Appunti di letteratura italiana: il Verismo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Nella letteratura italiana, per Verismo si intende un movimento letterario sviluppatosi fra il 1875 ed il 1895. Ciò che caratterizza il verismo è la volontà - da parte degli autori - di raccontare la realtà in maniera fedele ed oggettiva fotografando le diverse classi sociali e le loro condizioni reali. Non a caso il movimento del verismo deriva dal Positivismo prima - che nutre piena fiducia della scienza e dei metodi di ricerca sperimentali - e dal Naturalismo francese poi che vuole fotografare la realtà umana e sociale al naturale. Conosciamo meglio il verismo attraverso gli appunti presenti in questa guida.

24

Autori principali

Il verismo nasce ad opera di Luigi Capuana che ne determina regole e tecniche di scrittura. A lui si deve la "Poetica del vero" da cui trae spunto l'intero movimento e che prevedeva, per l'appunto, di ritrarre la realtà prendendo spunto dai fatti così come avvenuti. Capuana stabilì anche il metodo scientifico - attraverso cui doveva avvenire la ricostruzione dei fatti - ed il linguaggio da usare che non doveva essere retorico e non doveva in alcun modo alterare la realtà che doveva essere rappresentata. Le teorizzazioni di Capuana vennero messe fedelmente in atto da Verga e da un gran numero di altri scrittori fra cui Federico de Roberto, Matilde Serao, Salvatore di Giacomo, Grazia Deledda, Cesare Pascarella e Renato Fucini.

34

Metodo scentifico

Il metodo scientifico messo a punto da Capuana prevede la "tecnica dell'impersonalità" che diventerà la principale caratteristica delle opere veriste. Secondo questa tecnica devono essere i fatti stessi a parlare senza che l'autore li utilizzi per esprime la propria personalità o il proprio parere. Il racconto deve appunto essere impersonale. L'impersonalità è ben visibile nelle opere di Verga che non si lascia minimamente coinvolgere dalla storia e dei personaggi osservando il tutto quasi con accortezza scientifica.

Continua la lettura
44

Opere veriste

Le opere veriste che hanno segnato il movimento sono il "Il marchese di Roccaverdina", capolavoro per eccellenza di Luigi Capuana che racconta le vicende del marchese e della sua amante-serva di origine contadina. "I Malavoglia" di Giovanni Verga rientra nel ciclo dei vinti e racconta le vicende della famiglia di Padron'Ntoni. Molto importanti sono anche "La sorte" di Federico de Roberto, "Il ventre di Napoli" di Matilde Serao; "Assunta Spina" di Salvatore di Giacomo; "Cose der monno" di Cesare Pascarella, "Napoli aocchio nudo: lettere ad un amico" di Renato Fucini e "Fior di Sardegna" di Grazia Deledda.
La pecca di queste opere - che ha portato al declino del movimento stesso - è stata la diffusione di moltissime opere corredate dallo stesso tema e scritte con il medesimo stile. Questa non mutevolezza che caratterizza le opere del verismo ha condotto all'esaurimento del movimento stesso che fu travolto dalle opere Decadenti che avevano, per i lettori, il fascino e l'intrigo del nuovo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Dal Positivismo al Verismo

Nella prima metà dell'Ottocento si andò via via affermando una corrente di pensiero secondo la quale la scienza è al centro della conoscenza, estendendo il metodo scientifico a tutti i campi del sapere: il positivismo. Esso fu il prodotto della prima...
Superiori

Le novelle di Verga

Giovanni Verga, (1840-1922) è stato uno scrittore e drammaturgo italiano, riconosciuto come grande esponente di una corrente letteraria chiamata il Verismo. Lo scrittore, quindi, non ha più un ruolo chiave e partecipativo nel racconto, ma si pone al...
Superiori

Il verismo di Verga: Novelle rusticane

Giovanni Carmelo Verga (1840 - 27 gennaio 1922) è uno scrittore e drammaturgo italiano nato nella provincia di Catania che, con le sue opere, rappresenta pienamente la corrente letteraria del Verismo. Ha scritto romanzi ("I Malavoglia", "Mastro don-Gesualdo",...
Superiori

Letteratura italiana: il realismo dell' Ottocento

Nella letteratura italiana, l'Ottocento rappresenta un periodo di notevole interesse. La produzione letteraria conosce il realismo ed il verismo. Queste correnti nascono dalla degenerazione del primo Romanticismo. Dopo l'Unità, si diffondono idee positivistiche....
Superiori

Breve analisi de "I Malavoglia" di Verga

"I Malavoglia" è una delle opere maggiori di Giovanni Verga, uno dei maestri della narrativa novecentesca. Il romanzo è tutto imperniato sulla storia di una famiglia di pescatori siciliani, i Toscano (chiamati in paese "Malavoglia", da qui il titolo),...
Superiori

Come studiare la letteratura

Lo studio della Letteratura è uno degli argomenti più discussi dagli alunni di tutto il mondo. Esistono molte tecniche e approcci allo studio di questa materia ma ognuno di essi può adattarsi o meno al nostro stile e capacità di assimilazione dei...
Superiori

Letteratura del XIX secolo

Letteratura del XIX secolo italiana ed europea ha una tradizione ampia e varia, che rispecchia gli enormi cambiamenti politici e sociali avvenuti in questo secolo. Si passa dal Neoclassicismo alla modernità del Decadentismo, attraverso una miriade di...
Superiori

Letteratura italiana: il neorealismo

Molto più che una corrente letteraria ben precisa o un movimento culturale definito, il Neorealismo è un clima, un’influenza intellettuale che permea il tessuto artistico, in particolare quello della letteratura italiana, da cui si origina, tra gli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.