime infatti solitamente non riescono a comprendere nella maniera corretta delle parole ed hanno difficoltà a leggere e a scrivere. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come affrontare la dislessia in classe.

1 Non sottovalutare i bambini La dislessia deve essere differenziata dai disturbi di apprendimento che si evidenziano spesso nell’età scolare. L’insegnante è la prima persona che può accorgersi di determinate difficoltà ma è anche facile, per il ruolo che ricopre, etichettare i bambini dislessici come alunni svogliati.

2 Studiare ogni caso Il compito dell’insegnante di scuola elementare consiste nel porre attenzione ai problemi e ai bisogni di ciascuno studente. Egli deve studiare il singolo caso cercando di individuare in tempo i possibili casi di dislessia, soprattutto nel primo ciclo. Ciò permetterà di effettuare una diagnosi precoce evitando al bambino frustrazioni dovute al persistere dei problemi di apprendimento nel tempo.

Continua la lettura

3 Comunicare con la famiglia Il secondo passo che l'insegnante deve compiere è quello di comunicare il sospetto alla famiglia, sensibilizzandola affinché si rivolga ad un personale specializzato in modo da ottenere un' opportuna diagnosi.  Molti genitori non accettano facilmente di rivolgersi a medici e spesso provano un senso di vergogna.  Approfondimento Come parlare di dislessia ai bambini (clicca qui) Pertanto occorre combattere contro tali ritrosie per coinvolgere la famiglia ed ottenerne la sua collaborazione.

4 Sostenere il bambino Soltanto sulla base della diagnosi funzionale la scuola potrà progettare opportuni interventi per un percorso personalizzato di apprendimento, al fine di sostenere l'autostima del bambino. L'insegnante è consapevole che i miglioramenti non saranno eclatanti ma accresceranno nel bambino l'autostima, molto importante per strutturare un corretto sviluppo della personalità e in grado di esprimere le sue potenzialità nei diversi ambiti del sapere. È importante assicurarsi inoltre che il bambino non venga isolato né deriso dagli altri compagni di classe.

5 Utilizzare dei programmi mirati Oggi, grazie all'avvento della tecnologia, gli insegnanti hanno maggiori possibilità di gratificare il bambino o il ragazzo. Esistono infatti svariati programmi mirati al disturbo che, se acquistati a tale scopo dalla scuola, aiuteranno a ridurre la fatica scolastica e ad aumentare nel bambino la fiducia nella scuola. Solamente in questo modo nascerà la volontà di andare avanti malgrado le sconfitte.

Come parlare di dislessia ai bambini La dislessia è un problema dell'apprendimento molto diffuso che generalmente ... continua » Come comportarsi con un alunno dislessico John Lennon, Tom Cruise, Milton Erickson. Persino Leonardo Da Vinci. Questi ... continua » 10 consigli per prepararsi alla prima elementare L'inizio della scuola elementare rappresenta un passo importante nella crescita ... continua » 10 regole da adottare in classe Come ben sappiamo, gran parte delle ore quotidiane di ogni bambino ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

5 letture per bambini dislessici

La dislessia è un Disturbo Specifico dell'Apprendimento (DSA) che consiste nella difficoltà a leggere e comprendere correttamente un testo. Questo è un disturbo che ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.