Appunti di sociologia della famiglia

di Gaetano Giangrande tramite: O2O difficoltà: facile

La psicologia, con il tempo, si è sviluppata dando origine a moltissime altre materie importanti. Tra queste materie troviamo la sociologia. La sociologia è ma materia che studia le persone singole e la società. In sociologia esistono diversi tipi di studi e di rami come la sociologia famigliare.
In questa guida troverete degli appunti, molto interessanti, di sociologia della famiglia.

1 Frederick Le Play La prima teoria sulla famiglia in sociologia ha luogo negli scritti di Frederick Le Play, editati tra il 1840 e il 1856, dove il concetto di società risponde ad un aggregato di famiglie e deve essere l’unità di osservazione e l’oggetto fondamentale di studio della nuova scienza sociale. Le Play si allontana dalla visione organicista e strutturale sulla realtà familiare per legittimare piuttosto le differenze all’interno del nucleo familiare, tanto tra genitori e figli quanto tra uomini e donne. Il modello cattolico e feudale di famiglia, secondo Le Play, deve prevalere come condizione necessaria per il funzionamento adeguato della famiglia stessa, dove la moglie è subordinata al marito nell’esercizio del suo ruolo di sposa e madre.

2 La famiglia in una prospettiva scientifica Il principale apporto della sociologia della famiglia, del secolo XIX, radica nella creazione di una tradizione teorica di rappresentazione della famiglia da una prospettiva scientifica. La nuova scienza moderna difende l’obiettività, l’esattezza, la relazione teoria-esperienza, l’universalizzazione dei processi. La tradizione teorica ricreata dai sociologi di quest’epoca e, che definisce la specificità della disciplina della sociologia della famiglia, consiste nel pensare alla realtà familiare come ad un modello differenziatore, che rappresenta la famiglia come un’entità organica in cui le posizioni e i ruoli dei suoi membri sono ineguali e si sviluppano in un contesto sociale più generale di ineguaglianza.

Continua la lettura

3 Durkheim Il secolo XIX tende a considerare la famiglia come istituzione sociale “I popoli si compongono non di individui ma di famiglie”, affermava Le Play, appoggiato da Durkheim, Spencer ed Engels.  Per Durkheim i cambiamenti nel diritto introducono modifiche nelle relazioni familiari e la stessa società moderna, la quale si evolve verso un diritto che garantisce maggior autonomia personale.  Approfondimento Sociologia: storia dell'educazione e dell'istruzione (clicca qui) Si definiscono i limiti del potere del padre e la maggior autonomia degli altri membri del nucleo, generando come risultato un senso più collettivo di famiglia, una solidarietà organica basata sulle differenze funzionali tra sessi, in cui però la donna continua ad occupare una posizione subordinata.

Non dimenticare mai: L'evoluzione della sociologia della famiglia, come il concetto stesso di famiglia, è in continua trasformazione.

Sociologia: la piramide di Maslow La sociologia è una scienza che studia che studia i fenomeni ... continua » Sociologia: la piramide di Maslow La sociologia è una scienza che studia che studia i fenomeni ... continua » Emile Durkheim e il Suicidio Emile Durkheim, sociologo, antropologo e storico delle religioni, nacque a Epinal ... continua » Appunti di sociologia dei consumi Per chi compie i propri studi in ambito sociologico, mettiamo a ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Positivismo: appunti

La corrente filosofica del Positivismo si diffonde nella seconda metà del XIX secolo a partire dalla Francia e diviene la cultura dominante fin quasi alla ... continua »

Durkheim: pensiero sociologico

Intraprendere un corso di studi, certamente fa aumentare la nostra cultura. Delle volte succede di rimanere molto affascinati da un libro che ci capita sotto ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.