Appunti di chimica: la classificazione dei liquidi

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

In questa guida vedremo come vengono classificati i liquidi in chimica. Essi non sono altro che uno degli stati in cui si presenta la materia e che, specificatamente, se dovessero mancare tutte le forze esterne, si presenterebbero sotto forma sferica. Diversamente, come ben sappiamo, assumono la forma del recipiente che li contiene, avendo volume proprio, ma non forma propria. Questi appunti di chimica, nella fattispecie, ci serviranno per effettuarne la classificazione, a seconda se le particelle da cui essi sono costituiti sono esclusivamente molecole oppure presentano anche degli atomi di metallo (come nel mercurio), o degli ioni che hanno segno contrario. Queste tre differenti manifestazioni all'interno dei liquidi attribuiscono loro delle differenti proprietà.

24

Partendo dunque dal concetto che i liquidi molecolari sono formati da molecole unite da legami di vario tipo, vedremo che questi sono i liquidi più diffusi e spesso si presentano in tal modo a temperatura ambiente. In questa categoria troviamo, ad esempio, l'acqua, l'etanolo, e l'acido acetico (formati da molecole tenute insieme da legami a idrogeno), l'acetone (sostanza polare in cui si riscontrano legami dipolo-dipolo), gli idrocarburi delle benzine e del gasolio (composti apolari, le cui molecole sono legate da forze di London). Nel momento in cui si verifica un pari peso molecolare, i punti di ebollizione di queste sostanze variano a seconda dell'intensità dei legami intermolecolari. Li riscontriamo infatti più bassi nelle sostanze apolari, di valore intermedio in quelle che presentano legami dipolo-dipolo e più elevati nei composti le cui molecole si uniscono con legami a idrogeno. Comunque, i punti di ebollizione dei liquidi molecolari sono relativamente bassi in confronto a quelli degli altri liquidi. Infine i liquidi non contengono cariche mobili e pertanto non sono conduttori di corrente elettrica.

34

Invece gli atomi di metallo vanno a costituire i liquidi metallici. Fra questi, soltanto il mercurio si presenta liquido a temperatura ambiente, mentre gli altri fondono, ossia diventano liquidi, se le temperature si elevano, in funzione naturalmente della forza del legame metallico. Sono buoni conduttori di corrente a causa della presenza di elettroni delocalizzati.

Continua la lettura
44

I liquidi ionici, infine, sono formati da ioni di segno opposto. Si ottengono a temperature elevate per fusione dei cristalli ionici. Per esempio, il cloruro di sodio diventa liquido a 801 °C: questa temperatura è così alta che le vibrazioni degli ioni Na+ e Cl- vincono gli intensi legami che li uniscono. Naturalmente, perché un liquido ionico raggiunga la temperatura di ebollizione, occorre fornire una quantità d'energia ancora maggiore. Il cloruro di sodio bolle a 1413 °C. A questa temperatura, si allontanano dal liquido coppie di ioni di segno opposto, che possono essere considerate vere e proprie molecole di cloruro di sodio. I liquidi ionici manifestano un'alta conducibilità elettrica, dovuta alla presenza di cariche mobili (gli ioni).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come determinare la carica poliatomica degli ioni

Nella nostra guida trattiamo un argomento di chimica molto interessante: come determinare la carica poliatomica degli ioni. La chimica è una branca delle scienze naturali che studia la struttura della materia e i cambiamenti di quest’ultima in funzione...
Superiori

Come identificare la chimica degli ioni di idrogeno

L'idrogeno è l'elemento chimico più diffuso nell'universo e viene utilizzato dalle stelle come combustibile. Lo ione di idrogeno, detto Idrogenione ed indicato con il simbolo chimico sulla tavola degli elementi H+, è un derivato dell'atomo di idrogeno....
Superiori

Nozioni elementari di chimica

La chimica è una scienza alquanto complessa che si occupa di studiare la composizione, le proprietà, i comportamenti e i modi di reagire della materia. Esistono varie branche che compongono quest'affascinante materia e si specializzano in diversi campi....
Superiori

Come calcolare il numero di molecole in una mole

L'argomento oggi affrontato riguarda la chimica, materia ritenuta assai ostica da molti studenti. Tuttavia con determinazione e buona capacità mnemoniche si possono raggiungere soddisfacenti risultati anche in questo campo. Questa guida sicuramente saprà...
Università e Master

Appunti di chimica inorganica: i composti di coordinazione

Studiare la chimica fin dagli anni del liceo, può creare parecchi dubbi e parecchie perplessità. Molti infatti amano studiare le varie composizioni chimiche, i vari composti e lo studio della materia in generale, altri invece fin dagli inizi dello studio...
Università e Master

Appunti di chimica: il modello VSEPR

In sostanza consiste in alcune semplici valutazioni della struttura di una molecola per arrivare al decretarne la geometria. Questa teoria si basa su semplici assunzioni derivanti dalla fisica e dall'elettrostatica: le coppie elettroniche di non legame...
Superiori

Chimica: il legame a idrogeno

La chimica è una scienza complessa ma fondamentale per conoscere come è fatto tutto ciò che circonda. La materia infatti è composta da atomi, ciascuno di essi elencato nella tavola periodica degli elementi, che si combinano a formare molecole tramite...
Superiori

Appunti di chimica

La chimica è la scienza che studia la composizione e le proprietà della materia.In particolare, si occupa di studiare le sue componenti microscopiche (atomi e molecole) e leinterazioni fra di esse sotto forma di reazioni chimiche. Due importanti branche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.