Breve sintesi della letteratura del '900

di Elena Sbaraglia difficoltà: media

Breve sintesi della letteratura del '900 Agli inizi del '900 la letteratura si colloca in un clima di profonda delusione storica e di forte crisi economica e sociale. Una crescente esigenza di introspezione si coniuga con la voglia di individuare e percorrere nuove vie alternative, sradicando ogni fittizio punto di riferimento. C'è un'apertura maggiore verso le nuove correnti europee e le teorie psicoanalitiche di Freud influenzano profondamente gli scrittori. La realtà viene spesso presentata senza nessun ordine, caotica, contraddittoria e sfugge a qualsiasi tentativo di catalogazione. L'uomo diventa il centro dell'interesse e vengono analizzati tutti gli aspetti del suo mondo interiore e del suo modo di relazionarsi con il mondo esteriore. Non sono più importanti i grandi temi epici, ma vengono indagate le problematiche della vita quotidiana. Al di là di quello che rappresentano le correnti letterarie, ci sono dei romanzi che raccontano in maniera molto approfondita tutti le tematiche degli anni in cui sono stati scritti e nell'insieme offrono una panoramica completa del Novecento. In questa breve sintesi viene proposta una descrizione di quelli che sono gli aspetti fondamentali del cosiddetto "secolo breve" attraverso dei romanzi e degli autori particolarmente significativi.

1 La coscienza di Zeno di Italo Svevo, del 1923, ha come tema centrale la malattia, la nevrosi e l'intervento terapeutico della psichiatria. Il protagonista smarrisce la sua identità e la frantumazione del suo io in molteplici parti, tra loro in contraddizione, rappresenta la crisi della società contemporanea e di ogni singolo individuo. C'è un senso di vuoto che pervade la vita di tutti e per riempirlo bisogna prenderne coscienza ed affrontarlo. Qualche anno dopo, nel 1926, Luigi Pirandello ricalca e approfondisce gli stessi temi nel suo romanzo Uno, nessuno, centomila. Un libro in cui servendosi di una sottile ironia, l'autore si dimostra abbastanza pessimista sulla possibilità dell'individuo di ricomporsi in un'identità stabile. La denuncia e la ricerca di modi per risolvere questa crisi esistenziale sarà comunque un tema fondamentale per tutto il Novecento, un secolo ricco di contraddizioni. Nei suoi romanzi Alberto Moravia (1907 - 1990) descrive in maniera mirabile tutti gli aspetti e gli sviluppi del Novecento, ripercorrendo in presa diretta l'evoluzione della nostra società dal 1929 (Gli indifferenti) al 1990 (La donna leopardo). Quello che emerge è proprio che la crisi esistenziale dell'uomo del ventesimo secolo, negli anni, cambia di forma, ma rimane immutata nella sostanza e una soluzione diventa sempre più difficile, perché si diffonde la tendenza a chiudersi in se stessi.

2 Per tutta la vita Dino Buzzati (1906 - 1972) prova a trovare nei suoi romanzi e nei suoi racconti delle risposte e delle soluzioni, ma non ci riusce. Ci lascia in eredità tantissime domande ed infiniti dubbi irrisolti, insieme alla consapevolezza però che non bisogna arrendersi mai, come ha fatto lui sino all'ultima parola. L'opera letteraria di Elsa Morante (1912 - 1985) è caratterizzata da due momenti ben distinti: quello della fantasia, presente nelle fiabe, scritte in età ancora giovanissima e quello della coscienza esplicitato bene nei suoi romanzi. Propone la letteratura come uno strumento utile per evadere dalle delusioni della vita quotidiana, creando degli universi paralleli in cui è possibile rifugiarsi per recuperare le energie. Anche nella Storia, il suo grande romanzo che descrive in maniera cruda e spietata gli orrori della Seconda Guerra Mondiale, non rinuncia a sottolineare che nella vita c'è sempre qualcosa di magico che bisogna cercare di catturare per recuperare la gioia di vivere.

Continua la lettura

3 Espressione di un secolo che assume un ritmo di vita sempre più frenetico e a tratti vorticoso, Pier Vittorio Tondelli (1955 - 1991) consuma la sua breve esistenza nel tentativo di raggiungere qualcosa che riesce appena ad intuire e che comunque ci lascia in eredità dei libri, Un Weekend postmoderno su tutti, che fanno già parte dei classici della letteratura del Novecento e ci ammoniscono su quelli che sono i vizi del vivere e gli errori da evitare per non bruciarsi rapidamente.  Lui non ce la fa, ma ci regala comunque qualcosa ed è già molto in un mondo che tende a seppellire tutto sotto la sabbia.. 

4 Moltissimi sono i temi e gli scrittori del Novecento che non possono essere trattati in una breve sintesi come questa, in ogni caso utile per dimostrare che nei libri si trovano le risposte che si cercano.

Antologia: il romanzo contemporaneo Letteratura: il pensiero di Luigi Pirandello Letteratura: i migliori poeti crepuscolari Breve guida al romanticismo

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili