Appunti sul moto circolare uniforme

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il moto circolare è un moto che viene studiato dalla fisica e dalla cinematica. Esso indica il moto di un punto lungo una linea a circonferenza. L'accelerazione e la velocità assunte dal moto circolare varia a seconda della direzione. Tale cambiamento è misurabile usando le misure angolari inserite nel moto rettilineo, mentre nel moto circolare uniforme la velocità del moto è costante. Vediamo quindi alcuni appunti sul moto circolare uniforme.

27

Occorrente

  • Carta e penna
  • Formulario di fisica classica o di cinematica
37

Generalità sul moto circolare uniforme

Vediamo alcuni esempi indicanti corpi che assumono un moto circolare uniforme. In astronomia, la Luna effettua intorno alla Terra un moto circolare uniforme, il tutto in modo abbastanza approssimativo. All'interno del campo magnetico che si crea durante la rotazione sono presenti particelle cariche che compiono traiettorie circolari, come ai pianeti che ruotano intorno al Sole.
A questo punto si può affermare che il moto circolare uniforme è un moto "periodico", poiché si ripete ad intervalli di tempo uguali. Vediamo un altro esempio. Se un punto ci mette 4 secondi per fare un giro completo, passati 8 secondi avrà fatto 2 giri e dopo 12 secondi i giri saranno 3; il tempo impiegato dal punto materiale per percorrere il giro completo, sulla circonferenza nel moto uniforme, si chiama "periodo" e viene comunemente indicato con la lettera "T". Nel Sistema Internazionale (S. I.) l'unità di misura è il "secondo", indicato con la lettera "s".

47

Le formule legate al moto circolare uniforme

Normalmente è possibile trovare il periodo T se si conosce la "frequenza" ("f") del moto, la quale rappresenta il numero di giri compiuti in un secondo. Nel Sistema Internazionale la frequenza si indica in "Hertz" ("Hz"), perciò 1Hz=1 giro al secondo. Se un punto materiale percorre un giro al secondo avrà la frequenza di 1 Hz. Se si conosce il periodo di un moto circolare uniforme, è possibile calcolare la frequenza f applicando la formula: "f=1/T". Al contrario, se si conosce la frequenza f è possibile calcolare il periodo del moto con la formula inversa: "T=1/f".

Continua la lettura
57

La velocità tangenziale del moto uniforme circolare

Prendete ora in considerazione la "velocità tangenziale" del moto circolare uniforme. Tenendo presente il punto "P", che percorre la circonferenza con moto uniforme, se lo spazio che percorre copre tutta la circonferenza, allora è uguale alla misura della circonferenza stessa. Di conseguenza è possibile affermare che, indicando il raggio della circonferenza con "r", la velocità tangenziale si otterrà con la formula "v= circonferenza/T", ossia: "v=2πr/T". Abbiamo terminato i nostri appunti-guida sul moto circolare uniforme. Per ulteriori informazioni consultate il link: http://www.youmath.it/lezioni/fisica/cinematica/2958-moto-circolare-uniforme.html.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nel caso in cui non foste particolarmente pratici con i concetti generali di fisica, rivolgetevi ad una persona con più esperienza di voi o ad un professore specializzato nella materia in questione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti: il moto dei corpi

La cinematica è la scienza che si occupa dello studio del moto dei corpi. La maggior parte delle cose si muovono nello spazio e nel tempo. Il moto è praticamente un cambiamento di posizione. Questo succede sia per gli essere umani sia per qualsiasi...
Università e Master

Come valutare i gradi di libertà di una catena cinematica nello spazio

Secondo i principi della meccanica razionale, la catena cinematica è l'unione di più membri ottenuta con coppie cinematiche, in modo che, fissata la velocità relativa di un membro, risultino determinate in modo univoco le velocità relative di tutti...
Università e Master

Come Valutare I Gradi Di Libertà Di Una Catena Cinematica Piana

La branca della fisica matematica che studia la statica e il moto di sistemi meccanici che possiedono un numero non infinito di gradi di libertà è la meccanica razionale. Lo studio può riguardare sia semplici elementi geometrici come i punti materiali,...
Università e Master

Come risolvere un problema di fisica sul moto circolare

Un punto materiale che si muove con traiettoria circolare accelerazione costante è definito in moto circolare uniformemente accelerato. Nell'analisi di questo moto di fondamentale importanza applicativa possiamo incontrare vari punti di interesse come...
Università e Master

Come disegnare i cerchi di Mohr

Il cerchio di Mohr costituisce una rappresentazione grafica dello stato piano di tensione interna in un punto, proposta da un ingegnere tedesco nel 1892. La rappresentazione è costruita riportando sopra un opportuno piano (denominato il piano di Mohr),...
Università e Master

Appunti di meccanica dei contenuti e delle strutture

Una materia importantissimi per tutti coloro che si affacciano nel mondo dell'architettura e delle costruzioni è senza ombra di dubbio la meccanica delle strutture. Anche se in parte lezioni su questa materia si svolgono anche all'istituto tecnico "geometra"...
Università e Master

Come spiegare la legge di Ohm

Questo articolo ha lo scopo di spiegare come funziona la legge di Ohm e la resistenza elettrica. In un regime stazionario la carica elettrica Q che attraversa una sezione S del circuito nel tempo t è: Q = I*t. La relazione relativa all'energia ceduta...
Superiori

Come calcolare la distanza di un fulmine

In questo breve articolo abbiamo l'intenzione di aiutare tutti i nostri lettori a riuscire a comprendere come poter calcolare, nella maniera più precisa possibile, la distanza di un fulmine, in modo tale da sapere dove è caduto e dove è partito. Cominciamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.