Appunti di meccanica dei contenuti e delle strutture

di Lidia Venturiero tramite: O2O difficoltà: difficile

Una materia importantissimi per tutti coloro che si affacciano nel mondo dell'architettura e delle costruzioni è senza ombra di dubbio la meccanica delle strutture. Anche se in parte lezioni su questa materia si svolgono anche all'istituto tecnico "geometra" in realtà c'è da dire che la materia, chiaramente affrontata appunto da studenti di un età differente rispetto a laureandi, è vastissima e che sicuramente i più specializzati in calcoli strutturali sono gli ingegneri seguiti poi dagli architetti. Seguiranno alcuni appunti, alcune note, spunti, riguardanti questo argomento e saranno trattati in maniera piuttosto comprensibile anche se rimandiamo a testi di docenti universitari che hanno affrontato fino in fondo la materia. I contenuti dati saranno piuttosto spiegazioni e chiarimenti in merito allo scopo e agli utilizzi della meccanica delle strutture. Vediamo quindi un po' di appunti di meccanica dei contenuti e delle strutture, attraverso questa guida e alcuni passi fondamentali per la comprensione della materia.

1 Gli ingegneri Lo studio della scienza delle costruzioni è veramente fondamentale per poter progettare edifici. Chiaramente uno dei parametri fondamentali per un edificio è la sua stabilità, dunque la sicurezza, che non deve mai essere trascurata per nessun motivo. Indubbiamente coloro che per preparazione accademica sono maggiormente predisposti ad analizzare spostamenti infinitesimi di una struttura sono gli ingegneri. Spesso, erroneamente, si confonde l'attività dell'architetto con l'attività dell'ingegnere creando una brutta ambiguità che non fa bene a nessuno dei due mestieri. Architetto ed ingegnere sono entrambi fondamentali per un progetto, si completano. Poiché l'architetto è dotato di una cultura umanistica nettamente più vasta e di una preparazione che lo porta a compiere scelte compositive rispetto ad altre che mantengono la storia dell'architettura in un dibattito europeo costantemente aggiornato.

2 La meccanica Dunque la meccanica non si occupa soltanto di stabilire spostamenti ma anche deformazioni infinitesime, rotazioni, sollecitazioni ecc. E spesso si ricorre a modelli che ci servono a verificare le condizioni di equilibrio di una struttura. Va fatta una distinzione fra cinematica e statica. La cinematica è la parte della meccanica che si occupa dello spostamento di strutture indipendentemente dalle forze che lo provocano.

Continua la lettura

3 Modelli strutturali Fino ad ora abbiamo parlato di travi ma possiamo considerare anche altri modelli strutturali.  Fra i più comuni ci sono le funi (o aste reticolari), le piastre, i gusci.  Approfondimento Appunti di fisica tecnica ambientale (clicca qui) Ad ognuno corrispondono studi differenti.  Analizzarli e capirne i meccanismi è compito di questa materia importantissima.

Appunti di storia dell'architettura contemporanea La storia dell'architettura contemporanea è una materia fondamentale in diversi ... continua » Appunti di Biomeccanica del movimento La Biomeccanica del movimento è una scienza la quale determina lo ... continua » Appunti di Biomeccanica del movimento La Biomeccanica del movimento è una scienza la quale determina lo ... continua » Come Valutare I Gradi Di Libertà Di Una Catena Cinematica Piana La branca della fisica matematica che studia la statica e il ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.