Appunti di chimica: l'ossidoriduzione

di Roberto Mura tramite: O2O difficoltà: media

Si definisce ossidoriduzione una reazione chimica in cui si ha uno scambio di elettroni, da una specie chimica ad una altra, ed entrambe le specie coinvolte cambiano il loro numero di ossidazione. Il numero di ossidazione rappresenta la differenza tra il numero degli elettroni di valenza dell'atomo e il numero di elettroni rimanente, dopo l'assegnazione di tutti gli elettroni di legame all'elemento più elettronegativo di ogni coppia. Ecco alcuni appunti di chimica su l'ossidoriduzione. Vediamo dunque come affrontare questo argomento.

Assicurati di avere a portata di mano: Libro di Chimica

1 Specie Ossidante Innanzitutto si definisce specie ossidante quella che si riduce e che cede quindi gli elettroni all'altra specie coinvolta. Si definisce, invece, specie riducente quella che si ossida determinandone la riduzione dell'altra. Come si può riconoscere una redox? La cosa più semplice da verificare è se c'è stato un cambiamento del numero degli elettroni di entrambi gli elementi.  

2 Sale da Cucina esempio di ossidoriduzione L'esempio più semplice da considerare è la formazione del cloruro di sodio, noto come il sale da cucina. Considerando la reazione: 2Na + Cl2 → 2Na+Cl-. In NaCl il Na ha numero di ossidazione +1 e il Cloro -1. Il sodio (Na) perdendo un elettrone periferico si ossida e diviene ione sodio positivo. Il sodio iniziale, Na, era la forma ricca di elettroni è detta forma ridotta che si ossida facilmente in quanto ha una bassa affinità elettronica e un basso potenziale di ionizzazione. Lo ione sodio positivo che si ottiene, Na+, è la forma povera di elettroni ed è detta forma ossidata. Il Cloro (Cl) riceve l'elettrone, si riduce, diventando ione cloruro negativo. La forma Cl2 è detta forma ossidata mentre Cl- forma ridotta. Il Cloro si riduce in quanto ha una elevata affinità elettronica e un alto potenziale di ionizzazione: se trova gli elettroni liberi li cattura per completare il suo ottetto e trattiene fortemente gli elettroni. La regola dell'ottetto influenza l'affinità elettronica. Il cloro è un non metallo, alogeno, appartiene al settimo gruppo e tende ad acquisire un elettrone e formare lo ione cloruro per completare il proprio ottetto periferico ed assomigliare al gas nobile immediatamente seguente. Le reazioni redox sono alla base della vita, coinvolte nei più importanti processi biochimici, come la respirazione.  

Guarda il video:

Continua la lettura

3 La reazione Redox Infine le reazioni di ossidoriduzione (dette anche "redox") si possono considerare come lo svolgere contemporaneo di due semireazioni, in quanto, una specie subisce una reazione di ossidazione mentre l'altra specie ne subisce una di riduzione.  Per quanto riguarda la prima, avviene la perdita da parte di una specie chimica, ione o atomo di elettroni, che aumentano, così, il proprio di numero di ossidazione.  Approfondimento Come calcolare la carica di uno ione (clicca qui) Analogamente per quanto riguarda la reazione di riduzione, si ha l'acquisizione da parte dell'altra specie degli elettroni diminuendo il proprio numero di ossidazione.  Non ci possono essere elettroni liberi, quindi, affinché avvenga una reazione redox ci deve essere necessariamente un elemento reagente che sia disposto a cedere elettroni ed una altro disposto ad acquisirli.   . 

Appunti di chimica: le pile La chimica è una materia piuttosto complessa ma molto interessante. Purtroppo ... continua » Come bilanciare una reazione chimica di ossido-riduzione La chimica è una scienza molto vasta che studia come si ... continua » Chimica: come risolvere le titolazioni La scuola al momento sta lasciando respirare molti studenti, che si ... continua » Appunti di chimica: le pile La chimica è una materia complessa e allo stesso tempo interessante ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.