Biologia: il citoscheletro

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il citoscheletro è una struttura tridimensionale dinamica (muscolare e scheletrica) che riempie il citoplasma e permette sia il movimento che la stabilità dell'organismo umano: le sue lunghe fibre (microfilamenti, microtubuli e filamenti intermedi) sono polimeri di sub-unità.
Differentemente dallo scheletro, il citoscheletro è molto dinamico (perché è capace di allungarsi o accorciarsi abbastanza velocemente) e consente alle cellule di cambiare la forma: ognuna delle proteine ​​autoassemblanti ha una determinata "concentrazione critica", sotto cui è presente uno stato monomero e sopra la quale c'è uno stato polimero.
Sempre più di frequente, una "concentrazione critica" elevata di sub-unità favorisce la costruzione dei filamenti permettendo la decostruzione, ovvero una proprietà che consente alla cellula di verificare in modo rapido la struttura del citoscheletro: nei passaggi successivi di questa pratica guida, vi riporterò dettagliatamente vari appunti di biologia riguardanti questa struttura tridimensionale dinamica.

27

Occorrente

  • Nozioni di biologia
37

I microfilamenti costituiscono una rete avente un diametro di sei nanometri (6 nm), i quali sono importanti per l'ancoraggio delle proteine ​​della membrana plasmatica, allo scopo di produrre il movimento cellulare e consentire la divisione cellulare.
Il filamento basilare è formato da una proteina denominata actina, che ha un peso di quarantadue kilodalton (42 KD) e forma dei sottili filamenti all'interno del muscolo: internamente alle cellule di actina, esistono la proteina monomerica chiamata G-actina (per actina globulare) e il filamento "6 nm" detto F-actina (per actina filamentosa).

47

Nella maggioranza delle cellule, le estremità dei filamenti sono orientati verso il bordo della cella: nel citoscheletro, esistono dei microfilamenti in concentrazione massima, in associazione con la periferia cellulare, dove si ritiene una funzione rilevante nell'ancoraggio delle proteine ​​nella membrana.
I microfilamenti possono essere anche organizzati in fasci (fibre di stress), che servono come elementi contrattili: queste strutture sono importanti per mantenere i collegamenti fra il tessuto cellulare e la superficie sulla quale si sviluppa, e potrebbero avere importanza per generare la forza direzionale durante la motilità cellulare.

Continua la lettura
57

Le funzioni dell'​​actina vengono associate per cambiare le proprietà della rete dei microfilamenti nelle cellule: esistono anche delle proteine ​​come i "filamin microfilamenti", che legano assieme per produrre dei fasci di filamenti di actina.
Le cellule possono controllare anche la lunghezza dei filamenti con l'azione delle proteine ​​e produrre due filamenti brevi: allo scopo di mantenere quest'ultimi ad una determinata lunghezza, le cellule producono la proteina "capping" in grado di impedire l'aggiunta di nuove sub-unità di actina.
Infine, modulando lo stato della rete dei microfilamenti, la cellula potrebbe verificare le proprietà fisiche del citoplasma (come la rigidità e la viscosità).

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di biologia: gli organismi unicellulari

Un organismo si definisce unicellulare se possiede soltanto una cellula, multicellulare se è formato da più cellule. I gruppi principali unicellulari sono: gli archeobatteri, i protozoi, i batteri, le alghe unicellulari ed i funghi unicellulari. La...
Università e Master

Appunti di biologia: approfondimento sulle cellule staminali

Nella disciplina della biologia, le cellule staminali sono definite come quelle cellule non ancora completamente mature, capaci di trasformarsi in unità biologiche diverse. In definitiva, esse possono riprodurre svariate tipologie di cellule, mediante...
Università e Master

Come eseguire una trasformazione batterica mediante shock termico

Studiare e sperimentare i concetti centrali della biologia è davvero molto interessante quanto utile. La biologia è infatti una delle discipline più affascinanti per capire così il mondo che ci circonda. Per tale motivo in questa guida affronteremo...
Università e Master

Appunti di biologia: lo smistamento delle molecole

La biologia è una materia piuttosto complessa e difficile da imparare, richiede molta pazienza e uno studio serio ed approfondito, oltre a molti esperimenti in laboratorio per comprenderne a pieno i vari procedimenti. Le molecole organiche, formate da...
Superiori

Appunti di biologia

La biologia è la scienza che ha come oggetto di osservazione, di studio e di ricerca gli esseri viventi. La stessa etimologia della parola biologia, che deriva dal greco bìos (vita) e logos (studio), ci serve a circoscrivere chiaramente il significato...
Università e Master

Appunti di biologia molecolare

La biologia è lo studio di molecole situate nel nostro organismo o in altri elementi che la natura ci offre. In questi appunti di biologia molecolare andremo a vedere in modo semplificato ma comprensivo di cosa si occupa questo studio, abbiamo sentito...
Elementari e Medie

Scienze: differenze tra cellula procariote ed eucariote

Le cellule sono quelle piccole componenti che vanno a conformare la struttura di molti organismi viventi. Grazie alla citologia, una branca della biologia che studia la cellula ed il suo processo biologico, è possibile classificare diverse tipologie...
Superiori

La struttura del DNA e RNA

La biologia studia la composizione del corpo umano, grazie al DNA (Acido Desossiribonucleico o Deossiribonucleico) e RNA (Acido Ribonucleico). Il DNA e l'RNA sono degli elementi che compongono il corpo umano, e dimostrano chiaramente i fattori ereditari...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.